Formula E
22 nov
-
22 nov
Evento concluso
23 nov
-
23 nov
Evento concluso
G
Santiago ePrix
17 gen
-
18 gen
Prossimo evento tra
33 giorni
G
Mexico City ePrix
14 feb
-
15 feb
Prossimo evento tra
61 giorni
G
Marrakesh ePrix
27 feb
-
29 feb
Prossimo evento tra
74 giorni
G
Sanya ePrix
20 mar
-
21 mar
Prossimo evento tra
96 giorni
03 apr
-
04 apr
Prossimo evento tra
110 giorni
G
Paris ePrix
17 apr
-
18 apr
Prossimo evento tra
124 giorni
G
Seoul ePrix
02 mag
-
03 mag
Prossimo evento tra
139 giorni
G
Jakarta ePrix
05 giu
-
06 giu
Prossimo evento tra
173 giorni
G
Berlin ePrix
20 giu
-
21 giu
Prossimo evento tra
188 giorni
G
New York City ePrix
10 lug
-
11 lug
Prossimo evento tra
208 giorni
G
London ePrix
25 lug
-
25 lug
Prossimo evento tra
223 giorni
G
E-Prix di Londra II
26 lug
-
26 lug
Prossimo evento tra
224 giorni

L’addio di Marco Mattiacci non preoccupa la Dragon Racing

condivisioni
commenti
L’addio di Marco Mattiacci non preoccupa la Dragon Racing
Di:
Tradotto da: Gabriele Testi, Direttore Responsabile Motorsport.com Switzerland
4 gen 2017, 17:27

Il manager romano, già responsabile della Ferrari in Formula 1, ha lasciato la start-up sino-americana Faraday Future pochi mesi dopo l’accordo quinquennale con Jay Penske per il team di Formula E...

Jérôme d'Ambrosio, Dragon Racing
Loic Duval, Dragon Racing
Jérôme d'Ambrosio, Dragon Racing
Jérôme d'Ambrosio, Dragon Racing
Jérôme d'Ambrosio, Dragon Racing
Loic Duval, Dragon Racing
Jérôme d'Ambrosio, Dragon Racing
Loic Duval, Dragon Racing
Loic Duval, Dragon Racing con degli ospiti
Conferenza stampa Dragon Racing e Faraday Future: Marco Mattiacci, Global Chief Brand e Commercial O
Conferenza stampa Dragon Racing e Faraday Future: Jay Penske, Dragon Racing
Conferenza stampa Dragon Racing e Faraday Future: Alejandro Agag - CEO, Formula E Holdings
Jay Penske
Jay Penske, team principal Dragon Racing
Jay Penske, Dragon Racing
Faraday Future Dragon Racing

L’abbandono della Faraday Future da parte di Marco Mattiacci, già responsabile della scuderia Ferrari di Formula 1 prima della gestione di Maurizio Arrivabene e prima di approdare negli Stati Uniti d’America con un nuovo incarico, non avrà alcun impatto sulle strategie e l’operatività della Dragon Racing in Formula E.

Il manager romano, responsabile del brand e direttore commerciale della start-up americana, è uno dei nomi più altisonanti rinvenibili fra quelli dei dirigenti che hanno lasciato la compagnia di proprietà cinese, ancorché con sede in Nevada, che ha presentato il proprio atteso SUV completamente elettrico alla fiera Consumer Electronics Show di Las Vegas martedì 3 gennaio.

Oltre all’italiano, si ritiene che anche Joerg Sommer, che si unì alla Faraday Future proveniente dal Volkswagen Group of America in settembre, abbia lasciato l'azienda il mese scorso. 

Il dirigente capitolino aveva frequentato le gare di Formula E di Londra, alla fine della stagione 2016-2016, e Hong Kong e aveva lavorato a stretto contatto con la Dragon Racing della famiglia Penske, formando una joint-venture il cui valore si ritiene possa aggirarsi sui 60 milioni di dollari nei prossimi cinque anni.

Le “fughe” di manager di alto profilo dalla Faraday Future fanno seguito alle molte speculazioni sulle capacità tecniche e produttive e, in ultima analisi, sullo stato di salute della “misteriosa” società USA, che sin dagli albori è di proprietà della LeCo, un gigante dell’elettronica di consumo con sede a Pechino.

Il fondatore della LeCo e della Faraday Future è l’imprenditore cinese Jia Yueting, che è noto per aver investito inizialmente 300 milioni di dollari nel progetto, in attesa della conferma di ulteriori finanziamenti che avrebbero dovuto provenire dall’Asia. 

Alcuni dubbi sono stati gettati sul futuro a lungo termine dell'azienda sin da quando l’attività lavorativa è stata sospesa nella sua nuova base in Nevada, e ciò a partire dallo scorso autunno.

L’esito delle elezioni USA del novembre 2016 è un altro fattore che potrebbe causare ulteriori disturbi ai potenziali e ulteriori investimenti finalizzato all’avvenire d’impresa della Faraday Future, che attualmente dà lavoro a quasi 900 persone.

Tuttavia, Motorsport.com ha contezza del fatto che il programma del team quasi omonimo nel Campionato FIA di Formula E rimarrà inalterato e che esso resterà immune da eventuali problemi che la Faraday Future dovesse affrontare nei mesi a venire. 

La scuderia statunitense è chiamata al vernissage di un nuovo partner commerciale nelle prossime settimane. Ciò avverrà dopo che la PMC di Jay Penske si sarà riorganizzata a dovere, avendo recentemente proceduto all’acquisizione del rinomato marchio Robb Report, un leader globale nei beni e nei servizi di lusso, in collaborazione con il fondo Rockbridge Growth Equity.

Come già noto ai più, il team statunitense di Formula E era stato ribattezzato quasi completamente a partire dalla gara di apertura della stagione 2016-2017, allorché si presentò con una livrea sorprendente e influenzata dal partenariato con la Faraday Future.

La squadra di Santa Monica ha finora avuto un deludente inizio di campionato nel rinnovato assalto alla categoria “full electric”, con il settimo posto del veterano Jérôme D'Ambrosio a Hong Kong quale risultato top finora ottenuto nella terza edizione della serie.

Benché nessun membro della scuderia Faraday Future Dragon Racing si sia detto disponibile a commentare direttamente le novità, una fonte anonima molto vicina all’operatività della squadra ha gettato acqua sul fuoco parlando con Motorsport.com: "Le cose continueranno ad andare avanti come previsto, e la squadra non è influenzata da uno qualsiasi dei guai segnalati".

 

 

 

Prossimo Articolo
I bambini e 50.581 cartoline per il clima gratificano la F.E

Articolo precedente

I bambini e 50.581 cartoline per il clima gratificano la F.E

Prossimo Articolo

Petar Brljak: “Non riesco a dormire per l’adrenalina in corpo!”

Petar Brljak: “Non riesco a dormire per l’adrenalina in corpo!”
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula E
Piloti Loïc Duval , Jérôme D'Ambrosio
Team Dragon Racing
Autore Sam Smith