Il Campionato Italiano Gran Turismo si avvicina ai nastri di partenza

condivisioni
commenti
Il Campionato Italiano Gran Turismo si avvicina ai nastri di partenza
Stefano Reali
Di: Stefano Reali
18 apr 2018, 08:58

Occhi puntati sulla Scuderia Baldini che ha piazzato un doppio colpo: accanto al già annunciato Giancarlo Fisichella ci sarà Stefano Gai al volante della Ferrari 488 Evo. Ecco tutto quello che c'è da sapere sulla stagione 2018.

Partenza SGT3 gara 2
Ferrari 488-S.GT3 #27, Scudeira Baldini 27: Malucelli-Cheever
Partenza SGTCup gara 2
La partenza di Gara 1 SGTCup
Ferrari 488-S.GT3 #27, Scuderia Baldini 27: Malucelli-Cheever
Lamborghini Huracan, S.GTCup #116, Vincenzo Sospiri Racing: Cazzaniga-D’amico
Audi R8 LMS-GT3 #98, Audi Sport Italia: Magnoni-Rangoni
BMW M6 S.GT3 #15, BMW Team Italia: Comandini-Cerqui
Lamborghini Huracan- S.GT3 #63, Antonelli Motorsport: Zampieri-Agostini
Audi R8 LMS-S.GT3 #8, Audi Sport Italia: Treluyer-Ghirelli
Azione di gara
Partenza Gara 2
Partenza Gara 2 Super GT Cup
azione di gara
Ferrari 458 Italia Evo-GTCup #161, Caal Racing: Baccarelli - Ferrara
Partenza Gara 1 SGT3
Partenza SGTCup Gara 1
Lamborghini Huracan-S.GTCup #103, Antonelli Motorsport: Perolini-Alessandri
Lamborghini Huracan-S.GTCup #106, Vincenzo Sospiri Racing: Vainio-Tujula
Ferrari 488-S.GT3 #70, Easy Race: Nicola Schirò
BMW M6 S.GT3 #15, BMW Team Italia: Comandini-Cerqui
Porsche 997 Cup-S.GTCup #169, Ebimotors: Iaquinta-La Mazza
Ferrari 458 GT3 #74 MP1 Corse: Bontempelli - Niboli
Audi R8 LMS-S.GT3 #8 Audi Sport Italia: Treluyer-Ghirelli

La 16esima edizione del Campionano Italiano Gran Turismo è ai nastri di partenza. Tra poco più di una settimana il semaforo verde si accenderà sul tracciato dell’Enzo e Dino Ferrari di Imola. Dopo un primo format provvisorio che comprendeva il Pit Stop con rifornimento, la stesura definitiva prevede la lunghezza delle gare a 56’ più 1 giro, fatta eccezione per il Paul Ricard e Monza dove il format sarà di 48’ più 1 giro, piste veloci dove il consumo implicherebbe un rifornimento. Tale operazione ovviamente avrebbe fatto lievitare i costi, alcuni Team sforniti di tale attrezzatura avrebbero dovuto noleggiare l’apparecchiatura e le spese si sarebbero allargate.

I titoli italiani saranno ben sette, a cominciare al Titolo di Classe GT3 per poi passare al Classe GT3 PRO/AM, GT3 AM, GT3 Light, GT3 Costruttori, Super GT Cup, GT Cup. A questi va ad aggiungersi il Campionato Italiano GT4 dopo l’accordo stipulato con Stephane Ratel. La composizione degli equipaggi è sicuramente una novità importante, gli equipaggi PRO possono essere composti da piloti classificati Platinium o Gold o Silver, mentre nella PRO AM uno dei due deve essere classificato Bronze. Gli equipaggi AM ovviamente devono essere entrambi classificati Bronze.

A livello di classifica invece, ci sarà la stesura dell’assoluta e altre tre per l’assegnazione degli altri titoli, PRO-AM, AM e LIGHT (riservata alle vetture non aggiornate). C’è inoltre la possibilità di correre da soli, ma in questo caso c’è un ulteriore handicap da scontare pari a un massimo di dieci secondi, mentre in caso di partecipazione alle ultime due gare di campionato (Monza e Mugello) l’handicap potrebbe salire fino a 15”. A proposito di handicap in tempo, sono confermati i 15” al primo, 10” al secondo e 5” al terzo, fatta eccezione delle classi GT3 PRO/AM e AM come si evidenzia nel regolamento.

Prendono i punti i primi dieci, 20p al primo fino ad arrivare al decimo con 1p. Le prove libere saranno di 90’ effettivi. Per quanto riguarda gli pneumatici, il numero massimo utilizzabile per ognuno dei sette appuntamenti è di 20 così ripartito: 12 nuovi e 8 punzonati in una delle precedenti manifestazioni della stagione. La dotazione alla prima partecipazione sarà di 16 pneumatici nuovi per ogni vettura.

Un’altra novità riguarda proprio le "coperture", ancora una volta è stata confermata la Casa milanese Pirelli che proprio per la stagione 2018 porterà una nuova mescola denominata DH2D, per quanto riguarda le vetture GT3. Un prodotto nuovo che “calzerà” le vetture dopo un anno di test. Gli pneumatici sono stati deliberati dalle case che ne hanno approvato sia le misure, sia la mescola. Un lavoro intenso da parte del costruttore milanese che ha sviluppato lo pneumatico insieme alle case che a loro volta individuano un Team di riferimento per portare avanti il lavoro di sviluppo.

Il test in pista è stato sponsorizzato interamente da Pirelli che in base a tutti i dati raccolti, ha creato una tabella che serve a Team e piloti per sviluppare l’assetto ideale. Ovviamente questa “prescrizione” serve ad utilizzare gli pneumatici al meglio nei parametri di sicurezza. Novità anche nel carburante, dove Panta subentra a Magigas.

Andiamo adesso a parlare di Piloti e Team. Iniziamo dalla Scuderia Baldini (Titoli GT3 ’14 ’15 ’16) che dopo il colpo di Giancarlo Fisichella si è assicurato un altro grande Campione, Stefano Gai, il pilota milanese approda nel Team di Fabio Baldini, dopo due stagioni al Top con il Team Black Bull che gli ha portato il titolo 2016 e il secondo posto nel 2017. Il pilota romano invece sarà impegnato alla 24 H di Le Mans, in concomitanza con l’appuntamento al Marco Simoncelli di Misano Adriatico.

Queste le parole di Stefano Gai: "Sono molto contento e orgoglioso di approdare al Team di Fabio Baldini che è sempre stato al Top, anche quando non ha vinto il titolo. Confrontarsi con un pilota come Giancarlo Fisichella sarà molto stimolante e sono sicuro di acquisire ulteriore esperienza".

La squadra romana sarà quindi tra le favorite al titolo. Ricordiamo inoltre che la Ferrari 488 GT3 beneficerà del nuovo Kit Aerodinamico che comprende un nuovo paraurti anteriore e relativo splitter, a questo particolare vanno ad aggiungersi il paraurti ed il diffusore posteriore che completano l’Upgrade.

In Casa Antonelli Motorsport le Huracan GT3 dovrebbero essere due, in ballo ci sono Veglia, Altoè, Zampieri e il danese Martin Vedel. Per le Super GT Cup invece, oltre al già confermato Pietro Perolini (alla sua seconda stagione in assoluto) sono in lizza Valente, Negra e Pier Alessandri che potrebbe disputare alcune gare in base agli impegni personali. In forse Alex Perullo, mentre potrebbe rientrare il romano Matteo Desideri. Oltre ai piloti citati, potrebbe approdare alla corte del Team bolognese Marco Cenedese, pilota di Conegliano che proviene dai kart, disciplina condivisa con il fratello Alessandro.

Il Team VSR di Vincenzo Sospiri, sta ancora lavorando per chiudere, anche se al momento di certo c’è la partecipazione al GT Open con due Huracan GT3 e quattro Huracan EVO nel Super Trofeo. Certa l’assenza dell’Imperiale Racing che conferma l’impegno Ufficiale per Lamborghini, nel Gt Open e nel Super Trofeo, salvo news dell’ultimo momento.

Assente il Team Ombra che non difenderà il titolo 2017 di Frassineti-Beretta, il Team si dividerà tra GT Open, con Fernando Ress e Damiano Fioravanti e Bes. Parte anche la nuova avventura nel Porsche Carrera Cup Italia con Marco Cassarà e Simone Iaquinta. Presente il BMW Team Italia con una M6 aggiornata. Certo per ora solo il romano Stefano Comandini che sarà affiancato da un pilota ancora da definire, potrebbe arrivare anche un pilota ufficiale che dovrebbe alternarsi con altri “colleghi” durante la stagione. L’upgrade comprende un nuovo differenziale, nuovo anche l’attacco delle sospensioni e i mozzi e le “bandelle” o “baffi” sul paraurti anteriore. Modificata l’ala posteriore che ora permette più regolazioni.

Non poteva mancare Audi Sport Italia ha già definito un pilota che ha preso confidenza con la R8 sul Circuito di Cervesina questa settima, per ora di nuovo c’è solo la livrea, visto che non sono stati omologati pezzi nuovi. Aggiornati invece i dispositivi di sicurezza. In standby la GT4 che ad oggi non sembra essere disponibile, ma potrebbe arrivare prima di fine stagione.

In attesa la sorte della 488 GT3 della Easy Race che dovrebbe confermare la presenza, sicura la 458 GT3 con al volante il solo Marco Magli a cui si affianca la “vecchia” R8 con Luca Magnoni che in caso di doppia griglia potrebbe tornare al volante della Ginetta G55 in GT4.

Conferme anche in casa Petri Corse che sarà al via con la Huracan GT3 con al volante il romano Andrea Palma, a lui si affiancherà Giacomo Barri che rientra nella serie tricolore. Dopo l’uscita di Baccani-Venerosi verso altri lidi, Ebimotors conferma la sua presenza con la Huracan. Al volante la coppia De Castro-Piccioli che saranno comunque part-time a causa delle concomitanze della vettura di Sant’Agata. In GT Cup hanno confermato La Mazza-Nicolosi con la Porsche di Ebimotors con un’altra vettura di Stoccarda “quasi” ufficiale per il Team Duell Race, a cui potrebbe affiancarsi un secondo esemplare, non da Imola salvo decisioni dell’ultimo momento, ma dal secondo appuntamento. A loro si affiancherà la coppia Sauto-Pisani (Campione GT Cup 2017) con il Team Siliprandi Racing.

Assente il Team Autorlando che non è riuscito a chiudere la “quadra”. In pista anche le Ginetta G55 della Nova Race, una vettura sarà per Alessandro Marchetti che potrebbe dividere la macchina con un giovane finnico new entry. L’altra vettura in caso di doppia griglia sarà affidata a Luca Magnoni, in alternativa potrebbe tornare un pilota dal passato.

Prossimo Articolo
Vainio e Tujula, due debuttanti nordici con il piede pesante

Articolo precedente

Vainio e Tujula, due debuttanti nordici con il piede pesante

Prossimo Articolo

Bar Baruch è il primo dei due piloti di Audi Sport Italia

Bar Baruch è il primo dei due piloti di Audi Sport Italia
Carica commenti

Su questo articolo

Serie GT Italiano
Autore Stefano Reali