Formula E: ecco le novità approvate dal Consiglio Mondiale per la stagione 2019/2020

condivisioni
commenti
Formula E: ecco le novità approvate dal Consiglio Mondiale per la stagione 2019/2020
Di:
15 giu 2019, 07:30

Il calendario della prossima stagione perde l'evento in Svizzera ma vede il ritorno della doppia gara a Londra a fine stagione. Sarà assegnato anche 1 punto al pilota più veloce nel proprio gruppo di qualifica.

Sono numerose le novità approvate dal Consiglio Mondiale FIA per la prossima stagione di Formula E. In primo luogo sono state annunciate le 12 città che ospiteranno i 14 appuntamenti del campionato 2019/2020.

Si inizierà il 22 novembre in Arabia Saudita con la doppia gara di Ad Diriyah, per poi spostarsi in Cile il 18 gennaio ed in Messico il 15 febbraio. Le trasferte extraeuropee si concluderanno il 21 marzo in Cina, mentre Roma, il 4 aprile, sarà la prima gara nel vecchio continente .

Tra l’appuntamento di Parigi e quello di Berlino i team della Formula E dovranno poi affrontare la trasferta a Seoul dove si disputerà l’E-Prix della Corea del Sud il 3 maggio. La stagione si concluderà a Londra dove è previsto una doppia gara il 25 e 26 luglio.

Rispetto al calendario della stagione 2018/2019, oltre all’assenza dell’E-Prix di Monaco, si nota la mancanza della gara in Svizzera.

 

Altra novità annunciata durante il Consiglio Mondiale della FIA ha riguardato l’aspetto tecnico. Nello specifico è stata anche approvata una modifica delle norme tecniche che ha ridotto il numero massimo di MGU (convertitori elettromeccanici rotanti) da due a uno per la stagione 2019/2020.

I costruttori hanno avuto libertà di scelta su quanti motori utilizzare sin dalla seconda stagione 2015/2016 ed in passato sono stati NIO, NEXTEV e DS ad adottare questa soluzione prima che la maggior parte delle Case impegnate passasse al motore singolo con l’ingresso della Gen2.

Si ritiene, tuttavia, che la Nissan e.dams potrà essere toccata da questo provvedimento perché, da quanto si è appreso, è l’unica squadra che schiera vetture con doppio motore nella stagione 2018/2019.

Ultima modifica indicata è stata quella relativa al quantitativo di energia a disposizione di ogni vettura in occasione delle safety car e delle full course yellow.

L'esatto ammontare sarà determinato dalla durata della sospensione di gara e sarà pari a 1kWh al minuto per la durata del periodo di caution. Ciò significa che se la safety car è in pista per sei minuti, tutti i piloti avranno 6kWh sottratti dalla loro energia rimanente quando la gara ripartirà.

Questa decisione fa seguito alle critiche delle regole del formato di gara nella prima stagione dell'era Gen2. Secondo l'attuale formato, in caso di sospensione di gara non c’è necessità per i piloti di risparmiare significativamente energia.

Questa scelta riduce le possibilità di un finale caotico sulla falsariga di quello che è accaduto a Città del Messico all'inizio della stagione, dove il leader Pascal Wehrlein ha esaurito la sua energia disponibile sulla linea del traguardo consentendo a Lucas Di Grassi di beffarlo.

Ulteriori cambiamenti riguarderanno il livello di potenza dell’attack mode che salirà da 10 kW, quindi a 235 kW, per la prossima stagione.

Inoltre è stato annunciato ufficialmente come le vetture della Gen2 saranno utilizzate per quattro stagioni. La stagione extra di utilizzo si è resa necessaria per mantenere contenuti i costi e stabili i regolamenti.

L’ultima novità ha riguardato l’assegnazione di un punto extra al pilota che si troverà al vertice del proprio gruppo in occasione della sessione di qualifica. Questo punto si aggiunge ai 3 assegnati per la pole ed a quello per il giro veloce realizzato in gara.

Prossimo Articolo
E-Prix di Berlino: Di Grassi domina in solitaria e regala il successo di casa all'Audi

Articolo precedente

E-Prix di Berlino: Di Grassi domina in solitaria e regala il successo di casa all'Audi

Prossimo Articolo

E-Prix di Berna: rinviato lo shakedown perché la pista non è stata ancora completata

E-Prix di Berna: rinviato lo shakedown perché la pista non è stata ancora completata
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula E
Autore Marco Di Marco