Baruffa alla Dragon Racing per il contatto Duval-D’Ambrosio!

Un azzardato tentativo di sorpasso di Loïc sul compagno di squadra ha fatto perdere a Jérôme il sesto posto finale, e nella squadra USA sono volate parole grosse fra il belga e l’ingegner Fabrice Roussel...

Baruffa alla Dragon Racing per il contatto Duval-D’Ambrosio!
Jérôme d'Ambrosio, Dragon Racing, Spark-Penske, Penske 701-EV
Loic Duval, Dragon Racing, Spark-Penske, Penske 701-EV
Jérôme d'Ambrosio, Dragon Racing
Jérôme d'Ambrosio, Dragon Racing
Jérôme d'Ambrosio, Dragon Racing
Loic Duval, Dragon Racing
Jérôme d'Ambrosio, Dragon Racing
Loic Duval, Dragon Racing
Jérôme d'Ambrosio, Dragon Racing
Jérôme d'Ambrosio, Dragon Racing
Loic Duval, Dragon Racing
Jérôme d'Ambrosio, Dragon Racing
Jérôme d'Ambrosio, Dragon Racing, Spark-Penske, Penske 701-EV
Jérôme d'Ambrosio, Dragon Racing
Jérôme d'Ambrosio, Dragon Racing, Spark-Penske, Penske 701-EV
Jérôme d'Ambrosio, Dragon Racing, Spark-Penske, Penske 701-EV
Adam Carroll, Jaguar Racing; Jérôme d'Ambrosio, Dragon Racing
Nicolas Prost, Renault e.Dams; Loic Duval, Dragon Racing

La tardiva lotta con il coltello tra i denti fra Jérôme D'Ambrosio e Loïc Duval per il sesto posto finale dell’ePrix di Buenos Aires sta causando notevoli tensioni all'interno del team Faraday Future Dragon Racing, dubbi che hanno preso corpo subito nel post-gara. 

La coppia ha duellato ferocemente nelle fasi finali, finché il francese non si è avvicinato al compagno di squadra belga e non l’ha attaccato, provocando un leggero contatto fra di loro.

Sono volate allora parole grosse fra D'Ambrosio e l’ingegnere di pista di Loïc Duval, Fabrice Roussel, che si sono accusati reciprocamente di scorrettezze e di intempestività, tanto più che Jérôme si è sentito personalmente danneggiato dall'intensità della battaglia nelle fasi finali della corsa di Puerto Madero. 

"Ero sesto quando mancavano due giri dalla fine e non vi era alcun motivo perché io fossi costretto a retrocedere ottavo", ha detto il pilota di origini italiane.

"Questo è tanto più vero nella misura in cui i ragazzi della squadra, parlandosi alla radio negli ultimi cinque giri, ci avevano esortato a portare a casa il risultato così com’era e a prendersela tutto sommato comoda”.

E ancora: "Hanno detto la stessa cosa a Loïc (Duval, ndr), dopodiché se n’è uscito con una pazzia vera e propria quando mancavano due tornate alla bandiera a scacchi. Qui c’è un bel peccato da emendare. Sia che si tratti di un equivoco, sia che sia successa qualsiasi altra cosa. Io non lo so proprio...". 

 

Duval, che ha recuperato parecchio terreno durante la corsa argentina dalla 14esima posizione della griglia di partenza, arrivando a conquistare il suo miglior risultato in Formula E dai tempi dell’ultimo round 2016 di Battersea Park, ha insistito nel sottolineare che il suo attacco di fine corsa è stato sì aggressivo, ma perfettamente rispondente a una logica di lealtà. 

"Ad un certo punto, ho ricevuto un messaggio dalla squadra secondo il quale, all'inizio del secondo stint, Jérôme (D’Ambrosio, ndr) aveva più energia disponibile di me, il che era perfettamente normale, dal momento che io avevo percorso un giro in meno con la prima vettura", ha detto.

"Come avete già visto in passato, quando abbiamo avuto battaglie in pista fra di noi, per la maggior parte del tempo io mi sono sempre comportato in maniera specchiata e gentile. In questo fine settimana, io mi trovato in una posizione per la quale ero competitivo: avendo meno energia a disposizione, ho attaccato”, ha continuato il transalpino. 

 

"Ho sempre dato strada ai miei avversari se ricorrevano le condizioni giuste, ma di sicuro non mi faccio passare facilmente. Essendo stato in grado di tornare a un livello sufficiente di energia, alla fine sono stato in grado di azzardare un sorpasso".

Jay Penske, team principal della Faraday Future Dragon Racing, ha spiegato a Motorsport.com che il protocollo interno alla squadra americana è quello di gareggiare sempre in maniera pulita ed efficace, anche contro il proprio compagno di squadra. 

"Ma se si danneggia il compagno di squadra per un eccesso di aggressività, allora si è puniti con la sanzione di dover rinunciare alla gara successiva", ha chiarito il manager di Santa Monica.

"Jérôme (D’Ambrosio, ndr) era frustrato perché voleva fortemente il sesto posto: lui è un corridore nato, ed è rimasto molto deluso per il fatto di avere dovuto rinunciare a ben due piazze in classifica senza un vero perché". 

 

condivisioni
commenti
Fotogallery: Buemi fa tris nell'ePrix di Buenos Aires

Articolo precedente

Fotogallery: Buemi fa tris nell'ePrix di Buenos Aires

Prossimo Articolo

Buemi: “Peccato soltanto per i punti della pole position”

Buemi: “Peccato soltanto per i punti della pole position”
Carica commenti
Formula E: la costanza non è l'elemento chiave per il titolo Prime

Formula E: la costanza non è l'elemento chiave per il titolo

Andare costantemente a punti potrebbe non essere la scelta vincente per puntare al titolo in Formula E, complice anche un format di qualifica penalizzante per i piloti di vertice e creato per scompigliare le carte.

Formula E
23 lug 2021
Formula E: a Monaco è grande show ad andamento lento Prime

Formula E: a Monaco è grande show ad andamento lento

L'E-Prix nel Principato ha messo a nudo le inferiorità tecnico-velocistiche delle monoposto elettriche, che però hanno regalato una corsa molto bella sfruttando al meglio le proprie caratteristiche su un tracciato che non è stato pensato apposta per loro.

Formula E
11 mag 2021
Formula E: il flop di Valencia come monito per il futuro Prime

Formula E: il flop di Valencia come monito per il futuro

Lontana dai centri cittadini la Formula E ha evidenziato tutte le sue lacune. L'esperimento di Valencia servirà da lezione per gli organizzatori della categoria che hanno ottenuto un richiamo mediatico enorme, ma per i motivi sbagliati...

Formula E
27 apr 2021
Formula E: la redenzione di Vergne e Vandoorne a Roma Prime

Formula E: la redenzione di Vergne e Vandoorne a Roma

Nel weekend dell'E-Prix di Roma il pilota della DS Techeetah ed il belga della Mercedes sono riusciti a conquistare due vittorie dopo due incidente che avrebbero potuto gettare tutto al vento. Scopriamo come è stato possibile.

Formula E
13 apr 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Cosa rivela l'impegno di Nissan sul futuro della Formula E Prime

Cosa rivela l'impegno di Nissan sul futuro della Formula E

La Casa giapponese ha confermato il proprio impegno nella categoria elettrica anche per i prossimi anni e questo è un chiaro segno che denota come la Formula E non sia solo una ottima piattaforma di marketing.

Formula E
1 apr 2021
Formula E: un inizio controverso tra incidenti e missili! Prime

Formula E: un inizio controverso tra incidenti e missili!

Con la nuova stagione di Formula E che ha preso il via in Arabia Saudita, il campionato è sembrato cercare di recuperare il tempo perduto con un eccesso di azione e polemiche dentro e fuori la pista. Mentre alcuni punti di discussione potrebbero avere gravi ripercussioni, è stata un'apertura di 2021 esplosiva per molte ragioni.

Formula E
4 mar 2021
Chinchero racconta Vergne - Stelle di altri mondi Prime

Chinchero racconta Vergne - Stelle di altri mondi

Stelle di altri mondi è la rubrica in cui Roberto Chinchero, prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta la carriera nel motorsport di piloti che la F1 non hanno potuto fare altro che sognarla nonostante il grande talento o che nel Circus iridato sono state talentuose meteore. Buon ascolto!

Formula E
18 feb 2021