Formula 1
03 lug
-
05 lug
Evento concluso
10 lug
-
12 lug
Prove Libere 3 in corso . . .
MotoGP
17 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
5 giorni
G
GP di Andalusia
24 lug
-
26 lug
Prossimo evento tra
12 giorni
WRC
21 mag
-
24 mag
Evento concluso
16 lug
-
19 lug
Postponed
WSBK
G
Donington Park
03 lug
-
05 lug
Postponed
31 lug
-
02 ago
Prossimo evento tra
19 giorni
Formula E
05 giu
-
06 giu
Evento concluso
G
ePrix di Berlino I
05 ago
-
05 ago
Prossimo evento tra
24 giorni
WEC
13 ago
-
15 ago
Prossimo evento tra
32 giorni
GT World Challenge Europe Sprint
07 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
26 giorni
11 set
-
13 set
Prossimo evento tra
61 giorni
GT World Challenge Europe Endurance
04 set
-
06 set
Prossimo evento tra
54 giorni

Aerautodromo di Modena: la pista che non c'è più

  condivisioni
  commenti

Nella Terra dei Motori sono nati marchi automobilistici che tutto il mondo continua a sognare, creati da personaggi che sono diventati leggenda, assieme alle loro automobili. Ma c’è un luogo, in particolare, che ha visto letteralmente percorrere i primi chilometri di questi bolidi, diventando poi teatro di sfide memorabili. È l’Aeroautodromo, inaugurato il 7 maggio del 1950 , 70 anni fa, che ha ospitato molte edizioni del Gran Premio di Modena. Dalla prima vittoria di Alberto Ascari fino all’ultimo successo di Stirling Moss, l’impianto vide protagonista anche il Drake, Enzo Ferrari, che si impegnò in prima persona con il Comune di Modena per realizzare un tracciato che permettesse anche di collaudare le automobili, attività che coinvolse altri costruttori della Motor Valley, come Maserati. Fino alla chiusura del circuito, che diventò successivamente il parco intitolato alla memoria di Enzo Ferrari per passare la sua eredità all’Autodromo di Modena odierno, i cui lavori di ampliamento permetteranno di nuovo ai costruttori di sviluppare i loro nuovi modelli nella Terra dei Motori.

Prossimo video
Carica commenti

Riguardo questo video

Durata 05:15
Postato 18 mag 2020
Serie Speciale
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie