Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia
Ultime notizie

Speciale | Nanoprom: dalla F1 alla conquista dell'aerospazio

Gian Luca Falleti, fondatore e CEO di Nanoprom, ha partecipato alla missione istituzionale promossa dalla Regione Emilia Romagna in Texas: università, centri di ricerca e imprese del distretto aerospaziale emiliano, Anser, hanno avuto l'opportunità di far conoscere i risultati delle loro ricerche che troveranno nuove applicazione negli USA.

Falleti di Nanoprom a Houston con Pontremoli, Cantelli e Curti

Dalla F1 allo spazio: è proprio il caso di dirlo. La Nanoprom Chemicals è parte della missione istituzionale promossa dalla Regione Emilia Romagna in Texas, negli Stati Uniti: università, centri di ricerca e le imprese del distretto aerospaziale emiliano, Anser, di cui l’azienda reggiana è socio fondatore.

Della delegazione faceva parte anche Andrea Pontremoli, CEO di Dallara: la società di Varano de’ Melegari non si occupa solo di macchine da corsa, ma da anni è impegnata in progetti importanti nell’aerospazio.

Il comparto emiliano della “space economy” collabora già con le realtà americane; la visita di questi giorni promossa dal Governatore dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, rappresenta l’occasione per aprire nuove opportunità di sviluppo nelle filiere dell’aerospazio.

Nella sede della NASA, il fondatore e CEO di Nanoprom, Gian Luca Falleti, ha presentato i risultati dei test sul Polysil, il rivestimento a base di silicio atomico con caratteristiche rivoluzionarie che ha già avuto molte applicazioni sulle monoposto di F1 e che ora trova nuove applicazioni anche nello aerospazio.

Il Polysil abbatte il peso della verniciatura delle superfici e ha un’elevata resistenza all’abrasione oltre a tollerare temperature di oltre mille gradi centigradi.

“Nella sede della Hewlett-Packard dove siamo stati ospiti - racconta Falleti – c’era una monoposto esposta: quella F1 impiega le nostre tecnologie nei cerchioni e nel fondo piatto della vettura. Da queste evoluzioni sono nate le basi per l’impiego del Polysil sugli aerei e ora questa tecnologia viene impiegata anche su un nuovo modello di elicottero della Curti”.

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente I campionati 2023 di Canossa
Prossimo Articolo Idealgomme Eventi salta in sella ed accende la speranza

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia