Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Formula E ePrix di Berlino I

FE | Vergne sul podio, Vandoorne a punti nella prima gara a Berlino

I piloti di DS Penske hanno brillato nella prima delle due gare di Berlino: Jean-Eric Vergne, secondo classificato, ha conquistato il suo 35° podio, mentre Stoffel Vandoorne ha chiuso al settimo posto dopo essere stato coinvolto in una collisione.

Jean-Eric Vergne, DS Penske

Dopo il terzo e il quarto posto conquistati a Monaco quindici giorni fa, Vandoorne e Vergne sono arrivati a Berlino con la ferma intenzione di conquistare un altro buon bottino di punti. E ci sono riusciti, già alla prima gara!

È vero che i due piloti del Team DS Penske conoscono bene il tracciato, visto che Berlino è l'unica città che ha fatto parte del calendario del campionato fin dalla sua nascita. Questa volta, però, il percorso tracciato dagli organizzatori è nuovo: lungo 2,3 km e con 15 curve, il circuito berlinese ha anche l'insolita caratteristica di essere ricoperto di cemento tipo "pista".

"Questo nuovo tracciato rappresenta una sfida sia per i piloti che per l'intera squadra, e sono lieto che siamo riusciti a vincerla", commenta Eugenio Franzetti, Direttore di DS Performance, che prepara con cura le monoposto elettriche per il team DS Penske.

"Poiché la superficie di questo circuito è la più abrasiva della stagione, dobbiamo non solo gestire l'energia delle batterie, ma anche l'usura degli pneumatici. È su questa base che i nostri piloti hanno lavorato alla messa a punto della loro DS E-TENSE FE23, che ha poi portato al magnifico livello di prestazioni che abbiamo visto oggi."

Stoffel Vandoorne, DS Penske, DS E-Tense FE23

Stoffel Vandoorne, DS Penske, DS E-Tense FE23

Foto di: DR

La DS E-TENSE FE23 in pista

Vandoorne ha fatto registrare una serie di buoni tempi nelle prove. Anche Vergne si è piazzato nella top 10, addirittura davanti al suo compagno di squadra (quinto) nella seconda sessione. I due piloti della DS Penske sono innegabilmente all'altezza del compito sul tracciato berlinese, visto che le qualifiche sono iniziate con un bel crono. Dopo essersi entrambi qualificati per i quarti di finale dopo le fasi a gironi, Vergne e Vandoorne hanno vinto il loro primo duello e sono passati alle semifinali. Mentre Vergne è stato battuto dalla Mahindra di Edoardo Mortara per un decimo di secondo, Vandoorne si è sbarazzato della ERT di Sergio Sette Camara. Nel finale il belga ha poi incontrato proprio Mortara e il duello finale è andato a favore del pilota Mahindra.

Ma con Vandoorne in prima fila e Vergne subito dietro, DS Penske sembrava essere la squadra più forte sulla griglia. L'unico altro costruttore che è riuscito a portare entrambe le sue vetture nella top 10 è stata la Maserati.

"È un peccato non aver ottenuto i tre punti dalla pole position", ha commentato Vandoorne. "Ma la macchina è incredibile e possiamo essere fiduciosi per il futuro. La cosa importante ora è fare il miglior lavoro possibile per la squadra e cercare di finire sul podio".

Jean-Eric Vergne, DS Penske, DS E-Tense FE23

Jean-Eric Vergne, DS Penske, DS E-Tense FE23

Foto di: DR

Una gara folle

Dopo soli tre giri, le due vetture DS Penske erano in testa. È stato allora che è iniziato il lavoro di squadra, perché due piloti in questo tipo di gara possono aiutare a proteggere le loro posizioni. Ma su questo circuito, la zona di attivazione della modalità Attack è lontana dalla traiettoria ideale e comporta la perdita di più posizioni.

Subito dietro, le due Porsche hanno messo sotto pressione le vetture franco-americane, che però hanno resistito. Le posizioni sono cambiate leggermente e, quando è entrata la safety car, con i distacchi che si sono ridotti. Alla ripartenza, le DS Penske hanno perso qualche posizione, ma sono rimaste nel gruppo di testa.

Pochi giri dopo, Vandoorne è stato suo malgrado coinvolto in un tamponamento con diverse vetture e ha perso nuovamente posizioni uscendo dalla top 10, ma la fine della gara ha evidenziato le ottime prestazioni delle DS E-TENSE FE23.

Poiché gli organizzatori hanno aggiunto sei giri per compensare le Safety Car, si è optato per un'altra strategia energetica. Il finale di gara è stato totalmente folle, con molti cambi di posizione.

Jean-Eric Vergne, DS Penske, DS E-Tense FE23

Jean-Eric Vergne, DS Penske, DS E-Tense FE23

Foto di: DR

Almeno sei piloti avevano la possibilità di vincere e, fino all'ultimo momento, DS Penske aveva la chance di trionfare. Alla fine Vergne si è assicurato il secondo posto, mentre Vandoorne è riuscito a risalire fino al settimo.

"È stata una gara molto intensa", ha dichiarato Vergne subito dopo il traguardo. "Mi mancava un po' di energia, ma il nostro ritmo era molto buono e sono molto contento di questo podio. È molto rassicurante per il futuro".

La seconda gara di Berlino si svolgerà domenica, con partenza alle 15.03 ora locale.

Jean-Eric Vergne, DS Penske, 2nd position, Nick Cassidy, Jaguar TCS Racing, 1st position, Oliver Rowland, Nissan Formula E Team, on the podium

Jean-Eric Vergne, DS Penske, 2ª posizione, Nick Cassidy, Jaguar TCS Racing, 1ª posizione, Oliver Rowland, Nissan Formula E Team, sul podio

Foto di: DR

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente FE | Berlino: Cassidy vince di strategia e vola in testa al mondiale
Prossimo Articolo FE | Berlino 2: Dennis sorprende e torna in pole battendo Cassidy

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia