Formula 1
28 nov
-
01 dic
Evento concluso
12 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
87 giorni
MotoGP
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Evento concluso
WRC
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
WSBK
24 ott
-
26 ott
Evento concluso
Formula E
23 nov
-
23 nov
Evento concluso
G
Santiago ePrix
17 gen
-
18 gen
Prossimo evento tra
32 giorni
WEC
12 dic
-
14 dic
Evento concluso
21 feb
-
23 feb
Prossimo evento tra
67 giorni

Rueda-Saravia e Grenier-Siedler si dividono i successi a Barcellona

condivisioni
commenti
Rueda-Saravia e Grenier-Siedler si dividono i successi a Barcellona
Di:
22 set 2019, 19:00

Nella prima gara del weekend successo per l'equipaggio del Teo Martin Motorsport mentre nel secondo la vittoria è andata a quello dell'Emil Frey Racing.

Il Teo Martín Motorsport vince la Gara 1 a Barcellona-Catalunya con Fran Rueda-Andrés Saravia, e Martin Kodrić-Henrique Chaves, terzi, completano il successo del team spagnolo sulla pista di casa.

Tuttavia, il  successo è arrivato a tavolino, nel post-gara, dopo una penalità di 5 secondi per la Mercedes Antonelli Motorsport di Riccardo Agostini-Loris Spinelli, che aveva tagliato il traguardo come vincitrice dopo un sorpasso nell'ultima curva di Spinelli su Saravia, poi non ritenuto del tutto regolamentare dai commissari sportivi.

Il bel duello finale è arrivato al termine di una gara emozionante, ricca di battaglie ravvicinate e condizionata dai forti acquazzoni che si sono susseguiti, nonchè dalle strategie nella scelta delle gomme. Sono state premiate le squadre che avevano scelto gomme slick per il secondo stint e che si sono fermate il più tardi possibile.

Giacomo Altoè-Albert Costa, nella gara di casa per il catalano, hanno commesso l'errore di mantenere la loro Lamborghini Emil Frey Racing con pneumatici da bagnato, finendo all'11 ° posto e senza segnare punti. Prima della gara 2 di domani, il loro vantaggio su Chaves-Kodrić e Rueda-Saravia (ora in parità al secondo posto della graduatoria) si è ridotto a 7 punti.

Antonelli Motorsport, nonostante la delusione, ha potuto godere del primo successo in Am con Giuseppe Cipriani, davanti a Janine Hill-John Shoffner (Mercedes GetSpeed) e ai debuttanti Claude Yves Gosselin-Pierre Feligioni (Boutsen Ginion Lambo).

In Pro-Am, Frederik Schandorff, in coppia con Tuomas Tujula, ha ridotto il divario in classifica a 2 punti, dopo aver firmato la sua terza vittoria stagionale, davanti alla Mercedes di Ward-Dontje (HTP Motorsport) e Remenyako-Schiller (GetSpeed).

Il via, con la pista bagnata, è stato piuttosto agitato, e ha visto il poleman Crestani superato da Altoè e Schiller alla seconda curva, quando l’italiano ha frenato lungo 2 ° turno, quando l'italiano ha smesso di frenare. Ne è risultata una fase concitata nel gruppo di testa, con contatti e un testacoda di  Siedler, e poi da un contatto fra Rueda e Tujula. E’ pero’ l’uscita di Marcin Jedlinski nella ghiaia a provocare l’intervento della safety car per rimuovere l'Audi.

Al riavvio, Schiller prende il comando da Altoè, seguiti da Crestani, Turner, Rueda e Siedler, mentre la battaglia è feroce per il settimo posto in un gruppo comprendente Gonda, Agostini, Companc, Liang e Tujula, con toccate e sorpassi a vicenda.

Nella fase di pit stop, suelli che optano per le slick si vedono avantaggiati, poiché la pista si va asciugando rapidamente nella seconda metà gara. Ramos è il leader ma, come Costa, non sarà in grado di resistere molto con le sue gomme da pioggia,mentre Spinelli e Chaves rimontano e prendono il comando, prima che il portoghese vada fuori pista, evitando miracolosamente il muro ma dovendo lasciar passare Saravia e Grenier. Chaves centrerà Grenier un po’ più tardi, in un attacco incauto, mandando in testacoda il canadese e beccandosi dieci secondi di penalità.

Spinelli e Saravia si battono ferocemente per la vittoria, mentre Chaves recupera il terzo posto davanti a Grenier, Ramos e Schandorff, che guida la Pro-Am. Al 29 ° giro, Saravia supera Spinelli, leggermente ostacolato da Onslow-Cole che sta per essere doppiato.

 

La fine della gara è ancora più intensa, visto che Spinelli non si arrende. Il suo ultimo tentativo, all'ultima curva, avrà successo, dopo che le due vettura di testa piombano sulla McLaren attardata di Khodair (... e appartennete a Teo Martín Motorsport). Spinelli approfitta della situazione per superare entrambe le McLaren all'esterno, ma con mezza macchina fuori pista, e cio’ provoca l'investigazione dei commissari che porterà ad invertire le posizioni dei primi due.

La seconda gara del weekend è stata invece vinta dall’Emil Frey Racing con Grenier-Siedler davanti a Costa-Altoè.

Al via Costa ha mantenuto la prima posizione davanti a Saravia, Grenier, Khodair, Salas, Spinelli, Cole, Chaves e Perera.

La finestra per i pit stop si è aperta al giro 14 e Rueda è stato il primo ad entrare ai box tra i piloti di testa. Dopo che tutte le soste sono state effettuate, Siedler è salito al comando precedendo Altoè di un secondo e Salas di 11, mentre Hahn, Kodric,Turner, Agostini, Pierburg, Crestani e Rueda hanno seguito ben più lontanit.

Al giro 24 Perez-Companc è andato in testacoda e due giri dopo Hahn ha ceduto alla pressione di Kodric, Turner e Agostini.

A 9 minuti dal termine è entrata in pista la safety car per consentire ai commissari di rimuovere la Lamborghini di Tujula. Alla ripartenza c’è stato un contatto tra Schiller e Razak ma le posizioni sono rimaste invariate con Siedler che ha centrato il successo davanti ad Altoè e Salas.

Prossimo Articolo
GT Open: doppietta a Silverstone per Albert Costa e Giacomo Altoè

Articolo precedente

GT Open: doppietta a Silverstone per Albert Costa e Giacomo Altoè

Prossimo Articolo

Albert Costa e Giacomo Altoè conquistano il titolo a Monza

Albert Costa e Giacomo Altoè conquistano il titolo a Monza
Carica commenti