Ferrari ed Audi pareggiano le pole a Monza

In Qualifica 1 supremazia Ferrari e pole position conquistata da Mirko Venutri, mentre nella Qualifica 2 il miglior crono è stato realizzato da Mapelli davanti ad un sorprendente Eddie Cheever III.

Ferrari ed Audi pareggiano le pole a Monza
Linossi-Bontempelli Drive Technology Italia srl, Nissan Nismo S.GT3 #23
Geri-Mancinelli Easy Race, Ferrari 488-SGT3 #11
Galassi, Team Malucelli, Ferrari 458 Italia-GT3 #60
Venerosi-Baccani, Ebimotors, Porsche 911 GT3 R #88
Sini-Mugelli, Solaris Motorsport, Aston Martin VantageGT3 #7
Pastorelli-Pastorelli, Krypton Motorsport, Porsche 911 GT3 R #53
Frassineti-Gattuso Ombra Srl, Ferrari 458 Italia-GT3 #12
Croce-Costa, Vincenzo Sospiri Racing, Lamborghini Huracan S.GTCup #106
Agostini-Di Folco, Antonelli Motorsport, Lamborghini Huracan S.GT3 #25
Del Prete-Caso, Victoria Speed M,Ferrari 458 Challenge Evo-GTCup #160
Necchi-De Lorenzi, GDL, Lamborghini Huracan S.GTCup #111
Bortolotti-Mul, Imperiale Racing, Lamborghini Huracan S.GT3 #16
Leo-Cheever, Scuderia Baldini 27 Network, Ferrari 458 Italia-GT3 #72

Ferrari-Audi 1-1 . Questo è il primo bilancio delle qualifiche della primo Round a Monza del Campionato Italiano Gran Turismo.

In qualifica 1 la supremazia Ferrari è stata tale da conquistare tutta la prima fila, valevole per la prima gara di oggi alle 16.45. Il poleman  è stato Mirko Venturi a bordo della Ferrari 488 del Black Bull Swiss Team, con il crono di 1’46”989, davanti a Daniel Mancinelli staccato di solo +0.097.

Sessione tiratissima, nella quale si è inserita in terza posizione la R8 (Audi Sport Italia) di Albuquerque seguito dalla Lamborghini di Venturini (Imperiale Racing) . Bene la M6 del BMW Team Italia che si attesta in quinta posizione, nonostante problemi di adattamento.

Sesta posizione assoluta per la Ferrari di Federico Leo (Scuderia Baldini) e primo di GT3. In difficoltà le altre Huracan che sembrano soffrire in maggior modo i restrittori da 38 mm. In Gt3, virtualmente, in seconda posizione dietro a Federico Leo troviamo la Porsche della Kripton Motorsport del duo Pastorelli e terza posizione per la Ferrari di Galassi (Team Malucelli).

Nella seconda qualifica è stata battaglia vera con Mapelli che è riuscito nell’intento di siglare la pole e in effetti è diventata sua grazie al tempo di 1’47”259. Sorprende, ma non più di tanto, il secondo tempo assoluto, primo di GT3, di Eddie Cheever III che con la Ferrari della Scuderia Baldini ha piazzato un crono di 1’47”453.

Terza posizione per la Lamborghini di Gattuso (Ombra Racing) davanti alla vettura gemella dell’Antonelli Motorsport con Agostini alla guida. In linea la Aston Martin della Solaris Motorsport che dopo il primo turno di Mugelli, il toscano sta prendendo le misure della Vantage” ha visto Sini al volante con la quinta piazza, davanti alla BMW M6, ancora in crisi.

Nella prima sessione della Super GT Cup-Gt Cup, si mette subito in evidenza Desideri con 1’51”609, seguito da Benucci (primo di GT Cup). I tempi iniziano a scendere e arriva anche Mantovani che porta il limite a 1’50”944, ma risponde subito De Lorenzi che è il primo ad abbattere il muro dell’ 1’50”.

La Pole Position sembra cosa della GDL, ma alla fine si impone l’equipaggio della Vicenzo Sospiri Racing con l’equipaggio Croce-Costa. Seconda posizione per De Lorenzi davanti a Desideri e Mantovani.

Nella GT Cup miglior tempo per la Ferrari  di Dario Caso (Victoria Speed) davanti Benvenuti-De Marchi (Imperiale racing) e la Porsche (Ebimitors) del duo Curti, quarta piazza per la Porsche di Benucci (Ebimitors).

Nella seconda sessione Maino entra a razzo, con Zaugg (Raton Racing) che si porta in testa alla classifica seguito da Omar Galbiati (Antonelli Motorsport). Nella Gt Cup Maino passa in testa, davanti a Carboni e Del Prete, Casè (Antonelli Motorsport) sale secondo, mentre Kasai segna un tampone con 1’49”811 e si attesta in vetta, sventola bandiera rossa per un contatto a muro di Necchi in uscita della Ascari, senza conseguenze per il pilota.

Al restart Zaugg passa davanti e un ottimo Casè si piazza secondo a solo tre decimi dalla vetta. Terza piazza per la Lambo di Baruch-Liang e quarto Kasai. Tra le Cup svetta la Porsche di Maino davanti alla vettura gemella di Carboni e la Lambo di Benvenuti.

Oggi sarà battaglia vera in tutti gli schieramenti con piloti e macchine di livello. Tra le curiosità, manca la presenza di Dindo Capello, ma nonostante l’assenza c’è qualcosa di lui in pista, l’astigiano infatti è stato l’autore dello shakedown della R8 di Audi Sport Italia.

Da tenere d’occhio la 458 di Baldini che sembra potersi infilare costantemente tra le Super GT3, il tempo di Cheever è significativo, vediamo il passo gara. Molto bene Casè, al primo contatto con la Lambo Super Trofeo, in Ferrari Mancinelli non ha bisogno di presentazioni e può essere una spina nel fianco, stessa cosa per Venturi-Gai e tutti gli altri. Oggi comunque sarà battaglia e le gare saranno tiratissime.

Articolo di Stefano Reali

Prove 1: Super GT CUP - GT CUP
Prove 1: Super GT3 - GT3
Prove 2: Super GT CUp - GT CUP
Prove 2: Super GT3 - GT3

condivisioni
commenti
Monza, Libere 2: ancora Lamborghini, stavolta con Agostini e Di Folco
Articolo precedente

Monza, Libere 2: ancora Lamborghini, stavolta con Agostini e Di Folco

Prossimo Articolo

SGT3-GT3: Albuquerque e Mapelli trionfano in Gara 1 a Monza

SGT3-GT3: Albuquerque e Mapelli trionfano in Gara 1 a Monza
Carica commenti