Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Formula E Londra I

FE | DS Penske: ultima chance per ottenere punti importanti

Gli ultimi due round del campionato mondiale di Formula E si svolgeranno questo fine settimana sulle rive del Tamigi, su un circuito atipico con una sezione al coperto.

Stoffel Vandoorne, DS Penske, Spark-DS, DS E-Tense FE23

Nel 2022, le due gare già disputate a fine luglio sullo stesso tracciato hanno avuto più successo per Stoffel Vandoorne che per Jean-Eric Vergne, spinto fuori pista da un altro concorrente.

Sulla strada verso il suo primo titolo mondiale (allora con la Mercedes), il pilota belga si era piazzato prima secondo e poi quarto sul tracciato più specifico dell'intero calendario. Dopo le corsie di Battersea Park, per il 2021 la Formula E si è trasferita all'ExCeL London, un centro espositivo di dimensioni XXL.

Costruito sulle rive del Tamigi nel quartiere di Newham, questo spazio, il cui edificio è lungo oltre un chilometro, ospita eventi di ogni tipo sugli ex docks della Royal Victoria. Inaugurato nel 2000, è stato sede dei Giochi Olimpici del 2012 con una serie di eventi (lotta, pugilato, tennis da tavolo, sollevamento pesi, ecc.) ma non aveva mai ospitato una gara automobilistica. La Formula E ha compiuto questa impresa, resa possibile dalla natura elettrica delle sue monoposto.

Stoffel Vandoorne, DS Penske

Stoffel Vandoorne, DS Penske

Foto di: DPPI

Una nuova edizione in cantiere

Sulla scia del successo popolare delle ultime due edizioni, il 29 e 30 luglio si terranno nuovamente due gare all'ExCel di Londra. Lungo solo 2,14 km e con 22 curve, il percorso è unico nel suo genere, in quanto circa il 25% di esso è al coperto, il che equivale a quasi 600 metri. Le auto entrano nell'edificio attraverso una rampa d'accesso, dove trovano un tipo di circuito diverso, con un'aderenza variabile sulla superficie resinata abrasiva.

Questo aspetto è particolarmente importante in caso di precipitazioni, quando le vetture devono affrontare due diversi tipi di circuito con gli stessi pneumatici, poiché in Formula E non esistono pneumatici da pioggia. Con nuove vetture e nuovi pneumatici, Hankook ha sostituito Michelin all'inizio dell'era Gen3, cosa succederà quest'anno in caso di maltempo? Questa è tipicamente una situazione in cui l'esperienza dei piloti darà i suoi frutti e in cui i veterani della categoria, come Vergne Sebastien Buemi o Lucas di Grassi, potrebbero fare la differenza.

Per Buemi, che deve assicurare punti all'Envision Racing nella corsa al titolo costruttori davanti al pubblico di casa, la pressione sarà massima. Per Vergne e di Grassi, invece, lo spettacolo potrebbe essere maggiore, date le prestazioni di fine stagione. Con i due titoli ancora in palio, quale sarà l'esito di questa finale in cui Jaguar, Porsche, Envision e Avalanche Andretti daranno il massimo? E come arbitrerà la partita il team DS Penske, che in questa stagione ha spesso rappresentato un cliente scomodo per gli avversari? La risposta arriverà questo fine settimana.

Jean-Eric-Vergne, DS Penske

Jean-Eric-Vergne, DS Penske

Foto di: DPPI

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente FE | McLaren: nuova livrea creata con l’intelligenza artificiale
Prossimo Articolo FE | Londra: miglior tempo per Evans, ma in pole partirà Cassidy

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia