Bar Baruch e Jamie Green si impongono in Gara 1 a Misano

condivisioni
commenti
Bar Baruch e Jamie Green si impongono in Gara 1 a Misano
Stefano Reali
Di: Stefano Reali
16 giu 2018, 14:47

L'equipaggio al volante della Audi R8 LMS si impone con un grande prestazione nella prima gara del weekend. Il podio si completa con il secondo posto di Gai e Rugolo ed il terzo di Comandini e Spengler.

Partenza gara 1
Podio gara 1, (Baruch-Green (Audi Sport Italia,Audi R8 LMS-GT3 #7), Rugolo-Gai (Scuderia Baldini 27,Ferrari 488-GT3 #27), Comandini-Spengler (BMW Padova Team,BMW M5-GT3 #15)
Ferrari 488-GT3 #27 Scuderia Baldini 27: Rugolo-Gai
Partenza Gara 1
Azione di gara

Al pronti via Green (Audi Sport Italia) sfrutta bene la Pole Position e mantiene la testa della gara, piccolo giallo per Alessandri che sembra rimanere fermo in pista, ma riparte senza nessun problema.

Ottimo scatto di Altoè che si mette in terza posizione e Gai scivola quarto. Ottimo avvio della BMW M6 di Comandini che guadagna una posizione, con Gai che inizia a pressare la Lamborghini di Veglia. Sauto diventa leader in GTCup, dopo un contatto tra La Mazza e Merendino.

Comandini, al quarto passaggio, inizia a sentire la pressione di Fontana (Easy Race) mentre Valente comanda in SGTCup davanti a Cenedese e Alessandri, nella Light Cressoni leader davanti a Magli. La Mazza tocca con Sauto durante una fase concitata della gara, la sua azione è troppo dura ed è penalizzato con un drive-through.

Ritiro per Fontana, dopo un contatto con la M6 di Comandini un particolare della carrozzeria ha danneggiato lo
pneumatico. Altro colpo di scena con Magli che va lungo al tramonto e si ritira, salutando una possibile vittoria in GT3 Light.

Entra in pista la Safety Car per permettere la messa in sicurezza della 458 di Magli. A tre minuti dall’apertura della finestra dei cambi, riparte la gara con l’uscita della safety car dalla pista. Bandiera verde e ripartenza regolare, con Palma che sfrutta un ottimo slancio e si fa sotto alla M6 di Comandini. All’apertura dei cambi Altoè entra
per primo e lascia il volante a Zampieri, Comandini lascia per Spengler e Gai cambia per Rugolo.

Green prima di lasciare la R8 a Baruch sigla il giro veloce in 1’34”763, rientra quando mancano 25’ a fine gara, stessa manovra per Veglia che lascia a Vedel.

Dopo le soste obbligatorie, Baruch è leader davanti a Rugolo e Zampieri, Perolini leader in SGTCup con Alessandri secondo e Sartori terzo. In GTCup comanda Di Benedetto davanti a Pisani e Nicolosi, in GT4 lotta in casa Nova Race con Cressoni primo davanti a Kauppi. Brivido per Luca Magnoni nel finale che rallenta vistosamente, alla fine è stato solo un problema di pescaggio, poi rientrato in parte.

Spengler prova a farsi largo, a sandwich tra Zampieri (davanti) e Vedel (dietro) attacca e passa Zampieri, conquistando la terza posizione. Sotto la bandiera a scacchi splendida vittoria per Bar Baruch e Jamie Green (1° vittoria e 1° Pole con una GT3) davanti al duo della Scuderia Baldini Stefano Gai-Michele Rugolo e terzo posto per Stefano Comandini-Bruno Spengler.

In SGTCup vittoria per Pietro Perolini-Alain Valente davanti ai compagni di squadra Pier Alessandri (secondo) e Marco Cenedese-Simone Sartori. In GTCup vincono Davide Di Benedetto-Michele Merendino davanti a Vincenzo Sauto-Eugenio Pisani e Francesco La Mazza- “Peppe” Nicolosi. In GT4 Magnoni-Cressoni la spuntano su Kauppi-Marchetti.

Domani Gara 2 con Daniel Mancinelli che vuole sfruttare la Pole dopo la sfortuna di oggi, punti importanti qui a Misano prima del giro di boa al Mugello.

Prossimo articolo GT Italiano
Zampieri e Altoè vincono Gara 2 a Misano e volano al comando della classifica

Previous article

Zampieri e Altoè vincono Gara 2 a Misano e volano al comando della classifica

Next article

Spengler vs Green: il duello del DTM si rinnova a Misano nel GT Italiano

Spengler vs Green: il duello del DTM si rinnova a Misano nel GT Italiano

Su questo articolo

Serie GT Italiano
Evento Misano
Sotto-evento Sabato
Piloti Jamie Green , Stefano Gai , Bar Baruch
Team Audi Sport Team Italia
Autore Stefano Reali
Tipo di articolo Gara