E-Prix di Berna: rinviato lo shakedown perché la pista non è stata ancora completata

condivisioni
commenti
E-Prix di Berna: rinviato lo shakedown perché la pista non è stata ancora completata
Di:
Co-autore: Tom Errington
21 giu 2019, 15:22

In alcuni punti del tracciato devono essere ancora posizionate le reti ed i muretti di protezione. I piloti potrebbero scendere in pista alle 17:45.

La sessione di shakedown doveva svolgersi venerdì alle 15:00 ora locale nella capitale svizzera, ma ora si svolgerà alle 17:45 e sarà una sessione abbreviata di 15 minuti.

Secondo quanto appreso da Motorsport.com i muri e le recinzioni sono ancora in fase di installazione in diversi punti intorno alla pista di 1,7 miglia. La Formula E e la FIA hanno deciso di ritardare la sessione di shakedown per dare ai team e ai piloti la possibilità di provare la nuova pista in condizioni di shakedown normali, il che significa correre in modalità 110kW più bassa rispetto alla potenza standard di 200kW in gara.

C'erano state proposte per far svolgere lo shakedown alle 15:00 come previsto, ma in uno scenario del genere le vetture avrebbero dovuto seguire la safety car in quanto nessuna sessione può disputarsi regolarmente fino a quando una pista non è terminata per motivi di sicurezza.

La possibilità di eseguire lo shakedown abbreviato dietro la safety car rimane qualora l'infrastruttura rimanente della pista non potrà essere installata entro i tempi programmati.

La pista di Berna è caratterizzata da ripide discese e relative salite per quasi tutta la sua lunghezza, con tratti estremamente stretti e diverse curve strette.

Anche il paddock interno si trova a quasi 1 km dalla pitlane, il che significa che le vetture dovranno lasciare il garage alle 17:25 per essere in posizione per l'inizio dello shakedown alle 17:45.

L'equipaggiamento della squadra ai box è alloggiato in tende satellite più piccole rispetto ai soliti allestimenti.

Il pilota dell'Audi, Lucas di Grassi, ha descritto la pista come "Un circuito vecchio stile simile a Oulton Park e Macau e Pau".

"Tracciati dove il pilota fa la differenza è necessario avere un'auto molto buona", ha continuato. "Non c'è margine di errore”.

"Se dovesse piovere sarebbe il caos perché la Formula E è super difficile da guidare sul bagnato. Con 250k/w sembra super veloce. Non vedo l'ora di guidare qui perché penso che sarà una gara emozionante.

"In fondo alla collina si arriva a circa 230 km/h,. Quando si affronta quel tratto in una macchina FE sembra di correre  a Le Mans andando  400 km/h.".

Quando gli sono state chieste le sue riflessioni su come la conformazione della pista potrebbe influire sui sorpassi, il pilota HWA Gary Paffett ha dichiarato a Motorsport.com: "Sarà una sfida perché è stretta e perché le linee rette non sono così dritte. Il sorpasso sarà difficile, ma possibile. La difesa sarà relativamente facile qui. È la Formula E, quindi alla fine troveremo un modo per superare, ma non sarà facile".

Prossimo Articolo
Formula E: ecco le novità approvate dal Consiglio Mondiale per la stagione 2019/2020

Articolo precedente

Formula E: ecco le novità approvate dal Consiglio Mondiale per la stagione 2019/2020

Prossimo Articolo

A Berna il tracciato della Formula E vandalizzato dai dimostranti!

A Berna il tracciato della Formula E vandalizzato dai dimostranti!
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula E
Evento ePrix della Svizzera
Sotto-evento Venerdì
Autore Alex Kalinauckas