Propulsione elettrica per la Red Bull stradale?

Propulsione elettrica per la Red Bull stradale?

Adrian Newey sarebbe orientato a soluzioni radicali per la supercar, ricevendo supporto da Aston Martin e AMG

Dovrebbe avere un propulsore elettrico la supercar che Adrian Newey, nell'ambito degli ampi margini di autonomia di cui gode in seno al reparto tecnico della Red Bull Technologies in qualità di responsabile massimo, sta attualmente progettando.

Lo scrive il periodico “Autocar” a firma di Jim Holder, pubblicando anche un rendering ipotetico del veicolo: secondo la versione online della rivista, il genio inglese sarebbe nell'ordine di idee di arrivare alla realizzazione di un'automobile capace di contrassegnare un'epoca da un punto di vista della tecnologia adottata e capace di stravolgere il concetto stesso di stile di guida, come fu la McLaren F1 di Gordon Murray nell'ormai lontano 1994.

La vettura suscita particolare interesse in seno alla Mercedes-Benz, azionista di riferimento dell'Aston Martin insieme alla quale Newey starebbe lavorando: il colosso industriale tedesco sarebbe in effetti interessato a un prodotto e a un pubblico “giovanili”, cioè grosso modo a quel genere di persone che integrano il target della bevanda Red Bull. Il team principal Christian Horner ha definito ormai come “inevitabile”, nel corso di un'intervista rilasciata in giugno al Festival of Speed di Goodwood, la prospettiva di costruire un mezzo capace di circolare sulle strade di tutti i giorni.

L'iniziale progetto di una barca in fibra di carbonio per l'America's Cup di Vela, immaginata in origine in collaborazione con la Ben Ainslie Racing, avrebbe ceduto il posto negli impegni, interessi e nelle priorità di Adrian a una macchina innovativa, alla quale potrebbe collaborare la tedesca AMG su mandato della Casa di Stoccarda e del suo direttore ricerca e sviluppo, Thomas Weber.

Vetture ibride come McLaren P1, Ferrari LaFerrari e Porsche 918 Spyder, commercializzate negli ultimi quattro anni, non rappresenterebbero però un vero motivo di fascinazione per il geniale ingegnere britannico, che respingerebbe al mittente le pressioni per dotare la Red Bull stradale di una combinazione fra un tradizione V8 termico e un'unità motrice a emissioni zero e propenderebbe invece per un powertrain “full electric” come in Formula E...

Fonte: Autocar

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Speciale
Articolo di tipo Ultime notizie