La DS non parteciperà al bando per le batterie della F.E

Parlando con Motorsport.com, Xavier Mestelan Pinon ha svelato che l’industria francese ha progettato una nuova vettura per la prossima stagione, ma non è interessata alla monofornitura FIA 2018-2019.

È molto improbabile che la DS Automobiles, partner della Virgin Racing in Formula E, sia incaricata della fornitura delle batterie identiche per tutti che saranno installate dalle vetture interamente elettriche del Campionato FIA in un prossimo futuro.

Le domande di partecipazione al bando di gara per la monofornitura della categoria a partire dalla quinta stagione dovranno essere fatte pervenire alla FIA entro la data dell’8 giugno.

Benché in un primo tempo il marchio di lusso del gruppo Peugeot Citroën abbia genuinamente valutato la partecipazione all’appalto federale, oggi il responsabile Xavier Mestelan Pinon racconta alla redazione di Motorsport.com che il lavoro sulle future DS Virgin Racing da competizione eredi dell’attuale DSV-01 avrà la priorità su ogni altro impegno per il brand DS.

"Ciò che per noi della DS è veramente importante è il miglioramento della tecnologia alla base dei nostri veicoli elettrici. Riteniamo, al momento, che non sia il compito di una casa automobilistica, nella fattispecie quello della nostra, rifornire l’intero parco partenti di una specialità. Non abbiamo ancora preso una decisione definitiva, ma daremo in ogni caso una risposta alla commissione appaltatrice”.

"Abbiamo tante cose da fare in Formula E, ma non vogliamo associare la nostra immagine alle altre auto della categoria, almeno non in questa fase. Così, l'unica ragione per progettare una nuova batteria è quella di aumentare la nostra conoscenza in questo tipo di tecnologia, ma è qualcosa che si può fare da soli", ha seguitato a dire il dirigente francese.

Xavier Mestelan Pinon, che si è avvicinato al programma di Formula E alla fine dello scorso anno, ritiene che un accordo commerciale con gli organizzatori della specialità organizzata da Alejandro Agag per la produzione e l’assistenza delle batterie possa diventare una distrazione dalla conquista agonistica della serie “full electric”.

"Ciò che sarà molto importante per noi, quando si ‘apriranno i regolamenti’, è la certezza di disporre delle competenze per realizzare una batteria efficace, compiendo una buona scelta per le celle e la chimica necessaria”, ha spiegato l’ex capo del programma Citroën nei rally e nel WTCC.

"Per gli ingegneri della DS Automobiles, è fondamentale essere pronti al momento giusto. Allo stato attuale, progettare una batteria per tutte le altre squadre e attivare un percorso commerciale non è il nostro obiettivo, in buona sintesi. Ciò che ci prefiggiamo davvero è il raggiungimento della capacità di costruire l’auto migliore del lotto, quella in grado di lottare per la vittoria in ogni gara. Il propulsore, il powertrain, è il nostro primo e unico focus...".

Le specifiche e dettagliate richieste previste dalla FIA per l’appalto per le batterie della stagione 2018-2019, quella nelle cui intenzioni le monoposto di Formula E dovranno essere in grado di coprire l’intera distanza di una gara, prevedono un’energia utilizzabile di 54 kWh e una potenza massima rigenerabile di 250 kiloWatt. Le aziende intenzionate a candidarsi nel ruolo di fornitore unico hanno la facoltà di presentare proposte di contratto di durata sia biennale che triennale.

La Renault, la Mahindra e la Williams Advanced Engineering, attuale fornitore unico sin dal torneo 2014-2015, sono fra le partecipanti più attese al bando di gara indetto dalla Federazione Internazionale dell’Automobile. L’annuncio del nome dell’aggiudicatario è pianificato per il 24 giugno, ma la decisione potrebbe essere ulteriormente ritardata per ulteriori valutazioni da parte dell’Autorità Sportiva Internazionale.

Una nuova monoposto al posto della DSV-01

Si ipotizza che la DS Virgin Racing abbia optato per un motore singolo in vista della stagione 2016-2017, dopo aver affrontato l’attuale campagna sportiva con un doppio motore elettrico.

"Non posso dare ancora una risposta sull’assetto del nostro motore, ma quello che posso dirvi è che abbiamo progettato una macchina nuova di zecca, che è scaturita da un foglio bianco", ha detto Xavier Mestelan Pinon, la cui squadra quest’anno ha messo in pista Sam Bird e Jean-Éric Vergne.

"Non abbiamo nulla da rimproverarci per come abbiamo congegnato la macchina di quest’anno. Abbiamo via via migliorato le prestazioni per quanto riguarda la gestione dell'energia, ma non sappiamo ancora se sarà stato sufficiente. Quello che è certo è che ridurremo il peso della vettura di quest'anno".

Il grande capo della DS Performance, braccio agonistico della DS Automobiles, ha continuato le proprie rivelazioni, confermando che l'auto della terza stagione “è già scesa in pista per i primi test".

È inoltre previsto che Sam Bird conduca ulteriori collaudi con la nuova creatura della DS Virgin Racing nelle prossime settimane.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula E
Team DS Virgin Racing
Articolo di tipo Ultime notizie