Daytona | Cadillac prega: "Speriamo negli Dei dell'elettronica"

Le V-LMDh di CGR e AXR non hanno brillato nella settimana dei test Roar e anche se le Qualifiche non sono state poi così negative, i piloti si augurano che in gara le cose possano andare bene senza problemi tecnici, il grande spauracchio per tutti in questo debutto.

Daytona | Cadillac prega: "Speriamo negli Dei dell'elettronica"
Carica lettore audio

Qual è il reale potenziale della Cadillac? Questa è la domanda che buona parte degli addetti ai lavori e apppassionati si sono posti al termine della settimana di test Roar Before the 24 che ha visto i protagonisti dell'IMSA SportsCar Championship di scena a Daytona per preparare la 24h del prossimo weekend.

Dopo svariate sessioni di Prove Libere, domenica scorsa si sono svolte le Qualifiche e le nuovissime V-LMDh hanno terminato al quarto, quinto e sesto posto della classifica generale e in Classe GTP.

In tutte queste giornate, però, le due vetture della Chip Ganassi Racing (#01 e #02) e quella di Action Express Racing (#31) sono apparse in difficoltà rispetto alle rivali, seppur i distacchi nelle prove per definire la griglia di partenza della gara di sabato e domenica non sembrino così preoccupanti.

Stando a quanto affermano da GM, i 366 giri messi insieme da venerdì a domenica dal trio di prototipi americani costruiti su telario Dallara non hanno avuto conseguenze negative in termini di affidabilità e sono risultati utili per la raccolta dati su sistemi meccanici e usura gomme.

#01 Cadillac Racing Cadillac V-LMDh: Sebastien Bourdais, Renger van der Zande, Scott Dixon, #02 Cadillac Racing Cadillac V-LMDh: Earl Bamber, Alex Lynn, Richard Westbrook

#01 Cadillac Racing Cadillac V-LMDh: Sebastien Bourdais, Renger van der Zande, Scott Dixon, #02 Cadillac Racing Cadillac V-LMDh: Earl Bamber, Alex Lynn, Richard Westbrook

Photo by: Art Fleischmann

"Penso che dai 15 minuti di prove libere extra fino al termine delle qualifiche, dove abbiamo fatto il nostro giro migliore, l'aderenza della pista sia aumentata in modo significativo e non abbiamo mai girato così velocemente; la macchina era fantastica", afferma Sébastien Bourdais, che condivide il volante della #01 di CGR con Renger Van Der Zande e Scott Dixon.

"Sono molto contento per il team Cadillac e credo che sia un ottimo inizio. Ovviamente non è l'obiettivo, ma è quanto di più vicino ci possa essere senza che venga raggiunto. Penso che sia di buon auspicio per la gara, quindi ora si tratta solo di affrontarla senza commettere errori e sperare che gli dei dell'elettronica siano con noi per 24 ore".

#02 Cadillac Racing Cadillac V-LMDh: Earl Bamber, Alex Lynn, Richard Westbrook

#02 Cadillac Racing Cadillac V-LMDh: Earl Bamber, Alex Lynn, Richard Westbrook

Photo by: Art Fleischmann

Dall'altro lato del box, Alex Lynn - collega di Earl Bamber e Richard Westbrook sulla #02 - aggiunge: "Sono abbastanza contento, ad essere sincero. Abbiamo apportato molti miglioramenti alla vettura negli ultimi due giorni e credo che il bilanciamento finale sia stato ottimo. Vedremo cosa ci riserverà la prossima settimana".

In AXR è toccato a Pipo Derani qualificare la #31 su cui vedremo anche Alexander Sims e Jack Aitken: "Non è stata la sessione di qualifica più fortunata per me. Ho fatto due giri di riscaldamento prima della bandiera rossa, cosa che non mi ha aiutato a causa dell'usura degli pneumatici".

"Ho fatto un ultimo tentativo, ma a quel punto la macchina non era ancora perfetta, e ovviamente senza un riferimento è difficile sapere cosa fare. In generale, credo che la vettura funzioni bene e la cosa più importante è che sia buona per la gara. Questo è il nostro obiettivo".

Leggi anche:
condivisioni
commenti

Daytona | Compromessi in Corvette: "Ci manca un po' di velocità"

Daytona | Le Ferrari arrancano, ma è presto per valutare la 296