La Cadillac del team AXR si impone a Long Beach. Successo Corvette in GTLM

condivisioni
commenti
La Cadillac del team AXR si impone a Long Beach. Successo Corvette in GTLM
David Malsher
Di: David Malsher , US Editor
15 apr 2018, 09:44

La gara di Long Beach si è rivelata decisamente emozionante e le differenti strategie hanno contribuito alla lotta in pista. A trionfare sono stati Filipe Albuquerque e Joao Barbosa, mentre in GTLM il successo è andato a Gavin e Milner.

Podio GTLM: i vincitori Oliver Gavin, Tommy Milner, Corvette Racing
I vincitori Joao Barbosa, Filipe Albuquerque, Action Express Racing
#7 Acura Team Penske Acura DPi, P: Helio Castroneves, Ricky Taylor
#7 Acura Team Penske Acura DPi, P: Helio Castroneves, Ricky Taylor
#6 Acura Team Penske Acura DPi, P: Dane Cameron, Juan Pablo Montoya
#66 Chip Ganassi Racing Ford GT, GTLM: Dirk Müller, Joey Hand, #67 Chip Ganassi Racing Ford GT, GTLM: Ryan Briscoe, Richard Westbrook
#4 Corvette Racing Chevrolet Corvette C7.R, GTLM: Oliver Gavin, Tommy Milner
#5 Action Express Racing Cadillac DPi, P: Joao Barbosa, Filipe Albuquerque
#4 Corvette Racing Chevrolet Corvette C7.R, GTLM: Oliver Gavin, Tommy Milner
#4 Corvette Racing Chevrolet Corvette C7.R, GTLM: Oliver Gavin, Tommy Milner takes the class win
#5 Action Express Racing Cadillac DPi, P: Joao Barbosa, Filipe Albuquerque

Juan Pablo Montoya è scattato bene dalla pole position mentre alle sue spalle Helio Castroneves ha subito scavalcato la Mazda di Harry Tincknell per salire in terza piazza alle spalle della Cadillac di Felipe Nasr, con Joao Barbosa in quinta posizione davanti a Renger van der Zande su Cadillac del Wayne Taylor Racing.

Una collisione tra Gustavo Yacaman e Kyle Masson in curva 3 ha subito costretto la direzione gara ad esporre la bandiera gialla.

Al restart Nasr ha beffato Montoya scavalcandolo ma non è riuscito a scappare via ed i due sono rimasti sempre molto vicini con Castroneves distante due secondi. Al ventunesimo giro è stata dichiarata la full course yellow a causa di una vettura ferma in curva 1 e tutti i prototipi sono entrati ai box ad eccezione proprio di Montoya e Nasr.

La Mazda ha scavalcato la Acura del team Penske con Bomarito al volante salito in terza posizione davanti a Ricky Taylor, mentre Albuquerque seguiva in quinta posizione.

La ripartenza è stata lineare e Nasr è riuscito ad incrementare il vantaggio su Montoya sino a dieci secondi, mentre Taylor ha dovuto pensare a difendersi da Albuquerque seguito da Dalziel e Jordan Taylor.

Nasr ha effettuato il pit a 45 minuti dal termine lasciando il volante ad Eric Curran, mentre cinque minuti dopo è stato imitato da Monotya che ha ceduto l’abitacolo a Cameron, ma il pit per il team Penske è stato molto lento.

Albuquerque è così salito al comando davanti a Ricky Taylor, Dalziel e Jordan Taylor, con Bomarito e Jarvis in quinta e sesta posizione con le due Mazda.

Il gruppo si è ricompattato a 25 minuti dal termine e Dalziel ha subito superato la Acura portandosi in seconda piazza, mentre Jarvis ha superato Bomarito per la quinta posizione.

I concitati minuti finali hanno visto proprio la Mazda di Bomarito retrocedere in quinta piazza alle saplle della Cadillac di Curran ed alla Oreca di Simpson.

GT Le Mans

Laurens Vanthoor ha preso la prima posizione subito sopravanzando il poleman Joey Hand seguito da Magnussen e dalla seconda Porsche di Pilet, con Gavin quinto davanti a Westbrook ed alle due BMW.

Tuttavia c’è subito stato un momento di dramma nelle fasi iniziali quando la Ford di Hand ha raccolto un pezzo di carrozzeria di una Porsche nella parte inferiore della propria vettura ed ha cercato di rimuoverlo zigzagando prima della bandiera verde.

Quando mancavano 70 minuti al termine Connor De Phillippi ha effettuato la sosta cedendo il volante ad Alexander Sims e questa mossa ha pagato quando è stata esposta la seconda bandiera gialla di giornata che ha consentito alla BMW di salire in testa.

Al restart Garcia è finito in testacoda ed è retrocesso in ottava posizione mentre il compagno di team, Milner, ha portato la Corvette in terza piazza alle spalle di Sims e Bamber e davanti alla Ford #66 guidata da Dirk Muller.

Bamber e Sims sono stati protagonisti di un grande duello al giro 34 che ha visto il pilota Porsche avere la meglio, ma poco dopo Sims è uscito di pista in curva 9 andando a colpire il muro e mettendo fine così alla sua gara.

Al comando è così salita la Porsche di Bamber seguita dalla Ford di Muller, ma la Corvette di Milner è stata capace di prendere la seconda posizione al giro 43 quando mancava poco più di un’ora e mezza al termine della gara. Briscoe, quarto, si è trovato in quarta posizione precedendo Garcia e Jonathan Edwards.

Alla ripartenza Bamber ha accusato un improvviso problema alla sospensione anteriore destra che ha consentito a Milner di prendere il comando delle operazioni davanti a Muller. Quest’ultimo è stato poi passato da Briscoe.

Milner ha sentito la pressione nei giri finali, compiendo anche un errore all’ultima curva, ma questo non ha gli ha impedito di transitare in prima posizione sotto la bandiera a scacchi davanti alle due Ford con la Corvette di Garcia quarta a due secondi e la BMW di Edwards in quinta posizione.

Cla ClassNumDriverChassisLapsTimeGapIntervalRetirementPitsPoints
1   P 5 portugal  Filipe Albuquerque 
portugal  Joao Barbosa 
Cadillac DPi 70 1:41'03.988       2  
2   P 2 united_states  Scott Sharp 
united_kingdom  Ryan Dalziel 
Nissan DPi 70 1:41'08.754 4.766 4.766   2  
3   P 10 united_states  Jordan Taylor 
netherlands  Renger van der Zande 
Cadillac DPi 70 1:41'09.237 5.249 0.483   2  
4   P 77 united_kingdom  Oliver Jarvis 
united_states  Tristan Nunez 
Mazda DPi 70 1:41'10.736 6.748 1.499   2  
5   P 6 colombia  Juan Pablo Montoya 
united_states  Dane Cameron 
Acura DPi 70 1:41'14.525 10.537 3.789   1  
6   P 7 brazil  Helio Castroneves 
united_states  Ricky Taylor 
Acura DPi 70 1:41'19.520 15.532 4.995   2  
7   P 31 united_states  Eric Curran 
brazil  Felipe Nasr 
Cadillac DPi 70 1:41'20.328 16.340 0.808   1  
8   P 99 canada  Mikhail Goikhberg 
south_africa  Stephen Simpson 
ORECA LMP2 70 1:41'23.674 19.686 3.346   2  
9   P 55 united_kingdom  Harry Tincknell 
united_states  Jonathan Bomarito 
Mazda DPi 70 1:41'23.974 19.986 0.300   2  
10   P 54 united_states  Jon Bennett 
united_states  Colin Braun 
ORECA LMP2 70 1:42'13.429 1'09.441 49.455   2  
11   GTLM 4 united_kingdom  Oliver Gavin 
united_states  Tommy Milner 
Corvette C7.R 69 1:41'04.298 1 lap  1 lap    1  
12   GTLM 67 australia  Ryan Briscoe 
united_kingdom  Richard Westbrook 
Ford GT 69 1:41'06.455 1 lap  2.157   1  
13   GTLM 66 united_states  Joey Hand 
germany  Dirk Müller 
Ford GT 69 1:41'08.462 1 lap  2.007   1  
14   GTLM 3 denmark  Jan Magnussen 
spain  Antonio Garcia 
Corvette C7.R 69 1:41'10.313 1 lap  1.851   1  
15   GTLM 24 united_states  John Edwards 
finland  Jesse Krohn 
BMW M8 GTE 69 1:41'18.321 1 lap  8.008   1  
16   GTLM 911 united_kingdom  Nick Tandy 
france  Patrick Pilet 
Porsche 911 RSR 69 1:42'19.577 1 lap  1'01.256   2  
17   P 52 colombia  Gustavo Yacaman 
colombia  Sebastian Saavedra 
Ligier LMP2 68 1:42'11.813 2 laps  1 lap    4  
18   GTLM 912 new_zealand  Earl Bamber 
belgium  Laurens Vanthoor 
Porsche 911 RSR 52 1:18'38.061 18 laps  16 laps    2  
19   GTLM 25 united_states  Connor de Phillippi 
united_kingdom  Alexander Sims 
BMW M8 GTE 37 57'16.973 33 laps  15 laps    1  
20   P 22 brazil  Pipo Derani 
united_states  Johannes van Overbeek 
Nissan DPi 32 49'50.475 38 laps  5 laps    1  
21   P 85 switzerland  Simon Trummer 
united_states  Robert Alon 
ORECA LMP2 20 1:20'27.978 50 laps  12 laps    2  
22   P 38 united_states  James French 
united_states  Kyle Masson 
ORECA LMP2 0
Prossimo articolo IMSA

Su questo articolo

Serie IMSA
Evento Long Beach
Sotto-evento Sabato, gara
Location Streets of Long Beach
Piloti Joao Barbosa, Tommy Milner, Filipe Albuquerque
Team Action Express Racing
Autore David Malsher
Tipo di articolo Gara