L’incredibile carriera di Giorgio Piola nel motorsport

condivisioni
commenti

Giorgio Piola è una figura fondamentale all’interno del paddock della Formula 1, è noto per le sue opera d’arte di tecnica che ricoprono più di 50 anni di storia del campionato. Dopo la prima partecipazione al Gran Premio di Monaco dal 1969, Piola ha continuato a documentare l’evoluzione delle monoposto di Formula 1 nei cinque decenni successivi ed ancora oggi illustra gli sviluppi tecnici con il suo stile unico ed inimitabile.

“Ho sempre avuto la passione di disegnare qualunque cosa – ricorda Piola – ma dai 14 anni mi sono concentrato sulle macchine, specialmente le monoposto di Formula 1. Disegnavo sempre, anche a scuola. Ascoltavo l’insegnante e disegnavo nello stesso tempo. In questo modo ho insegnato ai miei occhi a riuscire ad avere un ampio raggio di veduta per osservare in due direzioni diverse, all’epoca il mio disegno e l’insegnante alla cattedra. Questo mi ha aiutato molto in Formula 1, perché sono in grado di osservare ogni minimo dettaglio, anche quando le persone pensano che io non stia guardando”.

Le giornate formative di Piola a scuola di disegno hanno gettato le basi per una carriera nel motorsport, in cui ha prodotto vaste e tentacolari illustrazioni di alcune delle auto più iconiche della storia della Formula 1. Uno dei suoi disegni più famosi è quello della Lotus 72, una delle auto tecnologicamente più avanzate dei primi anni Settanta, che ancora oggi influenza il design delle moderne macchine di Formula 1. Il disegno originale era lungo due metri e richiese a Piola 40 giorni di lavoro.

Oggi il lavoro di Piola ha assunto tecniche più moderne, ma resta fedele alle sue radici e produce il disegno originale a mano prima di apportare ulteriori modifiche digitali.

"All'epoca, negli anni Settanta, ma anche negli anni Ottanta, il lavoro era completamente diverso - dice Piola - Avevo libero accesso ai box e ci sono alcune foto che mi raffigurano a Rio de Janeiro in costume da bagno accanto alla McLaren di Alain Prost, vincitrice del campionato del mondo, mentre facevo degli schizzi e nessuno interferiva”.

“Ora il lavoro è completamente diverso, c’è un sacco di sicurezza, ci sono molta più elettronica e parti che sono più difficili da fare. Anche il mio modo di disegnare sta cambiando. Prima facevo grossi ritagli, grandi più di un metro, che richiedevano 40 giorni di lavoro con il Rapidograph 03 tutto a mano, era un lavoro enorme. Ora con il computer è tutto più facile e lo usiamo per ritracciare le immagini".

Williams FW11 1986, panoramica dettagliata

Williams FW11 1986, panoramica dettagliata

Photo by: Giorgio Piola

Giorgio Piola with Jo Ramírez, McLaren

Giorgio Piola with Jo Ramírez, McLaren

Photo by: Giorgio Piola

Un altro aspetto del suo lavoro che Piola ricorda con affetto è quello di poter parlare apertamente con gli ingegneri delle auto che disegnava, anche se a volte i rapporti si sono fatti tesi quando Piola ha scoperto nuovi progetti e dispositivi che i progettisti volevano tenere segreti. Una volta scatenò l'ira del designer della Ligier, Gerard Ducarouge, perché al Watkins Glen aveva scovato un sistema di valvole nascosto sulla Ligier JS11, noto come "clapet", che bloccava l’effetto suolo per migliorare la velocità di punta. Ma Piola elogia altri tecnici che sono stati disposti a parlare con lui delle loro innovazioni.

"Un altro aspetto meraviglioso dei primi 30 anni della mia carriera - aggiunge Piola - è stato il rapporto umano tra me e l'ingegnere, era completamente aperto. Non c'era nessun blocco, non c'erano le pubbliche relazioni, non c'era la stampa che bloccava l'ingegnere, e potevamo parlare - anche a cena o a colazione - ed era meraviglioso”.

"Ho un ottimo rapporto con geni che adoro, come Patrick Head, Gordon Murray, John Barnard, Adrian Newey e con tutte queste persone si potrebbe parlare liberamente per ore!”.

Giorgio Piola con Maurizio Arrivabene, Team Principal Ferrari

Giorgio Piola con Maurizio Arrivabene, Team Principal Ferrari

Photo by: Nikolaz Godet

Giorgio Piola with Denny Hulme

Giorgio Piola with Denny Hulme

Photo by: Giorgio Piola

Oggi le sue illustrazioni si concentrano sugli aggiornamenti gara per gara prodotti dai team di tutta la griglia di partenza, dando vita alle nuove innovazioni che i moderni team di Formula 1 possono spesso sviluppare. Questo occhio per il dettaglio e l'innovazione si estende ora anche alla sua passione per la progettazione di orologi svizzeri di alta gamma, opere d'arte che è orgoglioso di presentare ai suoi fan e alla comunità degli sport motoristici.

Dopo aver iniziato con i disegni in bianco e nero, brandendo il suo fidato Rapidograph 03 per ombreggiare nei minimi dettagli - al punto che a volte poteva diventare insensibile alle dita dopo aver disegnato per ore e ore - Piola ora usa tecniche moderne per aggiungere colore ai suoi disegni.

"Ho ancora lo schizzo in bianco e nero. La cosa molto importante, è che ora è più facile perché con il computer devo scansionare quel disegno, così posso dividere l'immagine in pezzi per ingrandire il difficile dettaglio. Anche se faccio un errore, posso correggere facilmente mentre scansiono il disegno. Alla fine è molto bello da vedere lo schizzo in bianco e nero, se si vuole qualcosa di un po' tecnico, ma ora a tutti piace avere un disegno a colori".

Se volete possedere un pezzo di storia della Formula 1 ed ammirare i dettagli tecnici di alcune delle auto più iconiche di questo sport, le stampe delle opere d'arte originali di giorgiopiola.com" target="_blank">giorgiopiola.com" target="_blank">Giorgio Piola sono disponibili per l'acquisto su giorgiopiola.com.

La nuova collezione di segnatempo SPEEDTRAP, disegnata da Giorgio Piola e ispirata alla Formula 1, è ora disponibile per l'acquisto tramite Kickstarter a soli 400 dollari. Disponibile in cinque diversi colori e realizzata in Svizzera, la collezione SPEEDTRAP è un orologio elegante e raffinato che si adatta perfettamente a qualsiasi appassionato di sport motoristici o di orologi.

Orologi Speedtrap di Giorgio Piola

Orologi Speedtrap di Giorgio Piola

Photo by: Giorgio Piola

Audi Sport lancia un canale OTT dedicato su Motorsport.tv

Articolo precedente

Audi Sport lancia un canale OTT dedicato su Motorsport.tv

Prossimo Articolo

Hyundai presenta la RM20e da 810CV, futuro di N Performance

Hyundai presenta la RM20e da 810CV, futuro di N Performance
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Speciale