24 Ore di Daytona: i piloti Cadillac sospettano che la Acura abbia nascosto il proprio potenziale

condivisioni
commenti
24 Ore di Daytona: i piloti Cadillac sospettano che la Acura abbia nascosto il proprio potenziale
Di:
26 gen 2019, 09:24

Fernando Alonso e Renger Van der Zande si sono detti sicuri di non poter lottare per il successo perchè il BoP ha penalizzato estremamente la loro Cadillac nelle velocità di punta rispetto alle Acura.

Auto IMSA GTD
Auto IMSA GT
#29 Montaplast by Land Motorsport: Daniel Morad, Christopher Mies, TBD, Dries Vanthoor
#31 Whelen Engineering Racing: Felipe Nasr, Eric Curran, Pipo Derani
#67 Ford Chip Ganassi Racing Ford GT, GTLM: Ryan Briscoe, Richard Westbrook, Scott Dixon
#66 Ford Chip Ganassi Racing Ford GT, GTLM: Joey Hand, Dirk Mueller, Sebastien Bourdais
#62 Risi Competizione Ferrari 488 GTE, GTLM: Davide Rigon, Miguel Molina
#66 Ford Chip Ganassi Racing Ford GT, GTLM: Joey Hand, Dirk Mueller, Sebastien Bourdais
#66 Ford Chip Ganassi Racing Ford GT, GTLM: Joey Hand, Dirk Mueller, Sebastien Bourdais
#6 Acura Team Penske Acura DPi, DPi: Juan Pablo Montoya, Dane Cameron, Simon Pagenaud

Le due Acura ARX-05s hanno ottenuto il secondo ed il terzo tempo al giovedì alle spalle solamente della Mazda RT24-P, un risultato che andato oltre le aspettative del team secondo quanto dichiarato da Ricky Taylor.

La miglior Cadillac in griglia è stata la #31 dell’Action Express Racing con il quinto tempo a 748 millesimi di ritardo dalla vetta e davanti alla vettura #10 del Wayne Taylor Racing.

Questo risultato ha spinto Fernando Alonso ad affermare come il Balance of Performance adottato per la Cadillac DPi-V.Rs impedirà al team di lottare per la vittoria contro Mazda e Acura.

Il compagno di squadra di Alonso, Renger van der Zande, ha definito l’Acura come sicura favorita ripetendo poi quanto affermato dallo spagnolo in team di BoP.

Van der Zande, dopo aver evidenziato come il deficit di velocità della propria vettura rispetto alla Acura sia di 3mph, ha dichiarato a Motorsport.com: “Se guardate la velocità delle Cadillac rispetto alle Acura ed alle Mazda sui rettilinei vedrete una notevole differenza”.

“Ad ogni ripartenza ci supereranno senza problemi se saranno alle nostre spalle. Purtroppo il BoP non è stato applicato correttamente. Siamo piuttosto veloci nelle curve e forse questa è la ragione della bontà dei nostri tempi”.

Quando gli è stato chiesto se la Cadillac abbia spinto troppo al limite nel corso dei test Roar, Van der Zande ha replicato: “Quello era il nostro passo. Tutti abbiamo spinto molto, anche la Mazda ha fatto lo stesso, mentre le Acura no. Credo che abbiamo qualche asso nella manica”.

Anche il nuovo pilota dell’Action Express Racing, Pipo Derani, ha affermato come l’Acura non abbia svelato tutto il suo potenziale prima delle qualifiche.

“Non siamo i favoriti. Questa è una gara che la Acura può soltanto rischiare di perdere piuttosto che noi di vincere. Si sono nascosti ed hanno mostrato tutto il loro potenziale in qualifica”.

“Ad ogni modo spero, anche se non abbiamo la stessa velocità, di poter avere una vettura che possa giocarsela sul passo gara”.

Il pilota dell’Acura, Dane Cameron, non vede il suo team come favorito per il successo ed è certo che le Cadillac saranno rivali ostici in gara.

Ai microfoni di Motorsport.com ha dichiarato: “Credo che le Cadillac saranno vicine. Tutto dipende da come la gente decide di analizzare le qualifiche. Solitamente la #10 del WTR non si qualifica bene qui ma in gara è sempre tra i primi e lo stesso vale per le vettura dell’Action Express”.

“Sono certo che il vero potenziale di tutti si vedrà soltanto in gara e loro faranno parte della lotta per il successo”.

Simon Pagenaud, compagno di team di Cameron nella Acura #6, ha ammesso la superiorità della sua vettura sui rettilinei rispetto alle Cadillac.

“Credo che le Cadillac saranno avversari tosti in gara. Sono sempre lì e sono difficili da battere. Ci sono molte differenze tra le varie vetture. Le Mazda sono velocissime sul giro secco, noi abbiamo una buona velocità di punta, mentre le Cadillac godono di una grande coppia in uscita dalle curve”.

“La nostra velocità di punta è veramente buona, ma potremmo trovarci in difficoltà quando ci troveremo alle spalle delle vetture GT perché queste hanno una ottima trazione in uscita di curva”.

Prossimo Articolo
Ritardo nei voli, Mike Conway salterà la 24h di Daytona

Articolo precedente

Ritardo nei voli, Mike Conway salterà la 24h di Daytona

Prossimo Articolo

24 Ore di Daytona, 12° ora: le Cadillac si portano al comando a metà gara

24 Ore di Daytona, 12° ora: le Cadillac si portano al comando a metà gara
Carica commenti