Pantano e la BhaiTech campioni in classe GTS

Nella seconda gara di Barcellona la vittoria è andata alla Corvette di Francesco Pastorelli e Camp

Pantano e la BhaiTech campioni in classe GTS
Il più giovane dei fratelli Pastorelli, Francesco, e Jacky Camp si sono imposti con autorità nell’ultima gara dell’anno dell'International GT Open, su una Corvette del V8 Racing, davanti a 20.000 spettatori, in una giornata che ha visto Giorgio Pantano e il BhaiTech Racing strappare i rispettivi titoli in GTS. Dopo la debacle di ieri, il padovano ha dovuto lottare per conseguire il successo, giunto all’ultimo giro, quando ha superato la Ferrari AF di Fabio Onidi-Filip Salaquarda per il secondo posto in GTS, dietro i vincitori del giorno, Pol Rosell-Roman Mavlanov (Ferrari SMP Racing), al terzo centro stagionale. I punti del secondo posto hanno permesso a Pantano di ritrovarsi appaiato a 56 punti con Lorenzo Bontempelli e di vincere il titolo per il maggior numero di vittorie (3 a 1). Sia Bontempelli che Rafael Suzuki, l’altro pilota in lizza per la corona GTS, hanno vissuto una giornata difficile, finendo fuori la zona-punti. Le McLaren del Bhai Tech Racing conquistano così il titolo Team GTS, rompendo la supremazia di quattro anni del Kessel Racing. La gara è stata caratterizzata da due neutralizzazioni, una per la collisione multipla in mezzo al gruppo al via, che ha implicato Kox, Magnussen, Tutumlu, Broniszewski, De Castro e Maleev, l’altra poco dopo per una collisione fra Swift e Nathan. Gli altri verdetti ancora in sospeso hanno visto la Ferrari imporsi fra i Costruttori nelle due categorie ed Alexander Talkanitsa sr. confermarsi vincitore del primo Gentlemen’s Trophy, dopo i successi parziali odierni di Camp e Balthazard.

GT Open - Barcellona - Gara 2

GT Open - Classifica campionato

condivisioni
commenti
Successi di Broniszewski-Peter e Soulet-Barba

Articolo precedente

Successi di Broniszewski-Peter e Soulet-Barba

Prossimo Articolo

Pantano: "Bello vincere il titolo alle ultime due curve"

Pantano: "Bello vincere il titolo alle ultime due curve"
Carica commenti