Slitta di pochissimo il calendario “full electric”...

La FIA e Alejandro Agag, in questi giorni in USA per finalizzare il primo ePrix di New York, sono al lavoro per ridurre il lungo gap temporale del periodo invernale: Punta del Este rileverà Long Beach?

La FIA e gli organizzatori della Formula E hanno smentito le voci secondo le quali la bozza di calendario della terza stagione di vita della serie “full electric” sia stato bocciato a Torino dal World Motor Sports Council.

"Il calendario non è stato affatto cassato il 24 giugno e un elenco provvisorio delle gare sarà diramato a breve", ha affermato il Delegato Media del Campionato di Formula E a Motorsport.com.

"Il programma del prossimo torneo è in fase di ultimazione e ha soltanto bisogno di alcuni ulteriori chiarimenti. È necessario attendere un po’ di tempo in più per deliberare il calendario effettivo e questa operazione dovrebbe essere completata molto a breve. Non appena si avranno ragionevoli certezze, le date saranno comunicate ufficialmente".

La prossima riunione del Consiglio Mondiale non avverrà prima del mese di settembre, ma l’approvazione di qualsiasi decisione può naturalmente avvenire in momenti distinti dalle riunioni ufficiali nella forma di una votazione via fax, che può essere effettuata, se necessario, nel giro di ventiquattr’ore.

Come rivelato da Motorsport.com il mese scorso, comunque Hong Kong dovrebbe aprire la stagione domenica 9 ottobre.

Va specificato che un grande elemento di preoccupazione è dato dal grande divario temporale tra la seconda e la terza gara, che nella bozza provvisoria pubblicata dalla nostra redazione a suo tempo prevedeva un eccessivo lasso di tempo tra l’ePrix sul circuito cittadino marocchino di Marrakech, collocato in calendario nel mese di novembre, e le successive trasferte in America Latina e Centrale a febbraio e marzo.

L'evento di Punta del Este, che era stato una costante del programma di competizioni della categoria a emissioni zero sin dal 2014, non era stato originariamente incluso nel datario, ma l’Uruguay potrebbe essere “recuperato” per rompere il lungo periodo di inattività il 3 o il 10 dicembre.

Si ritiene invece che gli appuntamenti di Buenos Aires e Città del Messico debbano essere regolarmente confermati: la tappa argentina dovrebbe svolgersi il 18 febbraio, mentre il secondo ePrix in Messico dovrebbe disputarsi il primo aprile.

Long Beach è completamente mancante del calendario e anche la data del 25 marzo inserita nel canovaccio originario dovrebbe essere stata eliminata. Lo slot del 22 aprile dovrebbe essere attribuito a un evento per le strade di Singapore.

Il ritorno in Europa della categoria “full electric” dovrebbe avvenire come programmato fin dall’inizio, con gli ePrix di Monaco e Parigi uno dietro l’altro in maggio a distanza di due settimane.

Gli appuntamenti conclusivi della trasferta nel Vecchio Continente dovrebbero avere luogo il 10 e il 24 giugno, prima e dopo la 24 Ore di Le Mans, che è stato confermata da tempo per il 17 e 18 giugno. Le città che dovrebbero assicurarsi, con grandi probabilità, queste date sono rispettivamente Bruxelles e Berlino.

La stagione 2016-2017 dovrebbe concludersi con un doppio appuntamento nordamericano a Montreal e New York, entrambi nel mese di luglio.

Motorsport.com ha appreso che il boss della Formula E, Alejandro Agag, proprio in questi giorni è nella “Grande Mela” per continuare le trattative con le diverse autorità statunitensi che dovranno dare il via libera per il primo ePrix targato “NY”.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula E
Articolo di tipo Ultime notizie