Caldarelli inizia il 2018 con un bel podio alla 24 Ore di Daytona

condivisioni
commenti
Caldarelli inizia il 2018 con un bel podio alla 24 Ore di Daytona
Redazione
Di: Redazione , Redazione/Redakteure/Editeurs
30 gen 2018, 15:15

Il pilota italiano ha concluso al terzo posto in classe GTD al volante della Lamborghini Huracan GT3 portata in gara dalla Paul Miller Racing.

Victory lane, terzo posto GTD: #48 Paul Miller Racing Lamborghini Huracan GT3: Madison Snow, Bryan S
#48 Paul Miller Racing Lamborghini Huracan GT3: Madison Snow, Bryan Sellers, Andrea Caldarelli, Bryce Miller
#48 Paul Miller Racing Lamborghini Huracan GT3: Madison Snow, Bryan Sellers, Andrea Caldarelli, Bryc
#48 Paul Miller Racing Lamborghini Huracan GT3: Madison Snow, Bryan Sellers, Andrea Caldarelli, Bryce Miller
#48 Paul Miller Racing Lamborghini Huracan GT3: Madison Snow, Bryan Sellers, Andrea Caldarelli, Bryc
#86 Michael Shank Racing Acura NSX, GTD: Katherine Legge, Alvaro Parente, Trent Hindman, A.J. Allmen

Andrea Caldarelli apre in grande stile la stagione 2018. Il campione del Blancpain GT Series Endurance Cup ha infatti conquistato il terzo gradino del podio al termine della Rolex 24 Hours a Daytona, gara inaugurale dell’IMSA WeatherTech SportsCar Championship.

La maratona della Florida apre tradizionalmente la stagione agonistica ed il ventisettenne pescarese ha conquistato un podio di grande valore alla guida della Lamborghini Huracan GT3 del Paul Miller Racing. Al volante allo sventolio della bandiera a scacchi, l’italiano portacolori di Lamborghini Squadre Corse ha guidato il lavoro della compagine americana, migliorando esponenzialmente le prestazioni dello scorso anno.

"Sono molto felice di aver conquistato un podio nella prima gara dell’anno, su un palcoscenico di grande levatura come quello di Daytona. Sono altrettanto provato perché una gara di 24 Ore è uno sforzo incredibile sotto ogni aspetto, fisico, mentale e anche tecnico" ha detto Caldarelli.

"Quando eravamo in vetta alla corsa tra le vetture GTD, abbiamo sofferto di una perdita di potenza al motore, che ci ha quindi impedito di poter mantenere quella prestazione nelle ore finali. Tuttavia nonostante questo piccolo handicap, siamo riusciti a lottare con gli avversari, conquistando insieme al Paul Miller Racing un risultato prestigioso" ha aggiunto.

Prossimo articolo IMSA

Su questo articolo

Serie IMSA
Evento Daytona 24
Location Daytona International Speedway
Piloti Andrea Caldarelli
Team Paul Miller Racing
Autore Redazione
Tipo di articolo Ultime notizie