La Ford GT e la Shank Racing lasciano il segno a Laguna Seca

condivisioni
commenti
La Ford GT e la Shank Racing lasciano il segno a Laguna Seca
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
02 mag 2016, 08:21

Primo centro stagionale per entrambe le realtà nella gara riservata alle classi Prototype e GT Le Mans. Grande prova a livello di strategia per la GT della Ganassi Racing. Pew e Negri invece trionfano in solitaria.

#67 Ford Performance Chip Ganassi Racing Ford GT: Ryan Briscoe, Richard Westbrook
#60 Michael Shank Racing with Curb/Agajanian Ligier JS P2 Honda: John Pew, Oswaldo Negri
#67 Ford Performance Chip Ganassi Racing Ford GT: Ryan Briscoe, Richard Westbrook
#60 Michael Shank Racing with Curb/Agajanian Ligier JS P2 Honda: John Pew, Oswaldo Negri
#67 Ford Performance Chip Ganassi Racing Ford GT: Ryan Briscoe, Richard Westbrook
#60 Michael Shank Racing with Curb/Agajanian Ligier JS P2 Honda: John Pew, Oswaldo Negri
#73 Park Place Motorsports Porsche GT3 R: Patrick Lindsey, Jörg Bergmeister
#60 Michael Shank Racing with Curb/Agajanian Ligier JS P2 Honda: John Pew, Oswaldo Negri
#63 Scuderia Corsa Ferrari 488 GT3: Christina Nielsen, Alessandro Balzan
#3 Corvette Racing Chevrolet Corvette C7.R: Antonio Garcia, Jan Magnussen

La tappa di Laguna Seca dell'IMSA è stata quella delle prime volte, almeno per quanto riguarda la gara che ha visto scendere in pista i protagonisti delle classi Prototype e GT Le Mans.

Nella prima è infatti arrivata la prima affermazione stagionale della Ligier-Honda LMP2 della Michael Shank Racing, mentre tra le supersportive c'è stata l'affermazione della Ford GT della Ganassi Racing, sesta assoluta al traguardo con la coppia composta da Ryan Briscoe e Richard Westbrook.

Dopo 80 giri di gara, è stato Ozz Negri a transitare per primo sotto alla bandiera a scacchi, dopo aver rilevato al volante John Pew. Una vittoria che è stata resa abbastanza agevole da un testacoda della Lola-Mazda di Bomarito/Nunez, che ha anche regalato il podio alle due Corvette DP degli equipaggi Goossens/Dalziel e Cameron/Curran.

La vittoria della Ford in classe GTLM è arrivata invece a colpi di strategia: Westbrook ha dimostrato di avere un piede davvero "vellutato" ed è riuscito a completare oltre 50 giri del tracciato californiano con un pieno.
Situazione che gli ha permesso di avere la meglio sulla Ferrari della Scuderia Corsa, che era scattata dalla pole position con la coppia Pier Guidi/Serra. Sul gradino più basso del podio è salita invece la Porsche della Core Autosport con Bamber/Makowiecki, distanziata però di un giro.

Pos.PilotaAutoTempo
1 John Pew
Oswaldo Negri Jr.
Ligier JS P2 2:011.145
2 Regno UnitoRyan Dalziel
BelgioMarc Goossens
Corvette DP +30.099
3 Eric Curran
Stati UnitiDane Cameron
Corvette DP +30.954
4 Tristan Nunez
Jonathan Bomarito
Lola B12/80 Coupe +1:03.035
5 Regno UnitoKatherine Legge
Stati UnitiSean Rayhall
DeltaWing DWC13 +1:08.594
6 AustraliaRyan Briscoe
Regno UnitoRichard Westbrook
Ford GT '16 +1 lap
7 ItaliaAlessandro Pier Guidi
Daniel Serra
Ferrari 488 GTE +1 lap
8 Stati UnitiJordan Taylor
Stati UnitiRicky Taylor
Corvette DP +2 laps
9 FranciaFrédéric Makowiecki
Nuova ZelandaEarl Bamber
Porsche 911 RSR +2 laps
10 DanimarcaJan Magnussen
SpagnaAntonio Garcia
Chevrolet Corvette C7.R +2 laps
11 FinlandiaToni Vilander
ItaliaGiancarlo Fisichella
Ferrari 488 GTE +2 laps
12 Dirk Müller
Joey Hand
Ford GT '16 +2 laps
13 Stati UnitiTommy Milner
Regno UnitoOliver Gavin
Chevrolet Corvette C7.R +2 laps
14 Regno UnitoNick Tandy
FranciaPatrick Pilet
Porsche 911 RSR +2 laps
15 Bill Auberlen
Dirk Werner
BMW M6 GTLM +2 laps
16 John Michael Edwards
Lucas Luhr
BMW M6 GTLM +2 laps
17 PortogalloJoao Barbosa
BrasileChristian Fittipaldi
Corvette DP +4 laps
18 Joel Miller
Tom Long
Lola B12/80 Coupe +46 laps
Prossimo articolo IMSA
Memo Gidley è stato operato anche alla schiena

Articolo precedente

Memo Gidley è stato operato anche alla schiena

Prossimo Articolo

Ecco la nuova Mazda RT24-P che darà l’assalto all’IMSA

Ecco la nuova Mazda RT24-P che darà l’assalto all’IMSA
Carica commenti