Buemi: “Il pit-stop sotto Safety-Car? Temevo un errore”

Il pilota svizzero, alla settima vittoria in F.E nell'ePrix di Hong Kong, racconta di avere beneficiato di un migliore assetto sulla seconda Renault Z.E. 16 dopo l’adozione di una strategia “al limite”...

Il primo ePrix di Hong Kong ha regalato a Sébastien Buemi la settima vittoria nella storia del Campionato FIA di Formula E e riconsegnato il “re” in carica della serie “full electric” alla leadership della classifica generale con 25 punti, ben sette in più dell’arcirivale Lucas Di Grassi (Audi Sport ABT Schaeffler). 

Dal quarto slot sulla griglia di partenza, il pilota della Renault e.dams ha guidato in maniera misurata e guadagnato una posizione con un sorpasso in pista, un altro grazie all’incidente di un avversario e, infine, la P1 in virtù di un ardita strategia al pit-stop. 

 

“Inizialmente ho pensato che avevamo commesso un errore quando abbiamo effettuato il cambio macchina in regime di Safety-Car, ma poi tutto ha funzionato perfettamente, come abbiamo visto”, ha esclamato il pilota svizzero al traguardo. 

 

“Sono stato felice del risultato di domenica, ma abbiamo dovuto certamente lottare per strapparlo. Abbiamo visto in qualifica quanto forte tutti gli altri stessero spingendo e la gara non è stata facile, dal nostro punto di vista. Mi sono sentito molto più a mio agio con la seconda auto, dal momento che abbiamo potuto apportare alcune modifiche di set-up, ma nel complesso di Hong Kong è stato un ottimo week end e, ovviamente, anche un modo decisamente eccellente per iniziare la nuova stagione". 

 

 

 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula E
Evento ePrix di Hong Kong
Sub-evento Domenica, post-gara
Circuito Hong Kong Street Circuit
Piloti Sébastien Buemi
Team DAMS
Articolo di tipo Intervista