GT Italiano, Imola, Libere 2: Di Amato e Vezzoni rispondono a Fuoco e Hudspeth

Tre Ferrari 488 GT3 nei primi tre posti nel secondo turno di Libere con l'equipaggio del team RS Racing che precede quello di AF Corse. Lippi e Sernagiotto si confermano tra le Light.

GT Italiano, Imola, Libere 2: Di Amato e Vezzoni rispondono a Fuoco e Hudspeth
Carica lettore audio

La seconda sessione di libere è partita con valori molto caldi, la temperatura dell’aria a 33°2
mentre quella dell’asfalto a a 58°, figuriamoci dentro l’abitacolo.

In evidenza subito Andrea Larini con la Mercedes dell’Antonelli Motorsport che segna un 1’46”527, ma la M6 di Comandini-Johansson abbassa il limite a 1’44”783, seguito dalla Ferrari di Fuoco-Hudspeth (AF Corse) e il toscano Larini. Quarta la Ferrari di Casè-Veglia (Easy Race), poi scavalcata dalla Mercedes di Baldan (Antonelli Motorsport), ma il secondo FCY della giornata, blocca tutto a velocità controllata per tutti a 60 km/h, per un problema tecnico alla vettura di Larini in zona Piratella.

Al restart, si migliora la M6 (BMW Team Italia by Ceccato Motors) con 1’44”271. Tra le Light, Lippi-Sernagiotto confermano quanto visto la mattina, ma la Red Flag sospende la sessione in corso per un contatto a muro della Lamborghini di Paolino al Tamburello, il Team pensa di riparare la vettura.

Bene la Ferrari di Casè-Veglia (Easy Race) che segna 1’43”520 davanti all’Audi di Fontana-Drudi (Audi Sport Italia) e la M6 di Comandini-Johansson (BMW Team Italia by Ceccato Motors). Colpo di reni di Fontana-Drudi che volano con l’Audi in testa, 1’43”162.

Colpo di scena a dodici minuti dalla fine con l’esposizione della bandiera nera a Lippi-Sernagiotto, ma a fine sessione la penalizzazione inflitta all'equipaggio del team Iron Lynx è stata revocata per errore del report dei commissari. Fuoco-Hudspeth tornano in vetta con la Ferrari di Af Corse, scendono a 1’42”986, ma Di Amato-Vezzoni fanno meglio con 1’42”755.

Sembra una battaglia senza esclusione di colpi tra le due Ferrari, Fuoco-Hudspeth ritornano
davanti e abbassano di mezzo secondo, portandosi a 1’42”286. Di Amato non molla e abbassa
ancora il limite a 1’42”179.

Sotto la bandiera a scacchi, tre Ferrari ai primi tre posti con Di Amato-Vezzoni davanti a Fuoco-Hudspeth e Cressoni-Mann (Af Corse). Tra le Light Lippi-Sernagiotto sono primi davanti a Michelotto (Antonelli Motorsport) e La Mazza-Nicolosi (Duell Race).

In GT4, miglior tempo Cerqui-Rodrigues (V-Action) davanti alla BMW M4 di Fascicolo-Guerra (BMW Team Italia by Ceccato Motors) la Cayman di Camathias-Ghezzi (Autorlando).

Domani le due sessioni di qualifica, a partire dalle ore 09.00 con venticinque minuti a disposizione (a sessione) intervallate da 10 minuti di pausa. Alle 13.05 semaforo verde per gara 1.

 

condivisioni
commenti
GT Italiano, Imola, Libere 1: Fuoco e Hudspeth al comando con la Ferrari di AF Corse
Articolo precedente

GT Italiano, Imola, Libere 1: Fuoco e Hudspeth al comando con la Ferrari di AF Corse

Prossimo Articolo

GT Italiano: Mattia Drudi e Andrea Fontana si dividono le pole a Imola

GT Italiano: Mattia Drudi e Andrea Fontana si dividono le pole a Imola