Santiago ePrix: Lopez svetta nelle Libere, Buemi distrugge la sua Nissan

condivisioni
commenti
Santiago ePrix: Lopez svetta nelle Libere, Buemi distrugge la sua Nissan
Di:
Co-autore: Marco Di Marco
26 gen 2019, 14:41

Jose Maria Lopez si è imposto nelle FP2 precedendo Frijns, mentre Buemi è riuscito a scendere in pista nonostante un violente incidente avvenuto nelle Libere 1. Massa ancora una volta in crisi è sedicesimo.

Tom Dillmann, NIO Formula E Team, NIO Sport 004, in pit lane
Stoffel Vandoorne, HWA Racelab, VFE-05, esce dal garage
Jose Maria Lopez, GEOX Dragon Racing, Penske EV-3, esce dal garage
Antonio Felix da Costa, BMW I Andretti Motorsports, BMW iFE.18, in pit lane
Antonio Felix da Costa, BMW I Andretti Motorsports, BMW iFE.18
Mitch Evans, Jaguar Racing, Jaguar I-Type 3, in pit lane
Tom Dillmann, NIO Formula E Team, NIO Sport 004, bloccaggio
Tom Dillmann, NIO Formula E Team, NIO Sport 004
Sébastien Buemi, Nissan e.Dams

Sul tracciato che sorge all’interno del Park O’Higgins sarà il caldo uno degli elementi chiave del round cileno dato che in occasione delle FP1 disputate alle 8 del mattino la temperatura faceva già registrare un valore di 24,5 gradi.

La prima sessione di libere, interrotta da un incidente che ha visto protagonista Sebastien Buemi, ha visto Lucas di Grassi ottenere il miglior tempo in 1’08’’630, mentre nelle FP2 è stato Jose Maria Lopez ad imporsi in cima alla classifica con il crono di 1’08’’194.

L’argentino avrebbe potuto migliorare ulteriormente nel corso del suo ultimo giro, specie considerando i migliori parziali ottenuti nei primi due settori, ma ha compromesso tutto nel T3.

Robin Frijns si è dovuto accontentare del secondo riferimento fermando il cronometro sul tempo di 1’08’’260, mentre Di Grassi è riuscito ad inserirsi tra i due portacolori del team Virgin Racing precedendo Sam Bird.

Seconda sessione di libere decisamente positiva per Pascal Wehrlein. Il tedesco, ottimo al debutto in qualifica a Marrakesh ed alla ricerca di maggior fortuna al secondo ePrix della sua carriera, ha centrato il quinto tempo.

Sesto tempo per la Jaguar di Mitch Evans nonostante due baci alle barriere in uscita da curva 12 che non hanno causato danneggiamenti significativi.

Il leader del campionato, Jerome D’Ambrosio, ha chiuso le FP2 con il settimo tempo precedendo Alexander Sims, Oliver Rowland ed Antonio Felix da Costa.

Daniel Abt ha ottenuto l’undicesimo tempo precedendo le due DS Techeetah affidate a Jean Eric Vergne ed Andre Lotterer. Quest’ultimo ha anche colpito le barriere in uscita di curva 7 ma, così come Evans, la sua vettura non ha riportato danni significativi.

Sebastien Buemi è riuscito a scendere in pista all’inizio del secondo turno di libere nonostante il violento impatto avvenuto in curva 7 nel corso delle FP1.

Lo svizzero, dopo aver bloccato l’anteriore destra, ha colpito il muretto esterno per poi perdere il controllo della vettura e rimbalzare frontalmente contro le barriere poste sul lato opposto ed ha costretto i commissari ad esporre le bandiere rosse.

Nonostante i seri danni riscontrati, Buemi è riuscito ugualmente a disputare le FP2 ottenendo il quindicesimo tempo.

Ancora una sessione complicata per Felipe Massa alle prese con una guidabilità infelice della propria vettura. Il brasiliano ha chiuso con il sedicesimo tempo davanti a Nelson Piquet e Stoffel Vandoorne.

Cla # Pilota Team Giri Tempo Gap Interval km/h
1 7 Argentina Jose Maria Lopez  United States Dragon Racing 19 1'08.194     123.952
2 4 Netherlands Robin Frijns  United Kingdom Virgin Racing 16 1'08.260 0.066 0.066 123.832
3 11 Brazil Lucas di Grassi  Germany Team Abt 16 1'08.299 0.105 0.039 123.761
4 2 United Kingdom Sam Bird  United Kingdom Virgin Racing 16 1'08.341 0.147 0.042 123.685
5 94 Germany Pascal Wehrlein  India Mahindra Racing 15 1'08.442 0.248 0.101 123.503
6 20 New Zealand Mitch Evans  United Kingdom Jaguar Racing 15 1'08.456 0.262 0.014 123.477
7 64 Belgium Jérôme d'Ambrosio  India Mahindra Racing 15 1'08.533 0.339 0.077 123.339
8 27 United Kingdom Alexander Sims  United States Andretti Autosport 15 1'08.660 0.466 0.127 123.110
9 22 United Kingdom Oliver Rowland  France DAMS 14 1'08.684 0.490 0.024 123.067
10 28 Portugal Antonio Felix da Costa  United States Andretti Autosport 13 1'08.755 0.561 0.071 122.940
11 66 Germany Daniel Abt  Germany Team Abt 16 1'08.781 0.587 0.026 122.894
12 16 United Kingdom Oliver Turvey  China NIO Formula E Team 14 1'08.823 0.629 0.042 122.819
13 25 France Jean-Eric Vergne  China Techeetah 14 1'08.833 0.639 0.010 122.801
14 36 Germany Andre Lotterer  China Techeetah 18 1'08.856 0.662 0.023 122.760
15 23 Switzerland Sébastien Buemi  France DAMS 21 1'08.892 0.698 0.036 122.696
16 19 Brazil Felipe Massa  Monaco Venturi 17 1'08.896 0.702 0.004 122.689
17 3 Brazil Nelson Piquet Jr.  United Kingdom Jaguar Racing 16 1'08.921 0.727 0.025 122.644
18 5 Belgium Stoffel Vandoorne  HWA Racelab 18 1'09.299 1.105 0.378 121.975
19 6 Germany Maximilian Gunther  United States Dragon Racing 19 1'09.799 1.605 0.500 121.102
20 8 France Tom Dillmann  China NIO Formula E Team 10 1'10.441 2.247 0.642 119.998
21 17 United Kingdom Gary Paffett  HWA Racelab 17 1'10.550 2.356 0.109 119.812
22 48 Switzerland Edoardo Mortara  Monaco Venturi 17 1'10.558 2.364 0.008 119.79

 

Prossimo Articolo
BMW: Sims e da Costa saranno lasciati liberi di correre nonostante lo scontro di Marrakesh

Articolo precedente

BMW: Sims e da Costa saranno lasciati liberi di correre nonostante lo scontro di Marrakesh

Prossimo Articolo

Santiago ePrix: Di Grassi vola e conquista la pole ma finisce sotto investigazione

Santiago ePrix: Di Grassi vola e conquista la pole ma finisce sotto investigazione
Carica commenti