Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia
Curiosità
Speciale Historic Minardi Day 2023

Video | Lotus 91: l'ultimo gioiello del team con Chapman al timone

In questo nuovo video firmato Motorsport.com, Beatrice Frangione ci accompagna nella magica atmosfera dell'Historic Minardi Day ad Imola, raccontandoci la storia della Lotus 91: l'ultima monoposto con Chapman al timone che, nel 1982, con Elio De Angelis conquistò una vittoria leggendaria.

Tra i box dell'Autodromo Internazione di Enzo e Dino Ferrari ad Imola, in occasione della settima edizione dell'Historic Minardi Day, ci siamo imbattuti nella Lotus 91. Un gioiello dalla livrea inconfondibile, dominata dall'oro e dal nero, che nella stagione di Formula 1 del 1982 coglie un'unica vittoria entrata nella leggenda.

Dopo stagioni caratterizzate da scarsi risultati, Colin Chapman, patron della Lotus, decide di tornare a disegnare una monoposto più convenzionale, in parte ispirata alla Williams FW07 - vincitrice del mondiale del 1980 con Alan Jones - e alla Lotus 88, con la quale si voleva massimizzare la deportanza creata dall'effetto suolo nel 1981. 

Sostituta della 87B, la Lotus 91 era spinta dal motore V8 firmato Ford Cosworth e dotata di un telaio monoscocca in fibra di carbonio e kevlar. La vera rivoluzione di questa vettura, però, stava nel sistema delle sospensioni: la 91 fu la prima monoposto di Formula 1 con sospensioni attive, con un sistema che permetteva il controllo del comportamento delle stesse durante la marcia. 

Pur non disponendo di un motore turbo potente quanto quello dei principali avversari, il team cercò di sviluppare al meglio la macchina per la stagione 1982. In quest'annata particolare, segnata da svariati e tragici eventi, la Lotus era spesso costretta a partire dalle posizioni di rincalzo a causa delle prestazioni deludenti in qualifica. 

In gara, invece, la monoposto si comportava diversamente, tanto che permise ai suoi piloti di condurre la squadra al quinto posto finale nella classifica dei Costruttori. L'unica vittoria, l'ultima per il team di Chapman, arrivò in Austria.

All'Osterreichring, Elio De Angelis, è autore di una vera e propria impresa. Il pilota romano, alla sua quarta stagione nella massima serie, riesce a resistere stoicamente a un problema al cambio della sua Lotus 91 e all'avvicinarsi della Williams di Keke Rosberg. Difendendosi e aggiudicandosi la corsa per 50 millesimi di secondo. Per Rosberg, la delusione sarà mitigata dalla conquista del titolo mondiale... 

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente Addio a Henry Morrogh, il Maestro di generazioni di piloti
Prossimo Articolo Video | Ferrari 412 T1: la rossa che tornò a vincere dopo 58 GP!

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia