Nick Heidfeld deciderà se correre dopo lo shake down

Il pilota tedesco è d'accordo con la Mahindra Racing: gareggerà a Buenos Aires soltanto se è tutto a posto

Nick Heidfeld prenderà una decisione se tornare in pista con la scuderia Mahindra Racing nelCampionato FIA di Formula E dopo lo shake down della gara di Buenos Aires, previsto venerdì pomeriggio.

Motorsport.com ha infatti svelato che giovedì Adam Carroll era stato messo in pre-allarmedalla scuderia indiana ed era volato in Argentina, per poter subentrare all'ex pilota di Formula 1 qualora quest'ultimo non dovesse sentirsi a proprio agio o ritenesse di non poter gareggiare al consueto livello di competitività.

Il tedesco ha infatti danneggiato la fascia di tendini che attraversano la mano sinistra dopo essere stato costretto a correggere la sua M2Electro a Putrajaya, allorché la monoposto andò in testacoda e scartò bruscamente di lato.

Nick ha effettuato un'operazione chirurgica poco dopo il suo rientro in Germania dalla Malesia e ha dovuto sottoporsi a lunghe sedute di fisioterapia a partire dall'inizio dell'anno per cercare di guarire la lesione al polso.

"Hanno 'aperto' la mia mano per l'operazione, ma in un modo che per essere sistemato in modo completo e per guarire richiede sei o sette settimane", ha detto Heidfeld a Motorsport.com. "Il problema è che i muscoli si sono come 'atrofizzati' e ho avuto problemi di inerzia con la mano che non è stata utilizzata a lungo. È stata sottoposta a terapia ininterrottamente dal 4 gennaio a oggi".

L'ex pilota della BMW e della Lotus di Formula 1, che ha raccolto un piazzamento sul podio al debutto con la Mahindra Racing nell'ePrix di Pechino, ha saggiato una vecchia Dallara-Mécachrome di GP2 a Valencia di recente, senza subire alcun effetto collaterale.

“È andato tutto bene e non ho avuto alcun dolore il giorno successivo, cosa che era particolarmente importante, ma non ho voluto spingere troppo perché non avevo nessuna voglia di fare qualcosa di stupido", ha continuato Nick. "Allora ho deciso d'accordo con il team che sarei venuto qui, pur avendo una buona possibilità di correre a Buenos Aires, ma che avremmo deciso soltanto dopo lo shake down".

Tuttavia, la natura tortuosa del tracciato di Puerto Madero richiede una particolare destrezza nell'uso della mano sinistra. "Il tornante alla partenza gira a sinistra, quindi lì sarà la mia mano destra che dovrà fare la maggior parte del lavoro. Onestamente, penso che a Baires la pista non sia così irregolare come alcuni altri circuiti nel calendario della Formula E. Il medico ha detto che guidare non dovrebbe portarmi alcun problema e che dovrei sentirmi bene: si tratta di sentire e ascoltare quello che il mio corpo ha da dirmi...".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula E
Evento ePrix di Buenos Aires
Sub-evento Anteprima
Circuito Puerto Madero Street Circuit
Piloti Nick Heidfeld
Team Mahindra Racing
Articolo di tipo Ultime notizie