Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Ultime notizie
GT World Challenge Europe Endurance 24h di Spa-Francorchamps

GTWC | Ferrari: 16" bastavano per sapere della corsia box chiusa?

Dai dati dei commissari emerge che solo 16" hanno separato gli ingressi in pit-lane di Cook e Pier Guidi, dunque quando il pilota Lamborghini-GRT si è fermato per il problema la Direzione Gara non ha avvisato in tempo del problema la Ferrari; poca reattività o margine ristretto?

#51 AF Corse - Francorchamps Ferrari 296 GT3: Alessandro Pier Guidi, Davide Rigon, Alessio Rovera

#51 AF Corse - Francorchamps Ferrari 296 GT3: Alessandro Pier Guidi, Davide Rigon, Alessio Rovera

Foto di: Emanuele Clivati | AG Photo

Sarebbe stato un altro capitolo di Storia con la S maiuscola per la Ferrari, che a Spa-Francorchamps avrebbe ampiamente meritato il terzo successo in una 24h nel 2024, dopo quelle conseguite a Daytona (IMSA, con la 296 GT3) e Le Mans (WEC, con la 499P), ma in questo caso non è bastata la bravura del team AF Corse-Francorchamps Motors, oltre al grande trio Pier Guidi/Rovera/Rigon.

Se la Dea Bendata si è mostrata cieca, va probabilmente aggiunto che la sfiga ci ha visto benissimo, ma anche che qualcuno forse ha avuto il colpo di... sonno quando ormai eravamo in dirittura d'arrivo. Ma cosa è successo esattamente? 

In occasione dell'ultimo pit-stop della 296 GT3 #51, Pier Guidi ha imboccato la corsia trovandola ostruita dalla Lamborghini #19 di Hugo Cook, rimasta in panne. In quel momento il ragazzo del team GRT era stato colpito da un problema tecnico che ha richiesto un reset della Huracan, non riuscendo a proseguire poiché il motore era andato in protezione, cosa che per altro gli era già successa alla sosta precedente.

#51 AF Corse - Francorchamps Ferrari 296 GT3: Alessandro Pier Guidi, Davide Rigon, Alessio Rovera

#51 AF Corse - Francorchamps Ferrari 296 GT3: Alessandro Pier Guidi, Davide Rigon, Alessio Rovera

Foto di: Emanuele Clivati | AG Photo

Pier Guidi ha dovuto attendere che arrivasse il furgoncino dell'assistenza a trainare via l'auto del Toro per poter passare, essendo l'ingresso della corsia box di Spa un corridoio delimitato da due muretti; la cosa che ha fatto arrabbiare enormemente tutti gli uomini di Maranello è stata la mancata segnalazione in tempo del problema da parte della direzione gara.

Lo stesso Pier Guidi aveva spiegato nel post-gara, parlando con i giornalisti presenti in sala stampa tra cui Motorsport.com (e raccontato nell'articolo di ieri), che se fosse arrivata una segnalazione avrebbe potuto effettuare una tornata in più rimandando la sosta di un giro, essendo ancora con un adeguato quantitativo di carburante a bordo e senza eccedere nel tempo di guida limite imposto dal regolamento, pur essendo quasi alla fine con tutto.

Stando alle notizie raccolte da Motorsport.com, che ha ottenuto i dati dalla direzione gara, emerge che è successo tutto molto rapidamente, in una situazione effettivamente al limite delle possibilità di chiunque nel comprendere ciò che stava avvenendo e conseguente azione. A quanto emerge dalla videata, ecco l'orario dei fatti:

15:41:36 - #19 (Hugo Cook) ENTRA AI BOX
15:41:52 - #51 (Alessandro Pier Guidi) ENTRA AI BOX
15:41:56 - #51 (Alessandro Pier Guidi) ENTRA AI BOX
15:42:20 - ENTRATA BOX BLOCCATA
15:43:34 - ENTRATA BOX NUOVAMENTE AGIBILE

Cook e Pier Guidi si sono trovati separati da soli 16", e il secondo messaggio che annuncia l'ingresso della #51 in realtà è dovuto al fatto che il piemontese ha dovuto arretrare lievemente rispetto alla riga dove viene inserito il limitatore, provando a cercare un varco che non c'era (come si può vedere anche nel video).

 

In così poco tempo, i commissari hanno dovuto capire la situazione, comunicarlo in direzione gara e attendere l'ok per intevenire, mentre quest'ultima avvisava del problema in quel momento in essere. Una procedura che deve essere sicuramente fatta il più velocemente possibile, ma non così immediata. E forse (ed è bene sottolinearlo) con un po' di reattività in più, ora saremmo qui a parlare d'altro.

L'ago della bilancia potrebbe essere il furgoncino che ha trainato via la Lamborghini, a detta di Pier Guidi già all'opera e in arrivo in retromarcia quando ha svoltato l'angolo della pit-lane. Probabilmente, avendo dovuto intervenire pure in precedenza per lo stesso motivo, era rimasto in pre-allarme, ma ciò significherebbe anche che le comunicazioni commissari-direzione gara per agire erano già state avviate.

Dunque non si spiega perché, se viene dato il via libera ad un mezzo di servizio per entrare in azione, automaticamente non si comunichi che l'ingresso della pit-lane è bloccato. Cosa che - stando ai dati sopracitati - è avvenuta a 28" dall'arrivo della Ferrari.

Probabilmente anche qui si è tratta di una fase dove un secondo in più o in meno avrebbe effettivamente potuto fare la differenza, nel bene e nel male. Come in quest'ultimo caso è purtroppo stato per la Ferrari, con 50" persi che hanno permesso alla Aston Martin di Mattia Drudi di prendere il comando e trionfare.

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente GTWC | Drudi, un peso tolto: "Occasioni così ce ne sono poche"
Prossimo Articolo GTWC | Una straordinaria 24h di Spa degna del Centenario

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia