Castroneves nella storia: vince la sua quarta 500 Miglia di Indy

Helio Castroneves è entrato ufficialmente nella storia. Il brasiliano conquista il suo quarto successo alla 500 Miglia di Indianapolis. Classe '75, Helio precedes sul traguardo un ottimo Alex Palou e Simon Pagenaud. Successo numero 14 per Honda

Castroneves nella storia: vince la sua quarta 500 Miglia di Indy

"The greatest spectacle in racing". Così viene definita, anche - forse - esagerando con il patriottismo, la 500 Miglia di Indianapolis. Il catino dell'Indiana, nella sua 105esima edizione, incorona Helio Castroneves, che chiude la gara davanti ad Alex Palou e Simon Pagenaud.

Per Castroneves, quarantasei anni, si tratta di una vittoria conquistata con testa, cuore e talento. Partito dalla settima posizione, il brasiliano ha sonnecchiato per i primi 100 giri della corsa, per inserirsi stabilmente nelle posizioni di vertice dopo la seconda tornata di pit-stop. Suo grande rivale, per questa edizione, è Alex Palou.

Spagnolo, ventiquattro anni, il pilota del team Chip Ganassi ha dato filo da torcere a Castroneves, che a due giri dal termine ha definitivamente piegato la resistenza di Palou con un bel sorpasso all'esterno in Curva 1. Terzo chiude Pagenaud, vincitore nel 2019 - e protagonista di un brutto episodio nella 500 miglia virtuale dello scorso anno - capace di beffare Pato O'Ward negli ultimi metri della corsa, approfittando di una mancanza di mordente del messicano del team Arrow-McLaren.

Al via, Scott Dixon - il poleman - viene rapidamente infilato da Colton Herta e Rinus Veekay. La prima caution - la bandiera gialla che segnala l'ingresso in pista della safety car, una Corvette pilotata da Danica Patrick - viene esposta al giro numero 34. A causarla è Stefan WIlson, fratello dell'ex Formula 1 Justin, il quale finisce in testacoda all'ingresso in pit road, andando a sbattere contro il muretto e danneggiando pesantemente la sospensione anteriore destra. 

Dixon rientra ai box, ma un problema al suo V6 biturbo Honda lo costringe ad una sosta eterna: chance di vittoria praticamente azzerate, anche se ad Indianapolis sognare è sempre lecito.

Al via, al giro 46 Castroneves da fuoco alle polveri, facendo un sol boccone di tre avversari in poche curve, ma rimanendo lontano dalle posizioni di vertice.

Fortissime emozioni quando Graham Rahal, uscendo dalla pit road, è vittima del distacco della posteriore destra della sua monoposto, finendo pesantemente contro il muro. La gomma colpisce Daly all'anteriore della sua vettura, procurando danni importanti ma non tali da costringere lo statunitense al ritiro.

Terminata questa seconda ed ultima caution della gara, il guanto di sfida è lanciato tra Alex Palou e Castroneves. Helio, vecchia volpe, rimane in scia il più possibile allo spagnolo, andando così a risparmiare carburante con un sapiente lift-and-coast.

Quando mancano 30 giri al termine, Castroneves e Palou fanno davvero sul serio, sorpassandosi e difendendo la posizione senza esclusione di colpi. A due giri dal termine, però, è il brasiliano ad avere la meglio di Palou, conquistando così il suo quarto sigillo in carriera e scrivendo il prorpio nome nella leggenda di questo sport.

Cla Pilota Team Giri Tempo Gap Distacco Mph Punti
1 Brazil Helio Castroneves United States Michael Shank Racing 200 2:37'19.384     190.690 103
2 Spain Álex Palou United States Chip Ganassi Racing 200 2:37'19.877 0.492 0.492 190.680 85
3 France Simon Pagenaud United States Team Penske 200 2:37'19.947 0.562 0.069 190.679 71
4 Mexico Patricio O'Ward Arrow McLaren SP 200 2:37'20.325 0.940 0.378 190.671 65
5 United States Ed Carpenter United States Ed Carpenter Racing 200 2:37'20.627 1.242 0.301 190.665 66
6 United States Santino Ferrucci United States Rahal Letterman Lanigan Racing 200 2:37'28.472 9.087 7.845 190.507 57
7 United States Sage Karam United States Dreyer & Reinbold Racing 200 2:37'32.820 13.435 4.348 190.419 53
8 Netherlands Rinus van Kalmthout United States Ed Carpenter Racing 200 2:37'33.626 14.241 0.805 190.403 56
9 Colombia Juan Pablo Montoya Arrow McLaren SP 200 2:37'34.265 14.880 0.639 190.390 44
10 Brazil Tony Kanaan United States Chip Ganassi Racing 200 2:37'34.827 15.442 0.562 190.379 45
11 Sweden Marcus Ericsson United States Chip Ganassi Racing 200 2:37'35.901 16.516 1.073 190.357 39
12 United States Josef Newgarden United States Team Penske 200 2:37'41.689 22.304 5.787 190.241 36
13 United States Conor Daly United States Ed Carpenter Racing 200 2:37'42.076 22.692 0.387 190.233 37
14 Japan Takuma Satō United States Rahal Letterman Lanigan Racing 200 2:37'42.680 23.295 0.603 190.221 33
15 United States J.R. Hildebrand United States A.J. Foyt Enterprises 200 2:37'42.912 23.527 0.232 190.216 30
16 United States Colton Herta Andretti Autosport with Curb-Agajanian 200 2:37'48.187 28.802 5.275 190.110 37
17 New Zealand Scott Dixon United States Chip Ganassi Racing 200 2:37'58.025 38.641 9.838 189.913 36
18 United Kingdom Jack Harvey United States Michael Shank Racing 200 2:37'59.541 40.157 1.516 189.883 24
19 United States Marco Andretti Andretti Herta-Haupert with Marco & Curb-Agajanian 200 2:37'59.743 40.359 0.201 189.879 22
20 New Zealand Scott McLaughlin United States Team Penske 200 2:38'00.218 40.833 0.474 189.869 20
21 Canada James Hinchcliffe Andretti Steinbrenner Autosport 200 2:38'00.231 40.846 0.012 189.869 18
22 United States Ryan Hunter-Reay United States Andretti Autosport 200 2:38'00.960 41.576 0.729 189.854 19
23 Canada Dalton Kellett United States A.J. Foyt Enterprises 199 2:37'25.606 1 Lap 1 Lap 189.612 14
24 United Kingdom Max Chilton United Kingdom Carlin 199 2:37'35.319 1 Lap 9.713 189.417 12
25 Brazil Pietro Fittipaldi Dale Coyne Racing with RWR 199 2:37'40.795 1 Lap 5.475 189.308 10
26 France Sébastien Bourdais United States A.J. Foyt Enterprises 199 2:37'44.737 1 Lap 3.941 189.229 10
27 Sweden Felix Rosenqvist Arrow McLaren SP 199 2:37'45.510 1 Lap 0.773 189.213 11
28 United Arab Emirates Ed Jones Dale Coyne Racing with Vasser Sullivan 199 2:37'56.345 1 Lap 10.835 188.997 10
29 United States Alexander Rossi United States Andretti Autosport 198 2:37'40.728 2 Laps 1 Lap 188.358 10
30 Australia Will Power United States Team Penske 197 2:37'33.267 3 Laps 1 Lap 187.554 10
31 Switzerland Simona De Silvestro Paretta Autosport 169 2:21'09.195 31 Laps 28 Laps 179.592 10
32 United States Graham Rahal United States Rahal Letterman Lanigan Racing 118 1:33'12.579 82 Laps 51 Laps 189.894 11
33 United Kingdom Stefan Wilson United States Andretti Autosport 32 22'19.035 168 Laps 86 Laps 215.080 10
condivisioni
commenti
Indy 500: Dixon dalla pole in cerca del bis
Articolo precedente

Indy 500: Dixon dalla pole in cerca del bis

Prossimo Articolo

Cosa la F1 può imparare dalla Indy 500... e viceversa

Cosa la F1 può imparare dalla Indy 500... e viceversa
Carica commenti