Filippi: “Debbo sforzarmi di partire più avanti...”

condivisioni
commenti
Filippi: “Debbo sforzarmi di partire più avanti...”
Chiara Rainis
Di: Chiara Rainis , Motorsport.com Switzerland
18 mar 2018, 14:30

Anche a Punta del Este, il pilota italiano della NIO è stato protagonista di diversi errori nelle prove libere e in qualifica non è riuscito ad andare oltre una penalizzante 15esima piazza, che in corsa lo ha costretto inevitabilmente nel traffico.

Luca Filippi, NIO Formula E Team, Nick Heidfeld, Mahindra Racing
Luca Filippi, NIO Formula E Team, con Nick Heidfeld, Mahindra Racing
Luca Filippi, NIO Formula E Team
Luca Filippi, NIO Formula E Team
Luca Filippi, NIO Formula E Team
Luca Filippi, NIO Formula E Team
Luca Filippi, NIO Formula E Team
Luca Filippi, NIO Formula E Team
Luca Filippi, NIO Formula E Team
Luca Filippi, NIO Formula E Team

Cominciato con diversi lunghi e testacoda nelle prime due sessioni di prove, il week end dell’Uruguay di Luca Filippi è stato complicato sin subito.

Incapace di fare meglio del quindicesimo posto nelle qualifiche, il piemontese è stato anche punito dai Commissari Sportivi con 3 posizioni sulla griglia di partenza per non aver rispettato il limite di velocità in regime di bandiera rossa nel corso del secondo turno. 

“Sono scattato bene e ho recuperato qualche posizione, ma dopo alcuni giri sono scivolato indietro trovandomi bloccato alle spalle di un gruppetto di vetture più lente”, ha confidato alla fine.

“Nel secondo stint le sensazioni sono migliorate, ho registrato discreti riscontri cronometrici e ingaggiato una bella lotta con Lotterer, tuttavia il gap della top 10 era ormai troppo ampio”. 

 

“Nel prossimo round il focus principale sarà sulla qualifica. Debbo sforzarmi di partire più avanti, perché è ciò che mi darà più possibilità di entrare in zona punti”, ha quindi concluso. 

 

Prossimo articolo Formula E
Bird: “Il mio è stato un podio per limitare i danni”

Previous article

Bird: “Il mio è stato un podio per limitare i danni”

Next article

Di Grassi: “Il fatto è che Vergne si è difeso alla perfezione”

Di Grassi: “Il fatto è che Vergne si è difeso alla perfezione”