Faraday Future e Dragon Racing insieme molto a lungo

condivisioni
commenti
Faraday Future e Dragon Racing insieme molto a lungo
Di:
Tradotto da: Gabriele Testi, Direttore Responsabile Motorsport.com Switzerland
4 lug 2016, 15:13

La start-up californiana diretta da Marco Mattiacci e la squadra di Jay Penske hanno firmato un accordo allo stesso tempo tecnico e di sponsorizzazione che ha debuttato nell’ePrix di Londra.

Jérôme D'Ambrosio, Dragon Racing
Jérôme d'Ambrosio, Dragon Racing
Loic Duval, Dragon Racing
Loic Duval, Dragon Racing
Loic Duval, Dragon Racing
Loic Duval, Dragon Racing breaks down
Loic Duval, Dragon Racing
Conferenza stampa Dragon Racing e Faraday Future: Marco Mattiacci, Global Chief Brand e Commercial O
Conferenza stampa Dragon Racing e Faraday Future: Jay Penske, Dragon Racing
Conferenza stampa Dragon Racing e Faraday Future: Alejandro Agag - CEO, Formula E Holdings
Faraday Future, rendering fabbrica Las Vegas
Faraday Future FFZERO1 concept
Faraday Future FFZERO1 concept
Dragon Racing-Faraday Future, concept della livrea

La Faraday Future, società americana finanziati da capitali cinesi e specializzata nella mobilità elettrica e automatizzata, sarà il partner tecnico e lo sponsor della Dragon Racing nella terza stagione di vita del Campionato FIA di Formula E, cioè dall’edizione 2015-2016. Anzi, già nel week end di Battersea Park le fiancate delle monoposto di Jérome D’Ambrosio e Loic Duval recavano un’enorme scritta maiuscola-minuscola col suo nome.

Stando a quanto risulta a Motorsport.com, l’accordo dovrebbe comportare un significativo investimento pluriennale e rischia di essere la più massiccia operazione di partenariato che nella storia della Formula E coinvolge un team indipendente, cioè senza l’intervento di costruttori di auto come Audi, DS o Renault.

La Dragon Racing, di proprietà di Jay Penske, ha lavorato a lungo al raggiungimento di un accordo di partnership con la Faraday Future sin dall'inizio della primavera di quest’anno, quando ha ingaggiato Keith Smout, ex responsabile marketing e commerciale del Team Aguri.

Il manager canadese è stato una delle forze trainanti e propulsive dell’intera operazione e si è impegnato al massimo per arrivare alla firma dei contratti in tempo sia per l'inizio della terza stagione che per l’annuncio ufficiale avvenuto a Londra.

C'è il coinvolgimento di Marco Mattiacci

Com’è noto, la Faraday Future è stata fondato nel 2014 e ha il proprio quartier generale a Gardena, in California. L'azienda ha recentemente nominato Marco Mattiacci, già responsabile in Formula 1 della Ferrari, nell’importante ruolo di responsabile globale del marchio e capo della direzione commerciale.

L'azienda sino-americana sta costruendo il primo impianto di produzione nel Nevada settentrionale, dove costruirà un’ampia gamma di veicoli elettrici e autonomi di prossima generazione. Non è tutto: all'inizio del mese di luglio, la Faraday Future ha ottenuto dalle autorità della California un’autorizzazione per sperimentare su strada le prime automobili senza conducente.

Al proposito, proprio quest'anno la start-up USA ha svelato la propria concept-car FFZERO1, che è stata progettata da un’équipe di ingegneri che comprendeva Richard Kim, ex designer BMW.

Niente più Venturi per i powertrain

Durante lo scorso mese di dicembre, Motorsport.com ha rivelato che la Dragon Racing sarebbe diventata un costruttore indipendente a partire dalla terza stagione, dopo aver utilizzato per un anno le stesse unità motrici VM200-FE-01 della Venturi in qualità di “team cliente” della casa automobilistica monegasca.

Per realizzarlo nei tempi previsti e nel miglior modo possibile, il team americano ha ingaggiato Nicolas Mauduit, ex designer della Venturi e specialista di ingegneria elettronica ed elettrotecnica.

Il francese ha messo insieme il pacchetto powertrain-inverter-trasmissione-sospensione posteriore della Dragon Racing, che è sceso in pista per la prima volta nei giorni scorsi su un tracciato ignoto con l’esperto belga Jérome D'Ambrosio al volante.

Parlando a Motorsport.com a Parigi alla fine di aprile, Nicolas Mauduit ha detto: "Tutto è stato messo insieme bene e con le tempistiche programmate. Le soluzioni che abbiamo pensato e realizzato per la terza stagione tre sono molto convincenti”.

Concludendo: "Penso che il prossimo anno tutte le squadre saranno un po’ più vicine fra loro e che ci sarà una concorrenza ancora più stretta fra le scuderie e i soggetti coinvolti". 

 

Prossimo Articolo
Di Grassi: “È stato Buemi a frenare 50 metri prima!”

Articolo precedente

Di Grassi: “È stato Buemi a frenare 50 metri prima!”

Prossimo Articolo

Il team Amlin Andretti ha confermato Robin Frijns

Il team Amlin Andretti ha confermato Robin Frijns
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula E
Piloti Loïc Duval , Jérôme D'Ambrosio
Team Dragon Racing
Autore Sam Smith