Vergne: “Ciò che conta è aver ottenuto punti preziosi...”

“Fregato” al via della gara in Germania dopo una bellissima pole position, Jean-Éric descrive la propria soddisfazione per il quinto posto e, soprattutto, il boom prestazionale della Virgin DSV-01...

Quella di Jean-Éric Vergne è la testimonianza di una gara incompiuta. Di quello che avrebbe potuto essere e non è stato... Il pilota francese della DS Virgin Racing, artefice della terza pole position di fila della squadra anglo-francese dopo gli exploit di Sam Bird a Long Beach e Parigi, si è giocato tutto al via. E il quinto posto finale non rende affatto giustizia alla sua performance...

Ha sbagliato perdendo la posizione più avanzata della corsa di Berlino a favore del futuro vincitore Sébastien Buemi (Renault e.dams), salvo poi riguadagnarla e perderla di nuovo nel giro di poco più di un minuto. L’esperto francese ha poi demolito prima il passaruota anteriore di destra e in seguito quello di sinistra e l’intera ala davanti in due diverse occasioni a contatto dei birilli di delimitazione delle chicane nella prima fase della corsa, allorché cercava di difendersi dal “minaccioso” svizzero. 

 

Fortunatamente, gli inconvenienti si sono verificati prima del cambio monoposto, che ha consentito a Vergne e alla seconda DSV-01 numero 25 di completare la corsa in quinta posizione. Non un grande piazzamento, ma sufficiente per rendere felice Jean-Éric e, soprattutto, foriero di un gruzzolo di punti...

"Non ci sono storie. Quando ci si avvia dalla pole position, si vuole vincere la gara e Berlino non faceva certamente eccezione, ma Buemi è stato estremamente veloce allo start. Sapevo che, quando Sébastien mi ha superato la seconda volta, da quel momento in poi se ne sarebbe andato via e non ci sarebbe stato più verso di prenderlo", ha spiegato il pilota francese della DS Virgin Racing

 

“A dire la verità, non ho proprio scuse da accampare: penso che anche gli altri piloti che mi hanno passato fossero a loro volta più veloci di me. È stata una grande impresa partire al palo in Germania e penso che ciò sia lì a dimostrare quanto buono sia stato il lavoro della squadra finora per migliorare la vettura. Allo stesso tempo, so anche che nell’ePrix di Berlino non avrei potuto fare meglio del quinto posto. Ho guadagnato ancora punti preziosi per la DS Virgin, che ci hanno fatto avanzare in terza posizione nella graduatoria di campionato. Ne sono veramente contento: è quello che la nostra squadra si merita", ha concluso l'ex driver di Formula 1

 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula E
Evento ePrix di Berlino
Sub-evento Sabato, post-gara
Circuito Berlino-Alexanderplatz
Piloti Jean-Éric Vergne
Team Virgin Racing
Articolo di tipo Intervista