Formula E, Londra II: Di Grassi squalificato, Lynn si impone

Il pilota dell'Audi ha provato a beffare tutti passando dalla pit lane sotto safety car per poi uscire in testa, ma è stato prima punito con un drive through e poi squalificato con bandiera nera per non aver rispettato la penalità. De Vries è il nuovo leader del campionato.

Formula E, Londra II: Di Grassi squalificato, Lynn si impone

È successo di tutto nella seconda gara dell’E-Prix di Londra. Scontri, safety car e bandiere nere hanno caratterizzato un terzultimo appuntamento stagionale che passerà alla storia per quanto fatto dalla Audi e da Lucas Di Grassi. Ma andiamo con ordine.

Il via dell’E-Prix ha visto il poleman Vandoorne mantenere la prima posizione seguito da Rowland e Lynn, ma ben presto il pilota della Mahindra è stato sopravanzato da un Nyck de Vries in gran forma sul tracciato semi indoor dell’Exibition Centre.

Subito la lotta tra le due Mercedes e la Nissan di Rowland è diventata incandescente, complice anche una differente strategia di utilizzo dell’Attack Mode scelta dai due team, ma a placare gli animi ci ha pensato la direzione gara mandando in pista la safety car subito dopo il contatto tra Rast e Buemi che ha visto il pilota dell’Audi spedito a muro dallo svizzero.

Alla ripartenza Vandoorne ha mantenuto il comando, ma le operazioni sono state neutralizzate poco dopo quando André Lotterer ha compiuto una mossa kamikaze nei confronti di Antonio Felix da Costa.

Il campione in carica ha provato a superare il portacolori della Porsche sul rettilineo principale, ma il tedesco ha stretto il portoghese contro il muretto interno facendolo andare a sbattere per poi perdere l’anteriore destra.

Da Costa ha così dovuto fermare la sua monoposto nella via di fuga della prima chicane e la direzione gara ha dovuto far tornare in pista nuovamente la safety car. In questa occasione, mentre il gruppo si è ricompattato alle spalle della Mini elettrica, l’Audi ha chiesto a Di Grassi di entrare ai box per sopravanzare tutti i rivali.

Il brasiliano ha ascoltato il consiglio e dopo aver effettuato una brevissima sosta ai box è riuscito ad uscire in prima posizione tra lo stupore generale.

La mossa dell’Audi non è passata inosservata ai commissari sportivi che hanno dapprima messo sotto investigazione Di Grassi per poi infliggergli un Drive Through. Il brasiliano, però, non ha rispettato la penalità imposta (ed Allan McNish è anche corso in direzione gara per contestare il provvedimento) e a due giri dal termine è stato squalificato con bandiera nera.

Ad ereditare il successo è stato così un incredulo Alex Lynn, autore di una gara pulita e sempre lontano dai guai. Il pilota della Mahindra ha certamente beneficiato dell’incomprensibile sorpasso tentato da Rowland ai danni di Vandoorne, costato al pilota della Mercedes una vittoria assai probabile, ma anche dell’errore strategico compiuto dalla scuderia della Stella con de Vries.

L’olandese, infatti, è transitato per la seconda volta nella zona dedicata all’Attack Mode proprio quando da Costa è stato messo KO da Lotterer ed il team non ha letto bene la situazione non considerando che a breve sarebbe entrata in pista la safety car.

Nonostante questo errore de Vries è riuscito a chiudere sul secondo gradino del podio. Un risultato pesantissimo che lo porta adesso al vertice della classifica quando al termine della stagione mancano solo due gare.

Il terzo gradino del podio è stato occupato da Mitch Evans. Il pilota neozelandese ha tenuto alto l’onore della Jaguar in un weekend decisamente complicato per il team britannico complice il doppio zero rimediato da Sam Bird.

L’inglese ha gettato la possibilità di conquistare un punto nel finale quando ha provato un sorpasso azzardato ai danni di Nato concluso con un violento contatto a muro ed il ritiro.

Positiva la gara di Robin Frijns, quarto al termine di una corsa ricca di duelli e sportellate come dimostrano i danni riportati sulla carrozzeria della sua Virgin.

Pascal Wehrlein ha preceduto Maximilian Gunther, mentre Nick Cassidy ha conquistato la settima piazza portando a casa sei punti.

La classifica piloti è stata rivoluzionata dopo il doppio appuntamento di Londra. Come detto, al vertice c’è adesso Nyck de Vries con 95 punti, seguito da Robin Frijns a quota 88, mentre Sam Bird, nonostante il doppio zero, è adesso terzo con 81 punti davanti a Dennis e da Costa di una sola lunghezza.

Il prossimo appuntamento di Berlino sarà decisivo per l’assegnazione del titolo.

condivisioni
commenti
Formula E: Vandoorne si prende la pole dell'E-Prix di Londra II
Articolo precedente

Formula E: Vandoorne si prende la pole dell'E-Prix di Londra II

Prossimo Articolo

Frijns rinnova con Envision Virgin per la stagione 2021-2022

Frijns rinnova con Envision Virgin per la stagione 2021-2022
Carica commenti
Formula E: la costanza non è l'elemento chiave per il titolo Prime

Formula E: la costanza non è l'elemento chiave per il titolo

Andare costantemente a punti potrebbe non essere la scelta vincente per puntare al titolo in Formula E, complice anche un format di qualifica penalizzante per i piloti di vertice e creato per scompigliare le carte.

Formula E
23 lug 2021
Formula E: a Monaco è grande show ad andamento lento Prime

Formula E: a Monaco è grande show ad andamento lento

L'E-Prix nel Principato ha messo a nudo le inferiorità tecnico-velocistiche delle monoposto elettriche, che però hanno regalato una corsa molto bella sfruttando al meglio le proprie caratteristiche su un tracciato che non è stato pensato apposta per loro.

Formula E
11 mag 2021
Formula E: il flop di Valencia come monito per il futuro Prime

Formula E: il flop di Valencia come monito per il futuro

Lontana dai centri cittadini la Formula E ha evidenziato tutte le sue lacune. L'esperimento di Valencia servirà da lezione per gli organizzatori della categoria che hanno ottenuto un richiamo mediatico enorme, ma per i motivi sbagliati...

Formula E
27 apr 2021
Formula E: la redenzione di Vergne e Vandoorne a Roma Prime

Formula E: la redenzione di Vergne e Vandoorne a Roma

Nel weekend dell'E-Prix di Roma il pilota della DS Techeetah ed il belga della Mercedes sono riusciti a conquistare due vittorie dopo due incidente che avrebbero potuto gettare tutto al vento. Scopriamo come è stato possibile.

Formula E
13 apr 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Cosa rivela l'impegno di Nissan sul futuro della Formula E Prime

Cosa rivela l'impegno di Nissan sul futuro della Formula E

La Casa giapponese ha confermato il proprio impegno nella categoria elettrica anche per i prossimi anni e questo è un chiaro segno che denota come la Formula E non sia solo una ottima piattaforma di marketing.

Formula E
1 apr 2021
Formula E: un inizio controverso tra incidenti e missili! Prime

Formula E: un inizio controverso tra incidenti e missili!

Con la nuova stagione di Formula E che ha preso il via in Arabia Saudita, il campionato è sembrato cercare di recuperare il tempo perduto con un eccesso di azione e polemiche dentro e fuori la pista. Mentre alcuni punti di discussione potrebbero avere gravi ripercussioni, è stata un'apertura di 2021 esplosiva per molte ragioni.

Formula E
4 mar 2021
Chinchero racconta Vergne - Stelle di altri mondi Prime

Chinchero racconta Vergne - Stelle di altri mondi

Stelle di altri mondi è la rubrica in cui Roberto Chinchero, prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta la carriera nel motorsport di piloti che la F1 non hanno potuto fare altro che sognarla nonostante il grande talento o che nel Circus iridato sono state talentuose meteore. Buon ascolto!

Formula E
18 feb 2021