Agag: “L'auto elettrica decisiva per ridurre la CO2”

L'imprenditore spagnolo e la F.E hanno applaudito l'accordo di Parigi fra gli Stati sul controllo del clima

Lo storico “Paris Outcome”, l'accordo firmato il 12 dicembre scorso da quasi 200 Paesi nella capitale francese, è stato applaudito anche dagli organizzatori dal Campionato FIA di Formula E, ovviamente molto sensibili al tema.

A conclusione della conferenza COP21 sui cambiamenti climatici voluta dalle Nazioni Unite e dopo intensi negoziati, i governi di tutto il mondo hanno per la prima volta raggiunto un accordo universale per ridurre le emissioni dei gas serra, una mossa che potrebbe effettivamente segnare la fine dell'era dei combustibili fossili entro il termine di questo secolo.

Obiettivo dichiarato della F.E è quello di promuovere l'immagine delle auto “full electric” e guidare lo sviluppo della tecnologia dei veicoli a emissioni zero. Affinché la “mission” di limitare l'aumento della temperatura globale a meno di 2 gradi centigradi al di sopra dei livelli pre-industriali, come indicato nel contratto giuridicamente vincolante fra gli Stati contraenti, le auto elettriche dovranno svolgere un ruolo di primo piano.

"L'accordo di Parigi rappresenta una pietra miliare nella lotta contro il cambiamento climatico", ha detto il CEO della Formula E, Alejandro Agag. "Questa è la più grande minaccia che il pianeta deve affrontare in questo momento, e sarà soltanto attraverso un'azione universale che si potrà giungere a un reale cambiamento. Gli obiettivi che sono stati fissati sono duri, ma sappiamo che aumentando la quantità di veicoli elettrici sulle strade si potrà svolgere un ruolo importante nella riduzione delle emissioni di CO2”.

 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula E
Articolo di tipo Ultime notizie