La Mahindra M2Electro ha provato (anche) nuovi cerchi

Sperimentate a Donington da Bruno Senna ruote più leggere non O.Z. durante una simulazione di qualifica

La progressiva liberalizzazione introdotta dalla seconda stagione di vita del Campionato FIA di Formula E induce alcune squadre a spingere la sperimentazione oltre limiti finora inesplorati.

È il caso della Mahindra Racing (fresca dell'ingaggio di un top driver come Nick Heidfeld al posto di Karun Chandhok, dell'accordo con la Campos Racing in luogo della Carlin Motorsport per la fornitura dei servizi tecnici e logistici e della realizzazione del nuovo powertrain M2Electro), che ha infatti sperimentato anche nuovi cerchi.

La squadra indiana ha infatti provato alcune “ruote” inedite sulla monoposto di Bruno Senna durante la sua simulazione di qualifica a 200 kW di potenza, avvenuta nel corso del pomeriggio del quarto giorno di test a Donington Park.

Nonostante le vetture della squadra diretta da Dilbagh Gill abbiano percorso pochi giri con gli inediti cerchi non brandizzati (che sostituiscono il materiale standard della O.Z. Wheels inserito nel listino ricambi della Spark Racing Technology fin dall'esordio della SRT_01E marchiata Renault) si prevede che le nuove ruote possano mantenere più agevolmente i freni in temperatura e allo stesso tempo comportare una riduzione del peso.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula E
Evento Donington Park, test di agosto
Sub-evento Giorno 5
Circuito Donington Park
Piloti Bruno Senna
Team Mahindra Racing
Articolo di tipo Ultime notizie