Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Gara
GT World Challenge Europe Endurance 24h di Spa-Francorchamps

GTWC | Spa, 6a Ora: Aston Martin sale in testa, paura per Hook

La Safety Car è grande protagonista fra una serie di incidenti, tra cui quello che ha visto il pilota di Rinaldi rimanere fermo in mezzo alla pista e centrato da D'Silva, uscendo illeso. Classifica rimescolata, davanti la Vantage-Comtoyou su Mercedes e Audi, Ferrari in Top5 dopo una tamponata di Valentino Rossi.

Incidente tra la Ferrari #333 e la Porsche #61

La 24h di Spa continua a regalare emozioni quando il primo quarto di questo evento valido per GT World Challenge Europe/Intercontinental GT Challenge se n'è andato.

Proprio all'inizio della quarta ora, alla ripartenza dalla Safety Car, tra le varie bagarre ci sono state subito collisioni multilpe: la prima tra la Porsche #92 e la Mercedes #77 che ha mandato in ghiaia la 911, mentre nel settore centrale il rallentamento della McLaren #158 ha creato scompiglio tra chi sopraggiungeva e l'Audi #26 ha colpito la 720S sul posteriore finendo poi contro il muretto di sinistra, mentre l'Audi #38 per evitarla ha scartato a destra colpendo la Mercedes #16 che l'aveva appena affiancata.

Anche la Lamborghini #63 è dovuta rientrare con danni all'anteriore avendo pure perso il cofano, così come la BMW #98, ma poco dopo nuovo Full Course Yellow per recuperare la Lamborghini #78 mandata in ghiaia dalla Mercedes #3.

Il momento più brutto è arrivato però a metà della quarta ora, quando una collisione tra Christian Hook e Nicolas Baert nella discesa dopo 'La Source' ha visto la Aston Martin #12 di quest'ultimo parcheggiare a bordo pista nell'erba, mentre l'alfiere di Rinaldi Racing ha provato a portare poco più avanti e al sicuro la Ferrari #333.

Essendo troppo danneggiata, la 296 GT3 bianco-azzurra è rimasta ferma in mezzo al tracciato pericolosamente, con chi sopraggiungeva che scartava l'auto al pelo, cosa che non è riuscita ad Adrian D'Silva; il ragazzo di EBM ha scartato troppo tardi (avendo davanti altre due auto) e ha centrato nella parte posteriore sinistra la Ferrari, che è stata spedita contro al muretto di destra, impattando con il posteriore che si è incendiato.

 

La Safety Car è stata mandata subito in pista (piloti fortunatamente illesi) e sono passati parecchi minuti prima di poter ripartire, ma anche in questo caso non c'è stata tregua. Alla staccata della prima curva, le Porsche di Patric Niederhauser (#96 Rutronik Racing) e Laurin Heinrich (#22 Schumacher-CLRT) sono venute a contatto e quest'ultima si è fermata sul tracciato, costringendo nuovamente la SC a fare il suo ingresso in pista.

Si è ritirata per problemi pure la Porsche #54 della Dinamic GT, mentre la McLaren #188 è stata costretta a rientrare ai box per sostituire i dischi dei freni per un problema. Guai anche per l'Audi #111 che ha forato la posteriore destra procedendo per mezza pista molto lentamente, e la Porsche #992 che ha rotto una sospensione con ulteriori conseguenti danni a ruota e altro.

Nel frattempo, Valentino Rossi ha preso in mano il volante della BMW #46 ritrovandosi anche al comando, ma dopo aver condotto per alcune tornate ha iniziato a soffrire quando le prime gocce di pioggia hanno iniziato a scendere. Superato da una manciata di rivali, il 'Dottore' si è pure reso protagonista di una tamponata alla Ferrari #51 mandando Davide Rigon in testacoda alla 'Bus Stop'.

Poco dopo, Leonardo Moncini si è insabbiato a 'Les Combes' con l'Audi #88 colpito da un rivale e provocando un nuovo FCY+SC, cosa che è stata colta subito da diversi concorrenti per effettuare il pit-stop; alcuni hanno provato ad anticipare l'arrivo della pioggia montando le Pirelli scanalate, tra cui la M4 #46 di Rossi, ma per il momento il vento continua a spostare le nuvole e la perturbazione.

Fatto sta che con l'ennesimo raggruppamento, la classifica ne è uscita ulteriormente rimescolata, anche perché alcuni hanno scelto di rifermarsi e cambiare gomme; al comando è salita la Aston Martin #7 di Comtoyou Racing guidata ora da Marco Sorensen dopo il turno di Mattia Drudi, ma la Mercedes #9 di Boutsen VDS è in piazza d'onore dopo che le BMW di WRT #32 e #46 si sono fermate ancora per il cambio-pneumatici.

Stessa cosa ha fatto la Mercedes #60 di 2 Seas Motorsport, leader in Classe Gold Cup, quindi il terzo posto ora è dell'Audi di Tresor Attempto #99 minacciata dalle Ferrari di AF Corse-Francorchamps Motors #51 e #71.

Al 5° posto c'è la Ferrari #93 di Sky Tempesta che ha preso il comando delle operazioni in Classe Bronze Cup. Più indietro in questo lotto la #52 di AF Corse, che ha scontato prima un Drive Through per l'incidente in avvio di gara e poi 5" di penalità al pit-stop per velocità infranta in corsia box. Terza la Lamborghini #72 di Barwell.

Tornando alla Top10 assoluta, troviamo anche la Porsche #23 di Phantom Global ottava e la BMW #998 nona.

In Silver Cup passa davanti la Aston Martin #21 di Comtoyou Racing (settima generale) sulle Mercedes #57 di Winward e #10 di Boutsen VDS.

In PRO/AM è la McLaren #100 del Team RJN a condurre con un giro di vantaggio sulla Mercedes #4 di Crowdstrike-Riley, comodamente davanti alla #16 di Uno Racing-Landgraf, anche perché la AMG #888 di Triple Eight è finita contro le barriere dopo il 'Raidillon' sul finire della 6a ora, segnalando che Martin Konrad è comunque uscito sulle sue gambe senza problemi.

24h di Spa: Classifica LIVE

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente GTWC | Spa, 3a Ora: Ferrari al comando, pioggia in arrivo
Prossimo Articolo GTWC | Spa, 9a Ora: diluvio e Safety Car, largo ai tortellini

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia