Stefano Gai e Giancarlo Fisichella si impongono in Gara 2 al Mugello

condivisioni
commenti
Stefano Gai e Giancarlo Fisichella si impongono in Gara 2 al Mugello
Di:
15 lug 2018, 16:29

L'equipaggio della Scuderia Baldini domina la seconda gara del weekend e sale sul gradino più alto del podio davanti a Postiglione-Venturini e Baruch-Fassler.

Stefano Gai e Giancarlo Fisichella-Gai, Scuderia Baldini 27
La partenza di Gara 2
#7 Audi R8 LMS-GT3, Audi Sport Italia: Baruch-Fassler
La partenza di Gara 1
#15 BMW M5-GT3, BMW Padova Team: Comandini-Krohn
 #8 Bentley Continental-GT3, Petri Corse Motorsport: Larini-Caffi
 #163 Porsche 997 Cup-S.GTCup: Di Benedetto-Guagliardo
#19 Lamborghini Huracan-GT3, Antonelli Motorsport: Vedel-Veglia
#176 Porsche 997 Cup My 12-GTCup: Pisani-Sauto
#102 Lamborghini Huracan-S.GTCup, Antonelli Motorsport: Perolini-Valente
#23 Lamborghini Huracan-GT3, Petri Corse Motorsport: Palma-Barri

Partenza al palo per Zampieri con Gai in seconda posizione. Il milanese della Scuderia Baldini parte bene e va in vetta, Mancinelli duella subito con Zampieri e passa in seconda posizione dietro al pilota della Scuderia Baldini. Comandini, in grande spolvero, pressa la Lambo di Venturini.

Fassler pressa Palma mentre va Caffi largo alla Materassi. Gai, prova ad allungare, ma Zampieri non si fa attendere e sigla il giro veloce 1’49”930. In Super GTCup Perolini davanti a Cenedese, mentre Mancinelli prova su Gai alla San Donato, durante il quarto passaggio.

In GT Cup testa della classifica per Sauto davanti a Nicolosi e Guagliardo che rientra ai box per un problema. Sempre al quarto giro, testa coda per Veglia per evitare il contatto con Comandini per uno “scodamento” della M6. Al quinto, colpo di scena con l’uscita dalla classifica di Zampieri, il pilota dell’Antonelli Motorsport centra un detrito perso dal compagno di squadra Veglia che gli provoca la rottura di un radiatore, costringerlo al ritiro.

Al sesto passaggio Mancinelli restituisce il sorpasso a Gai e si porta in testa alla gara. Al giro sette, Caffi e la sua Continental provano ad agganciare la Huracan di De Castro, mentre Mancinelli sigla il giro veloce con 1’49”860. Raffaele Giammaria (Imperiale Racing) saldamente in terza posizione, davanti a Giovanni Venturini.

Spinge Mancinelli all’ottavo passaggio, l’unico sotto il muro dell’1’50”. Veglia recupera una posizione su Caffi e prova l’affondo su De Castro e lo passa in uscita dalla San Donato, prima della Luco.

Classifiche stabili al tredicesimo passaggio, in attesa dell’apertura della finestra dei cambi che si apre al giro successivo, il primo a entrare è Palma (Petri Corse) che consegna la Huracan a Barri, Nicolosi lascia per la Mazza e Cenedese
scambia per Kikko Galbiati. Entrano anche Fassler (Audi Sport Italia) e Venturini che cambiano con Baruch e Postiglione, Caffi passa il testimone a Larini. Al quindicesimo passaggio, Gai entra e cambia per Fisichella, seguito da Comandini per Krohn e Sauto per Pisani.

Colpo di scena al giro diciassette per De Castro che dechappa uno pneumatico, posteriore destra, ma rientra e cambia per Piccioli, Perolini lascia il volante al giro diciotto, Krohn punta gli scarichi di Barri, Mancinelli (Easy Race) cambia per Fontana e Giammaria per Jiatong. Al 20° testacoda di Larini in uscita alla Poggio Secco ma riprende subito la gara.

Dopo i cambi, Fisichella sale in testa alla classifica seguito da Jiatong, Fontana e Baruch. In Super GTCup, Galbiati leader davanti a Valente mentre nella Gt Cup Pisani in testa davanti a La Mazza e Di Benedetto. Fontana forza su Jiatong, leggero contatto ma passa, mentre Postiglione è sugli scarichi di Baruch che tenta di contenere il pilota del Team Imperiale Racing.

Baruch reagisce, attacca Jiatong alla Bucine e passa con Postiglione che porta l’attacco al compagno di squadra e passa in quarta posizione. Al 24° Fisichella gestisce i quattordici secondi di vantaggio su Fontana, mentre Krohn insiste su Jiatong e passa in uscita della Savelli, mentre Baruch e Di Benedetto sono sotto investigazione per il tempo al cambio pilota.

Fontana va largo in sabbia tra le due arrabbiate, riesce a rientrare ma gara compromessa. Al giro ventisette Barri passa Jiatong e Fontana rientra con la posteriore sinistra k.o. a causa di una foratura per colpa di un detrito, questa la causa dell’uscita di Fontana.

Fisichella gestisce la gara dalla prima posizione con sedici secondi di vantaggio, davanti a Baruch e Postiglione, sempre in lotta per la seconda piazza. Postiglione rimane dietro a gestire i 2”67 di penalità inflitti a Baruch per la sosta ai box.

Sotto la bandiera a scacchi, vittoria per Fisichella-Gai (Scuderia Baldini) davanti a Postiglione-Venturini (Imperiale Racing) e Baruch-Fassler (Audi Sport Italia). In Super GTCup s’impongono Galbiati-Cenedese davanti a Perolini-Valente, entrambi Antonelli Motorsport.

In GT3 AM vittoria per De Castro-Piccioli. In GT Cup doppietta per Sauto-Pisani davanti a Nicolosi-La Mazza e Di Benedetto-Guagliardo.

Il Campionato Italiano Gran Turismo va in vacanza e tornerà a Settembre nel weekend del 7-9 Settembre.

Jesse Krohn e Stefano Comandini si impongono in Gara 1 al Mugello

Articolo precedente

Jesse Krohn e Stefano Comandini si impongono in Gara 1 al Mugello

Prossimo Articolo

Audi Sport Italia cambia ancora: a Vallelunga debutta nel GT Italiano Mattia Drudi

Audi Sport Italia cambia ancora: a Vallelunga debutta nel GT Italiano Mattia Drudi
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie GT Italiano
Evento Mugello
Sotto-evento Domenica, Gara 2
Piloti Giancarlo Fisichella , Stefano Gai
Team Scuderia Baldini 27 Network
Autore Stefano Reali