24 Ore di Daytona: la Mazda di Tincknell ritocca il limite nella sesta sessione di test

condivisioni
commenti
24 Ore di Daytona: la Mazda di Tincknell ritocca il limite nella sesta sessione di test
David Malsher
Di: David Malsher
06 gen 2019, 17:34

La sesta e penultima sessione dei test ufficiali della 24 Ored di Daytona si è conclusa con una doppietta Mazda, grazie ad Harry Tincknell ed Oliver Jarvis, che hanno chiuso separati tra loro da 392 millesimi.

Tincknell ha completato appena 4 giri nella sessione da 65 minuti per arrivare a piazzare il crono di 1'34"224, con cui ha fatto segnare il miglior tempo assoluto della tre giorni al volante della Mazda RT24-P #55. Una prestazione che gli aveva permesso di distanziare di ben sei decimi il resto del gruppo, fino a quando Jarvis ha ridotto il distacco nei suoi confronti proprio all'ultimo tentativo con la vettura gemella.

La migliore delle Cadillac è stata la #31 della Action Express con il nuovo acquisto Eric Curran, bravo a distanziare di soli 64 millesimi l'esperto compagno di squadra Filipe Albuquerque.

In quinta posizione c'è la Cadillac della Wayne Taylor Racing grazie a Jordan Taylor, mentre in sesta posizione c'è Romain Dumas con la Nissan della CORE Autosport, staccata di 0"7 dalla vetta. In settima ed ottava posizione troviamo poi le due Acura ARX05 della Penske con rispettivamente Juan Pablo Montoya e Ricky Taylor, entrambi staccati di meno di otto decimi.

Per quanto riguarda le LMP2, a svettare è stato Ben Hanley per i colori della DragonSpeed. La sua prestazione è stata davvero impressionante, perché è riuscito a ridurre a solo 1"7 il distacco dalle più veloci DPi. Alle sue spalle si è piazzato invece Gabriel Aubry per la PR1/Mathiasen.

Miglior tempo per la Ford GT #67 invece tra le GT Le Mans, grazie al crono di 1'43"083 firmato da Richard Westbrook, che ha distanziato di 423 millesimi la Corvetto che lo insegue. Tuttavia, va detto che sono ben nove le vetture di questa classe racchiuse nello specchio di appena sette decimi.

In terza posizione c'è l'altra Ford di Joey Hand, mentre in quarta posizione John Edwards ha issato la BMW davanti alla Porsche di Earl Bamber ed alla Ferrari di Davide Rigon. A seguire poi ci sono Tom Blomqvist (BMW), Nick Tandy (Porsche) ed Oliver Gavin (Corvette).

Oggi invece non sono in pista i protagonisti della classe GT Daytona, il cui impegno si è concluso ieri. Per tutti gli altri resta da disputare un'ultima sessione, che scatterà alle 14:45 locali.

Prossimo Articolo
24 Ore di Daytona: Bomarito guida la doppietta Mazda nella sessione notturna dei test

Articolo precedente

24 Ore di Daytona: Bomarito guida la doppietta Mazda nella sessione notturna dei test

Prossimo Articolo

La Nissan salta davanti alla Mazda nell'ultima sessione dei test della 24 Ore di Daytona

La Nissan salta davanti alla Mazda nell'ultima sessione dei test della 24 Ore di Daytona
Carica commenti

Su questo articolo

Serie IMSA
Evento Daytona, test di gennaio
Autore David Malsher