A rischio il nuovo record di velocità terrestre: il Bloodhound Project è entrato in amministrazione controllata

La Bloodhound Programme Ltd, la compagnia alle spalle del progetto promosso da Richard Noble e Andy Green, con l’obiettivo di raggiungere le 1.000 miglia orarie, è entrata in amministrazione controllata per mancanza di fondi.

A rischio il nuovo record di velocità terrestre: il Bloodhound Project è entrato in amministrazione controllata

Il record di velocità terrestre stabilito dalla Thrust SSC nel 1997 potrebbe resistere più a lungo del previsto: dei problemi finanziari hanno reso necessaria la nomina di un amministratore per salvare il progetto Bloodhound, che si prefiggeva l’obiettivo di demolire il primato attuale nel 2019, portandolo da 763 a 1000 miglia orarie.

A un passo dall’avvio della fase finale del progetto, il programma avviato dai due precedenti detentori del record di velocità terrestre, Richard Noble e Andy Green, è rimasto a corto di fondi, finendo in amministrazione controllata.

"La situazione è questa, - ha spiegato a BBC News l’amministratore della FRP Advisory LLP, Andrew Sheridan – abbiamo un'entità legale che è entrata in amministrazione perché non ha più denaro. Ma c'è un progetto che è vivo e sul punto di raggiungere il suo obiettivo rivoluzionario, con la tecnologia più avanzata”.

"Ad ogni modo, servono circa 25 milioni di sterline per superare il traguardo, e per farlo serve un investitore, che sia un individuo facoltoso o un qualche tipo di società”.

Dopo oltre 10 anni di ricerche e lavori, infatti, è quasi tutto preparato per tentare l’impresa.

Alimentata da un motore a reazione sviluppato per l'Eurofighter, imbullonato a un razzo, e dotata di un motore V8 Cosworth CA2010 come unità di alimentazione ausiliaria, la Bloodhound SSC è pronta e assemblata. Non solo, la sofisticatissima auto supersonica concepita per frantumare il record ha anche già completato i primi test a bassa velocità, sfrecciando a 200 miglia orarie nell’aeroporto di Newquay, in Cornovaglia.

Nel frattempo, in Sudafrica, il governo della Provincia del Capo Settentrionale ha fatto ripulire dalle pietre una porzione del Hakskeen Pan, per predisporre la pista di 18 chilometri di lunghezza e 1,500 metri di larghezza scelta come location per tentare di raggiungere le 1000 miglia orarie.

Manca davvero poco per trasformare il sogno in realtà, ma il progetto Bloodhound riuscirà a trovare i fondi necessari o è destinato a naufragare a un passo dalla leggenda?

condivisioni
commenti
Motorsport Leaders Business indirizza il futuro dello sport nel Forum di Londra

Articolo precedente

Motorsport Leaders Business indirizza il futuro dello sport nel Forum di Londra

Prossimo Articolo

Antonelli debutta a Lonato con il team Rosberg Racing in OKJ

Antonelli debutta a Lonato con il team Rosberg Racing in OKJ
Carica commenti
F1: i malavitosi più assurdi nella realtà che nelle serie tv Prime

F1: i malavitosi più assurdi nella realtà che nelle serie tv

Il prossimo film di Netflix che collega il mondo del crimine e gli sport motoristici gioca su un tema che non è esattamente nuovo. Nel corso degli anni, diversi malavitosi hanno tentato di sfondare nel mondo delle corse prima che i loro discutibili affari li fermassero.

Speciale
27 apr 2021
Stories: Le magnifiche sei del Motorsport Prime

Stories: Le magnifiche sei del Motorsport

In un mondo così moderno quanto ancora pregno di pregiudizi, ci sono state sei donne che, nel mondo del Motorsport, sono riuscite a prevalere sulla discriminazione e sullo scetticismo, conquistando risultati per molti impensabili.

Speciale
8 mar 2021
Bugatti: la vera storia della nascita del mito Prime

Bugatti: la vera storia della nascita del mito

Tutti conoscono il luogo dove sono nate le Bugatti del fondatore della Casa francese, Ettore Bugatti. In pochi, però, conoscono dove il seme di questa straordinaria storia venne piantato. La storia di Ettore Bugatti e dell'omonima Casa, partì da Ferrara. Ecco come...

Prodotto
25 dic 2020
Giornale Podcast - edizione del 24/12/2020 Prime

Giornale Podcast - edizione del 24/12/2020

L'edizione del 24 dicembre 2020 del Giornale Podcast di Motorsport.com. Tante le portate nel menù della Vigilia: dalla Formula 1, con Williams che non vuole legarsi alle squadre ufficiali e McLaren, priva di giovani piloti nel proprio vivaio; al campionato DTM e WRC, con il nuovo copilota di Dani Sordo per la stagione 2021. Conduce Beatrice Frangione.

Speciale
24 dic 2020
Giornale Podcast - edizione del 23/12/2020 Prime

Giornale Podcast - edizione del 23/12/2020

L'edizione del 23 dicembre 2020 del Giornale Podcast di Motorsport.com. In questa puntata parliamo di Amazon, interessata a trasmettere in diretta streaming i GP di F1, ma anche di Michelin che fa il punto sulle gomme 2021 della MotoGP e dell'addio di Aston Martin alla categoria GTE-Pro del WEC. Conduce Giacomo Rauli.

Speciale
23 dic 2020
Giornale Podcast - edizione del 22/12/2020 Prime

Giornale Podcast - edizione del 22/12/2020

L'edizione del 22/12/2020 del Giornale Podcast di Motorsport.com. Dallo stabilimento Haas costruito a Maranello, alle ultime notizie di MotoGP, di Superbike e tanto, tanto altro. Conduce Beatrice Frangione.

Speciale
22 dic 2020
Giornale Podcast - edizione del 21/12/2020 Prime

Giornale Podcast - edizione del 21/12/2020

L'edizione del 21/12/2020 del Giornale Podcast di Motorsport.com. Tanti i temi affrontati, dal ricordo di Romolo Tavoni, pezzo importante della storia del Cavallino, al rinnovo ancora non rinnovato di Lewis Hamilton, ma anche WRC, MotoGP, Superbike e molto altro. Conduce Beatrice Frangione.

Speciale
21 dic 2020
Giornale Podcast - edizione del 20/12/2020 Prime

Giornale Podcast - edizione del 20/12/2020

L'edizione del 20/12/2020 del Giornale Podcast di Motorsport.com. Parliamo della Ferrari SF21, dei commenti di Hamilton e Wolff sul rinnovo del manager austriaco della Mercedes, ma anche delle novità dell'Aprilia 2021 di MotoGP. Conduce Giacomo Rauli.

Speciale
20 dic 2020