Lacorte: "Daytona non ci è andata giù, la rifaremo sicuramente!"

Il pilota-capo della Cetilar Racing ha confermato la voglia di ritornare a correre la 24h in Florida dopo la bella e sfortunata uscita del gennaio scorso. C'è tutto il tempo per organizzarsi con Ferrari-AF Corse per definire bene il progetto.

Lacorte: "Daytona non ci è andata giù, la rifaremo sicuramente!"

La Cetilar Racing ha un conto in sospeso con Daytona e non ne ha fatto mistero in occasione della presentazione del programma 2021 che la vedrà impegnata nel FIA WEC.

La squadra capitanata da Roberto Lacorte cambia tutto e quest'anno sarà in azione con una Ferrari 488 in LMGTE Am, come sempre supportata da AF Corse.

A gennaio, però, la partecipazione al primo round dell'IMSA WeatherTech SportsCar Championship era servita al pilota toscano non solo per cominciare ad amalgamare il nuovo equipaggio formato da lui, Antonio Fuoco e Giorgio Sernagiotto (con Andrea Belicchi come coach), ma anche per dare un'ultima degna uscita alla Dallara LMP2 con la quale ha partecipato a Le Mans negli ultimi anni.

Purtroppo la sorte non è stata dalla parte di Cetilar, che nella Qualifying Race è scivolata sesta per un problema al servosterzo proprio quando poteva tranquillamente vincere, mentre nella 24h vera e propria ci si è messa di mezzo una sospensione a negare la possibilità di un bel risultato al team tricolore.

Ecco perché Lacorte e compagni hanno ribadito che faranno di tutto per essere ancora in Florida, non tanto per vendicarsi, quanto per confermare la bontà di un progetto che ora cambia volto.

"Non ci è andata giù per niente la sconfitta di Daytona e ci siamo resi conto che con il mezzo giusto, unito a regolamenti e condizioni adeguate, possiamo fare veramente bene - ha detto Lacorte in occasione della presentazione cui ha presenziato anche Motorsport.com - Per questo è nostra ferma intenzione tornarci".

"Oggi abbiamo la miglior macchina della categoria GT. Daytona è stupenda, ma completamente diversa dall'ambito europeo e questo ci ha colpito davvero. Al di là del brutto risultato finale, il nostro ritorno in IMSA non deve passare come rivincita perché sarebbe sciocco, ma per scrivere un'altra pagina di storia su una gara che ci ha affascinato tantissimo".

Le carte sono tutte in regola per fare bene, soprattutto ora che in mano si ha una Ferrari, che gli uomini della AF Corse conoscono fin troppo bene.

"Abbiamo un supporto importante in AF Corse. Quando c'è stato il guasto, Amato Ferrari mi ha abbracciato e ci ha detto che meritavamo di tornare per combattere per una posizione di vertice che era appannaggio nostro, quindi ci organizzeremo per rifarla sicuramente".

Detto ciò, dal prossimo anno l'IMSA escluderà le GTE dalla categoria GTLM causa scarsa presenza di team e costruttori. Al loro posto avremo le GT3 della nuova Classe GTD Pro riservata ai piloti e team ufficiali, mentre la GTD rimarra per i programmi clienti.

Mancando ancora parecchi mesi, Cetilar avrà tutto il tempo di organizzarsi con AF Corse per scegliere in quale categoria andare a competere, considerando anche le licenze dei piloti visto che Lacorte è Bronze e Sernagiotto è Silver.

condivisioni
commenti
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Articolo precedente

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Prossimo Articolo

Bortolotti: "Lamborghini mi ha ripreso, è una responsabilità"

Bortolotti: "Lamborghini mi ha ripreso, è una responsabilità"
Carica commenti