Zanardi: parametri stabili, ma quadro neurologico grave

condivisioni
commenti
Zanardi: parametri stabili, ma quadro neurologico grave
Di:

Ecco il bollettino medico emesso alle 10:16 dai medici dell'ospedale Santa Maria alle Scotte: Zanardi ha parametri emodinamici e metabolici stabili, ma a preoccupare è la situazione neurologica, che rimane estremamente grave.

E' arrivato alle 10:16 il primo bollettino odierno legato allo stato di salute di Alex Zanardi, che ieri pomeriggio è stato coinvolto in un terribile incidente mentre era intento a concludere la tappa di una marcia di beneficenza in handbike a Pienza.

Questa mattina l'ospedale Santa Maria alle Scotte, struttura in cui è ricoverato Zanardi dopo l'incidente di ieri, ha emesso il nuovo aggiornamento sulle condizioni del pluri campione paralimpico e campione IndyCar. 

Leggi anche:

I parametri emodinamici e metabolici di Alex sono stabili, ma a preoccupare è il grave quadro neurologico dell'ex pilota di Formula 1. Attualmente Alex è intubato e supportato da ventilazione artificiale e questo è un altro elemento che sottolinea quanto sia grave la sua condizione.

"In merito alle condizioni cliniche dell’atleta Alex Zanardi, ricoverato dalle ore 18 del 19 giugno in gravissime condizioni al policlinico Santa Maria alle Scotte a seguito di incidente stradale avvenuto in provincia di Siena, la Direzione Sanitaria dell’Aou Senese informa che il paziente, sottoposto ad un delicato intervento neurochirurgico nella serata del 19 giugno, e successivamente trasferito in terapia intensiva, ha parametri emodinamici e metabolici stabili. E’ intubato e supportato da ventilazione artificiale mentre resta grave il quadro neurologico", dice il comunicato dell'ospedale Santa Maria delle Scotte di Siena.

Zanardi: intervento maxillo-facciale, Alex in terapia intensiva

Articolo precedente

Zanardi: intervento maxillo-facciale, Alex in terapia intensiva

Prossimo Articolo

Zanardi, parla il neurochirurgo: "Tentiamo di curarlo"

Zanardi, parla il neurochirurgo: "Tentiamo di curarlo"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Speciale
Autore Giacomo Rauli