Gill: “Conterà la strategia, e noi lì ci saremo...”

Cautamente ottimista, il manager indiano ritiene di avere lavorato bene nello sviluppo della M2Electro

Dilbagh Gill, team principal della Mahindra Racing, si sente molto ottimista circa le possibilità della sua squadra di fare bene nella seconda stagione di Formula E in vista della prima gara di Pechino, prevista questo fine settimana.

Dopo aver terminato ottavo nella prima stagione, il costruttore indiano ha optato per molti cambiamenti all'interno del team per il torneo 2015-2016, modifiche che il manager orientale ritiene possano aiutare a competere nella parte alta dello schieramento.

“La maggior parte dei test effettuati aveva come scopo quello di massimizzare l'affidabilità, ma avevamo anche uno specifico programma di collaudi finalizzato alle prestazioni per l'intera stagione che, credo, mostrerà che la nostra M2Electro può essere altamente competitiva", ha detto Gill alla vigilia della corsa inaugurale in Cina.

"Se l'obiettivo del primo anno era quello di far sì che la nostra struttura fosse operativa e perfettamente funzionante, la preparazione per la stagione due ha cercato di perfezionare i metodi con i quali operiamo".

Oltre a cambiare il partner logistico e tecnico, dalla Carlin Motorsport alla Campos Racing, come rivelato da Motorsport.com Italia durante il mese di agosto, l'équipe indiana ha anche reclutato Nick Heidfeld al posto di Karun Chandhok per affiancare il confermato Bruno Senna.

Come gli esponenti delle altre scuderie e i piloti della serie “full electric”, Dilbagh si è virtualmente unito al coro affermando che è veramente troppo presto per azzardare la scala dei valori nell'imminente Beijing ePrix, con la maggior parte delle dichiarazioni delle squadre incentrate su termini come “messa a punto”, "affidabilità" e "efficienza" relativamente ai collaudi estivi di Donington.

Sviluppando un ragionamento sui cambiamenti attesi e le aspettative generalizzate, ha detto: "La differenza fondamentale in chiave gara è l'aumento di potenza a 170 kiloWatt. Noi ci aspettiamo di vedere una maggiore varietà nella strategia adottata dalle diverse compagini. In base a ciò che abbiamo imparato nei test e conformemente alle nostre simulazione, siamo molto fiduciosi del punto in cui ci troviamo con la M2Electro", ha aggiunto.

In funzione dell'imminente campionato, i due piloti hanno approfittato anche del programma di simulazione installato presso il quartier generale della Mahindra Racing e Dilbagh Gill ha ammesso che la squadra è oggi più “preparata” di quanto non fosse al semaforo verde della passata stagione.

"Sono cautamente ottimista. Credo che abbiamo fatto le scelte giuste, sia in termini di sviluppo della M2Electro, sia per il modo in cui abbiamo preparato l'attività in pista", ha sottolineato. "Il team ha davvero lavorato bene, agendo all'unisono, e sia Nick che Bruno hanno trovato il loro passo con la nuova macchina”.

E ancora: "Ci saranno sempre delle incognite, ma io sono entusiasta della nuova esperienza agonistica che ci attende con una 'cavalleria' a 170kW, la quale richiederà ai team di mettere molto di più l'accento sulle strategie e sulle tattiche. Così, le gare saranno più un gioco incentrato sul pensiero, sulle capacità logiche e l'intelligenza delle persone, piuttosto che una corsa 'a tutto gas'. Non vedo l'ora di togliere il telo che ricopre le auto a Pechino e rendermi conto che la prossima stagione è iniziata!".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula E
Evento ePrix di Pechino
Circuito Streets of Beijing
Piloti Nick Heidfeld , Bruno Senna
Articolo di tipo Ultime notizie