De Silvestro: “Il surriscaldamento è stato anomalo”

De Silvestro: “Il surriscaldamento è stato anomalo”

Simona e la seconda monoposto della Amlin Andretti ritardate dalle batterie e da una qualifica infelice

Non è facile reggere il confronto con un compagno di squadra “eroico” come Robin Frijns, in Malesia giunto al traguardo e sul podio con lo... sterzo piegato (!), ma Simona De Silvestro non si è davvero fatta mancare nulla in fatto di problemi tecnici e di temperature a Putrajaya. La lady driver italo-svizzera del team Amlin Andretti, 13sima alla bandiera a scacchi, avrebbe potuto certamente fare di più se non fosse partita ultima di diciotto vetture, ed è lei stessa a confidarlo nel dopo gara...

"La nostra corsa è stata un po' strana, perché abbiamo sofferto di surriscaldamento della batteria abbastanza rapidamente. La cosa è davvero anomala, perché questo comportamento delle celle ha interessato soltanto una delle vetture, la prima auto, dopodiché abbiamo faticato parecchio nella misura in cui la rigenerazione delle pile si era rivelata inefficace. Dobbiamo esaminare la cosa con attenzione, perché non siamo del tutto sicuri di che cosa sia successo. Alla resa dei conti, ho sì guadagnato un po' di terreno in gara, ma mi ero qualificata troppo indietro...".

 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula E
Evento ePrix di Putrajaya
Sub-evento Sabato, gara
Circuito Streets of Putrajaya
Piloti Simona De Silvestro
Team Andretti Autosport
Articolo di tipo Commento