La Jaguar Racing “dovrà migliorarsi sulla distanza”

Diventata già oggi un riferimento in qualifica, secondo il pilota Mitch Evans la scuderia britannica, reduce da un podio nel round del 3 dicembre ad Hong Kong, dovrà lavorare molto in ottica gara per poter meglio capitalizzare.

La Jaguar Racing “dovrà migliorarsi sulla distanza”
Mitch Evans, Jaguar Racing
Mitch Evans, Jaguar Racing
Mitch Evans, Jaguar Racing
Nelson Piquet Jr., Jaguar Racing
Mitch Evans, Jaguar Racing
Mitch Evans, Jaguar Racing
Mitch Evans, Jaguar Racing
Mitch Evans, Jaguar Racing
Mitch Evans, Jaguar Racing
Mitch Evans, Jaguar Racing
Mitch Evans, Jaguar Racing
Mitch Evans, Jaguar Racing
Mitch Evans, Jaguar Racing
Mitch Evans, Jaguar Racing
Mitch Evans, Jaguar Racing
Mitch Evans, Jaguar Racing
Mitch Evans, Jaguar Racing
Mitch Evans, Jaguar Racing
Mitch Evans, Jaguar Racing
Mitch Evans, Jaguar Racing, alla sessione autografi
Mitch Evans, Jaguar Racing, alla sessione autografi
Mitch Evans, Jaguar Racing
Mitch Evans, Jaguar Racing
Mitch Evans, Jaguar Racing
Mitch Evans, Jaguar Racing

Ultima tra i costruttori nel Campionato FIA di Formula E 2016-2017, la Jaguar Racing ha cominciato la stagione quattro con il piede giusto. Capace di inserirsi nella Super Pole della seconda giornata cinese, Mitch Evans ha infatti concluso il week end nella top 3 grazie alla squalifica del vincitore dell’ePrix Daniel Abt (Audi Sport ABT Schaeffler). 

 

Ma se già nei test di Valencia la velocità sul giro singolo sembrava confortante, la performance in corsa dovrà essere ancora rafforzata. 

“Specialmente sulla tornata secca siamo molto rapidi, quindi sono soddisfatto sotto questo punto di vista. Direi, in effetti, che siamo uno dei riferimenti, tuttavia resta da lavorare sulla distanza. Ci manca qualcosa. Lo spunto c’è, però non riusciamo a sfruttarlo per l’intero stint”, ha analizzato ad Autosport/Motorsport.com il 23enne neozelandese. 

 

Di qualche decimo rispetto al menzionato Abt, Felix Rosenqvist e a Edoardo Mortara, sul finale di entrambi gli appuntamenti finora disputati non si è mai dimostrato incisivo.

“Audi è forte e Mahindra, tra tutte, pare la più competitiva”, la sua riflessione”. Noi vorremmo essere a quel livello. Dunque se riuscissimo a convertire la rapidità che abbiamo in qualifica, in passo gara, saremmo davvero in ottima forma”. 

Grazie al podio ereditato da Mitch Evans e al quarto posto di Nelson Piquet Jr. il sabato, la Jaguar Racing ha già raggiunto in due ePrix il punteggio ottenuto lo scorso campionato. 

 

“Sul giro siamo lì con i top team, se non meglio, e anche se le nostre aspettative sono leggermente cambiate, vogliamo continuare così. È bello sentire via radio di aver conquistato la P1 o la P2 e di poter lottare. L’anno scorso, pur avendo accumulato parecchie buone tornate, non vedevo risultati. Adesso invece, abbiamo a disposizione un pacchetto competitivo, quindi sono ansioso di scoprire che cosa ci porterà la stagione”, ha infine concluso.

 

 

 

condivisioni
commenti
La Formula E in India? Non prima del 2019...

Articolo precedente

La Formula E in India? Non prima del 2019...

Prossimo Articolo

Vergne: “Techeetah lontana dalla forma del 2016-2017”

Vergne: “Techeetah lontana dalla forma del 2016-2017”
Carica commenti
Formula E: la costanza non è l'elemento chiave per il titolo Prime

Formula E: la costanza non è l'elemento chiave per il titolo

Andare costantemente a punti potrebbe non essere la scelta vincente per puntare al titolo in Formula E, complice anche un format di qualifica penalizzante per i piloti di vertice e creato per scompigliare le carte.

Formula E
23 lug 2021
Formula E: a Monaco è grande show ad andamento lento Prime

Formula E: a Monaco è grande show ad andamento lento

L'E-Prix nel Principato ha messo a nudo le inferiorità tecnico-velocistiche delle monoposto elettriche, che però hanno regalato una corsa molto bella sfruttando al meglio le proprie caratteristiche su un tracciato che non è stato pensato apposta per loro.

Formula E
11 mag 2021
Formula E: il flop di Valencia come monito per il futuro Prime

Formula E: il flop di Valencia come monito per il futuro

Lontana dai centri cittadini la Formula E ha evidenziato tutte le sue lacune. L'esperimento di Valencia servirà da lezione per gli organizzatori della categoria che hanno ottenuto un richiamo mediatico enorme, ma per i motivi sbagliati...

Formula E
27 apr 2021
Formula E: la redenzione di Vergne e Vandoorne a Roma Prime

Formula E: la redenzione di Vergne e Vandoorne a Roma

Nel weekend dell'E-Prix di Roma il pilota della DS Techeetah ed il belga della Mercedes sono riusciti a conquistare due vittorie dopo due incidente che avrebbero potuto gettare tutto al vento. Scopriamo come è stato possibile.

Formula E
13 apr 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Cosa rivela l'impegno di Nissan sul futuro della Formula E Prime

Cosa rivela l'impegno di Nissan sul futuro della Formula E

La Casa giapponese ha confermato il proprio impegno nella categoria elettrica anche per i prossimi anni e questo è un chiaro segno che denota come la Formula E non sia solo una ottima piattaforma di marketing.

Formula E
1 apr 2021
Formula E: un inizio controverso tra incidenti e missili! Prime

Formula E: un inizio controverso tra incidenti e missili!

Con la nuova stagione di Formula E che ha preso il via in Arabia Saudita, il campionato è sembrato cercare di recuperare il tempo perduto con un eccesso di azione e polemiche dentro e fuori la pista. Mentre alcuni punti di discussione potrebbero avere gravi ripercussioni, è stata un'apertura di 2021 esplosiva per molte ragioni.

Formula E
4 mar 2021
Chinchero racconta Vergne - Stelle di altri mondi Prime

Chinchero racconta Vergne - Stelle di altri mondi

Stelle di altri mondi è la rubrica in cui Roberto Chinchero, prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta la carriera nel motorsport di piloti che la F1 non hanno potuto fare altro che sognarla nonostante il grande talento o che nel Circus iridato sono state talentuose meteore. Buon ascolto!

Formula E
18 feb 2021