Renault Sport Trophy, Roy Geerts abbassa il limite di 1”3

condivisioni
commenti
Renault Sport Trophy, Roy Geerts abbassa il limite di 1”3
Gabriele Testi
Di: Gabriele Testi , Rédacteur en Chef/Redaktionsleiter/Direttore Switzerland
13 mag 2016, 15:13

L’olandese della Equipe Verschuur, pur se affiancato a un più lento Miguel Ramos (17esimo), ha dominato il secondo turno di prove libere a Imola, mettendo dietro Bonifacio-Mendez e Williamson-Leventis.

Markus Palttala, Fabian Schiller, Team Marc VDS
Bruno Bonifacio, Andres Mendez, Oregon Team
Atmosfera
Meindert Van Buuren, V8 Racing
Oregon Team, bisarca

Il Renault Sport R.S. 01 Trophy non si era mai visto a Imola e i piloti non esitano ad abbassare sessione dopo sessione i tempi sul giro, anche se si tratta “soltanto” di prove libere e com’era naturale che accadesse anche in riva al Santerno.

Così, la coppia formata da Roy Geerts e Miguel Ramos (il primo, in verità, molto più veloce del compagno di squadra) ha portato il limite del tracciato dell’Autodromo “Enzo e Dino Ferrari” a 1’40”424, cioè mostrando un guadagno di un secondo e tre decimi rispetto al miglior tempo della mattinata di venerdì firmato da Meindert Van Buuren (V8 Racing) in 1’41”792.

Roy Geerts: "È stata una buona giornata, su una pista nella quale non avevo mai guidato prima. Abbiamo iniziato con un set-up base, del quale ero già fiducioso, e siamo riusciti a fare anche meglio. Ho impostato dei buoni tempi prima della sessione finale, anche se quest’ultima non è stata abbastanza positiva avendo io usato le gomme del turno precedente. Tutto sommato, penso che saremo competitivi e sono fiducioso per domani. È ancora difficile sapere se pioverà, perché le previsioni della vigilia sono abbastanza incerte. Sabato sarà un giorno nuovo e vedremo a tempo debito che cosa succederà. In ogni caso, ci sarà da divertirsi: abbiamo un tetto che ci protegge dalla pioggia!".

La coppia olandese-portoghese della Equipe Verschuur ha messo dietro di sé Bruno Bonifacio, autore del secondo miglior rilievo cronometrico assoluto, e Andrés Mendez dell’Oregon Team, distanziati di appena 32 millesimi di secondi.

Il terzo posto virtuale è stato invece appannaggio del duo formato da Lewis Williamson e dal rientrante Nick Leventis, formazione della Strakka Racing, attardata sul traguardo di 0”336.

Dietro i big, con i primi dieci equipaggi raccolti in un solo secondo, David Fumanelli-Ash Hand (Oregon Team), Markus Palttala-Fabian Schiller (Team Marc VDS), dominatori di una delle gare Sprint del precedente appuntamento di Alcañiz congiunto agli altri campionati gestiti dalla Renault Sport, e la coppia familiare degli Schothorst (Pieter e il più lento Jeroen), che aveva monopolizzato invano la prima parte del secondo turno di prove non cronometrate per la Equipe Verschuur. 

Renault Sport Trophy - Imola - Prove Libere 2

Prossimo articolo GT