Batterie, Williams "in difesa" dopo le avarie malesi

Il tecnico Gary Ekerold attribuisce all'afa di Putrajaya e agli errori di gestione elettrica dei team i problemi emersi

Batterie, Williams "in difesa" dopo le avarie malesi

La Williams Advanced Engineering, fornitore della prima ora delle batterie impiegate nel Campionato FIA di Formula E, ritiene ingiuste e immotivate le critiche che le sono state rivolte all'indomani del Putrajaya ePrix, disputato sabato 7 novembre e nel corso del quale si è registrata una vera e propria ecatombe di celle destinate all'immagazzinamento dell'energia.

Un dato è evidente: la gestione termica della batteria realizzata dalla WAE, uguale per tutti, si è rivelata la parte più ardua e determinante della manifestazione malese, nella misura in cui le squadre hanno lottato per affrontare temperature ambientali anche di 39 gradi centigradi, associate a un'elevatissima umidità.

I due piloti della Renault e.dams, Sébastien Buemi e Nicolas Prost, che già avevano in qualche modo dominato prestazionalmente la gara di Pechino e si sono assicurati la pole position sia in Malesia che in Cina, sono stati colpiti entrambi da problemi tecnici per ben due volte in corsa, ma qualcosa di analogo è capitato addirittura ad Antonio Félix da Costa sulla Spark-Renault SRT_01E versione 2014 del Team Aguri, pressoché fermatasi in pista quando stava inseguendo un risultato da podio.

Gary Ekerold, leader del progetto Formula E in seno alla Williams Advanced Engineering, ha tenuto a precisare che ciò che alcuni piloti inizialmente hanno creduto fosse un guasto delle “pile”, parlando a sproposito, a causa della comparsa sul loro display di un messaggio di errore collegato all'informazione “sistema di gestione delle batterie”, in realtà dipendeva da ben altro.

“Il clima è stato una sberla notevole da ogni punto di vista", ha dichiarato il tecnico britannico al settimanale specializzato “Autosport”. "Questi livelli di calore ponevano l'intera macchina sotto grande pressione nonché in una condizione di stress. Il messaggio di errore che compariva sul volante era un avviso BMS (acronimo di Battery Management System, ndr) che serve a proteggere l'intero sistema dell'auto. Questo messaggio avrebbe potuto riguardare e provenire da qualsiasi aspetto o elemento della monoposto, che la batteria ha il compito di salvaguardare”.

Gary Ekerold rincara la dose nei riguardi di squadre e conduttori, rammentando loro le premesse originarie del coinvolgimento dell'engineering di Grove. "La batteria non è mai stata progettata per funzionare a 39 gradi di temperatura ambientale. Quindi, eravamo già oltre quella finestra di funzionamento. Inoltre, non è stata pensata per potenze di 170 kiloWatt, bensì concepita per lavorare a 133. E anche qui siamo ben oltre il range di default...”.

E ancora, facendo un po' di morale: "Correre vuol dire essere sempre al limite, ma a volte le squadre viaggiano al di là dei limiti. Così facendo, si possono riscontrare inconvenienti un po' ovunque sul mezzo. E non è certamente il caso di parlare di fondamentali errori di progettazione da parte nostra, ci mancherebbe...”.

Le squadre non riceveranno dati o consigli su come gestire condizioni di intenso calore, se dovessero ripetersi in Uruguay e Argentina. “A dire la verità, è l'esatto contrario", ha spiegato il manager inglese. "Non possiamo né vogliamo farlo. Non riteniamo di dover condividere le informazioni tecniche nella loro totalità con i team, perché le scuderie stesse hanno bisogno di comprendere questo processo, e di capirlo in autonomia. Anche questa è una parte della gestione delle vetture in pista. Alcune formazioni hanno un vantaggio perché hanno capito il sistema di funzionamento e altre no: e questo è ciò che le rende diverse...".

Anche se non decisivi, diversi problemi alle batterie sono stati comunque individuati nel corso delle prime due gare della Formula E, in Cina e in Malesia. Qualche esempio? Il Team Aguri ha dovuto prendere in prestito una batteria dalla squadra di Jarno Trulli, inattiva a Putrajaya, in seguito allo svilupparsi di un guasto su una delle celle a sua disposizione, per il fatto che la Williams Advanced Engineering era rimasta senza pezzi di ricambio.

C'è stato anche un problema esterno quando l'esplosione di un caricabatterie ha danneggiato la batteria di Sam Bird il sabato, con il risultato che la DS Virgin Racing ha dovuto cambiarla in tempi record prima della partenza della corsa. A Pechino, quattro batterie hanno dovuto essere sostituite dopo la sessione di test una tantum del venerdì perché i costruttori della WAE hanno individuato potenziali problemi con le unità recentemente aggiornate... 

 

condivisioni
commenti
Che cosa sta succedendo al Team Trulli di F.E?
Articolo precedente

Che cosa sta succedendo al Team Trulli di F.E?

Prossimo Articolo

TV, ancora più riprese “ad angolo giro” per la F.E!

TV, ancora più riprese “ad angolo giro” per la F.E!
Carica commenti
Formula E: la costanza non è l'elemento chiave per il titolo Prime

Formula E: la costanza non è l'elemento chiave per il titolo

Andare costantemente a punti potrebbe non essere la scelta vincente per puntare al titolo in Formula E, complice anche un format di qualifica penalizzante per i piloti di vertice e creato per scompigliare le carte.

Formula E
23 lug 2021
Formula E: a Monaco è grande show ad andamento lento Prime

Formula E: a Monaco è grande show ad andamento lento

L'E-Prix nel Principato ha messo a nudo le inferiorità tecnico-velocistiche delle monoposto elettriche, che però hanno regalato una corsa molto bella sfruttando al meglio le proprie caratteristiche su un tracciato che non è stato pensato apposta per loro.

Formula E
11 mag 2021
Formula E: il flop di Valencia come monito per il futuro Prime

Formula E: il flop di Valencia come monito per il futuro

Lontana dai centri cittadini la Formula E ha evidenziato tutte le sue lacune. L'esperimento di Valencia servirà da lezione per gli organizzatori della categoria che hanno ottenuto un richiamo mediatico enorme, ma per i motivi sbagliati...

Formula E
27 apr 2021
Formula E: la redenzione di Vergne e Vandoorne a Roma Prime

Formula E: la redenzione di Vergne e Vandoorne a Roma

Nel weekend dell'E-Prix di Roma il pilota della DS Techeetah ed il belga della Mercedes sono riusciti a conquistare due vittorie dopo due incidente che avrebbero potuto gettare tutto al vento. Scopriamo come è stato possibile.

Formula E
13 apr 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Cosa rivela l'impegno di Nissan sul futuro della Formula E Prime

Cosa rivela l'impegno di Nissan sul futuro della Formula E

La Casa giapponese ha confermato il proprio impegno nella categoria elettrica anche per i prossimi anni e questo è un chiaro segno che denota come la Formula E non sia solo una ottima piattaforma di marketing.

Formula E
1 apr 2021
Formula E: un inizio controverso tra incidenti e missili! Prime

Formula E: un inizio controverso tra incidenti e missili!

Con la nuova stagione di Formula E che ha preso il via in Arabia Saudita, il campionato è sembrato cercare di recuperare il tempo perduto con un eccesso di azione e polemiche dentro e fuori la pista. Mentre alcuni punti di discussione potrebbero avere gravi ripercussioni, è stata un'apertura di 2021 esplosiva per molte ragioni.

Formula E
4 mar 2021
Chinchero racconta Vergne - Stelle di altri mondi Prime

Chinchero racconta Vergne - Stelle di altri mondi

Stelle di altri mondi è la rubrica in cui Roberto Chinchero, prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta la carriera nel motorsport di piloti che la F1 non hanno potuto fare altro che sognarla nonostante il grande talento o che nel Circus iridato sono state talentuose meteore. Buon ascolto!

Formula E
18 feb 2021