Varato per il 2017 il nuovo raggruppamento DPi

Le vetture LMP2 potranno essere modificate con pacchetti aerodinamici e con i propri motori

L'introduzione delle nuove vetture LMP2 a partire dal 2017 lasciava presagire un futuro unificato anche nella classe Prototype della United SportsCar. Tuttavia, la voglia di non perdere marchi da sempre legati alla serie come Chevrolet o Ford, ha portato l'IMSA a dare vita ad un nuovo raggruppamento, la Daytona Prototype international (DPi).

Il concetto è semplice: si potranno utilizzare i telai delle vetture LMP2, ma adattarli per ospitare i propri motori e per calzare un pacchetto aerodinamico realizzato appositamente, che magari riprenda in qualche modo lo stile del marchio.

Queste continueranno a competare nell'ambito della classe Prototype, proprio come fanno attualmente le DP, quindi con un sistema di Balance of Performance che le dovrà equiparare alle LMP2 vere e proprie, che va ricordato dal 2017 dovranno montare necessariamente un propulsore Gibson.

Inoltre, almeno per quanto riguarda il 2017, ci sarà un permesso eccezionale anche per le vetture LMP2 con abitacolo chiuso che sono state costruite tra il 2014 ed il 2016, che quindi potranno continuare a correre.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati IMSA
Articolo di tipo Ultime notizie