Quante marce per il powertrain Renault Z.E. 15?

Vincent Gaillardot esprime le incertezze dello staff tecnico e.dams sulla tipologia di trasmissione da utilizzare

La Renault ha utilizzato moltissima fluidodinamica computazionale (o CFD, computational fluid dynamics) e software di simulazione in tempo reale prima di prendere una decisione su quale direzione intraprendere per la prima stagione tecnicamente “liberalizzata” del Campionato FIA di Formula E, ma non tutto le è in realtà ancora chiaro.

Vi sono infatti ancora incertezze, per non parlare di veri e propri “dubbi amletici”, su quante marce la e.dams utilizzerà in gara e in qualifica nella trasmissione applicata al nuovo powertrain Z.E. 15, che impiega un motore singolo.

"Abbiamo un... po' di ingranaggi, forse tre. Con l'inizio della stagione 'open', bisogna necessariamente ragionare anche in termini di valutazione del rischio", ha dichiarato Vincent Gaillardot, direttore tecnico dell'équipe parigina, al giornalista Sam Smith di motorsport.com.

"Così come si può optare per una soluzione estrema, si può anche procedere per un assetto più 'conservativo' o cauto, perché abbiamo lavorato parecchio sulla riproduzione virtuale di gara e qualifiche e le relative specifiche". Sì, ma quali? Che cosa spingerà le monoposto di Sébastien Buemi e Nicolas Prost?

Il sodalizio fra Renault ed e-dams sta operando congiuntamente alla Zytek Automotive su diversi aspetti del pacchetto tecnico della monoposto “full electric”, compreso l'inverter.

L'azienda britannica si è già conquistata la fiducia del costruttore francese collaborando alla realizzazione dell'autovettura stradale Zoe e sull'unità motrice ZRS03 installata sulle monoposto di Formula Renault 3.5.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula E
Evento Donington Park, test di agosto
Circuito Donington Park
Piloti Sébastien Buemi , Nicolas Prost
Team DAMS
Articolo di tipo Ultime notizie