Berthon: “La strategia e la... fortuna hanno pagato”

Il rookie transalpino del Team Aguri ha recuperato nel Beijing ePrix ben nove posizioni agli avversari

Berthon: “La strategia e la... fortuna hanno pagato”
Nathanael Berthon
Nathanael Berthon, Daiko Team Lazarus
Nathanael Berthon, Daiko Team Lazarus
Salvador Duran, Team Aguri
Salvador Duran, Team Aguri
Carica lettore audio

Non era cominciato bene il fine settimana del debutto nel Campionato FIA di Formula E di Nathanaël Berthon, costretto in qualifica a Pechino ad allinearsi in 17esima posizione alle spalle del compagno Antonio Félix Da Costa, in seguito a diversi problemi in frenata.

Entrambi i piloti del Team Aguri hanno evitato guai in partenza, spesso una caratteristica negativa dei primi giri sui circuiti cittadini. Berthon ha trascorso la prima metà della corsa salvaguardando la potenza disponibile, cosa che gli ha consentito di andare un giro oltre la percorrenza di gran parte dei rivali durante il primo stint. Ciò ha fatto il gioco del francese, che si è ritrovato all'ottavo posto dopo la fase dei pit-stop. Nonostante il ripetersi in corsa degli stessi guai ai freni delle prove cronometrate, è riuscito a finire la gara nella stessa posizione, grazie a una corsa in gran parte priva di neutralizzazioni. Le nove posizioni guadagnate in corsa da Nathanaël sono state il record del week end cinese...

“È stato incredibile. Se ci avessero offerto un ottavo posto a inizio gara, sicuramente lo avremmo preso al volo. Sono molto contento per la scuderia e altrettanto felice di tornare a casa, in Francia, con qualche punto dopo la mia prima corsa in Formula E. La strategia era ottima, ha pagato, ma abbiamo avuto anche un sacco di fortuna: il livello di team e piloti qui è molto alto e non sarà facile avere ancora sconti dalla buona sorte nel prosieguo del campionato. È altrettanto vero che abbiamo un sacco di lavoro da fare se vogliamo ripeterci nella prossima tappa in Malesia. Abbiamo avuto pure alcuni problemi, e la seconda vettura non me la sentivo cucita addosso al meglio. Detto questo, ho fiducia totale nel Team Aguri e sono sicuro che potremo andare ancora avanti".

condivisioni
commenti
Prost: “Voglio sapere che cosa ha rotto l'alettone”
Articolo precedente

Prost: “Voglio sapere che cosa ha rotto l'alettone”

Prossimo Articolo

Da Costa: “Mi dispiace per Jacques e per il Team Aguri”

Da Costa: “Mi dispiace per Jacques e per il Team Aguri”