Formula E
17 gen
-
18 gen
Evento concluso
14 feb
-
15 feb
Evento concluso
G
Marrakesh ePrix
27 feb
-
29 feb
Prossimo evento tra
6 giorni
03 apr
-
04 apr
Prossimo evento tra
42 giorni
G
Paris ePrix
17 apr
-
18 apr
Prossimo evento tra
56 giorni
G
Seoul ePrix
02 mag
-
03 mag
Prossimo evento tra
71 giorni
G
Jakarta ePrix
05 giu
-
06 giu
Prossimo evento tra
105 giorni
G
Berlin ePrix
20 giu
-
21 giu
Prossimo evento tra
120 giorni
G
New York City ePrix
10 lug
-
11 lug
Prossimo evento tra
140 giorni
G
London ePrix
25 lug
-
25 lug
Prossimo evento tra
155 giorni
G
E-Prix di Londra II
26 lug
-
26 lug
Prossimo evento tra
156 giorni

Barclay: “Un duro lavoro di simulazione e di fitness...”

condivisioni
commenti
Barclay: “Un duro lavoro di simulazione e di fitness...”
Di:
, Direttore Responsabile Motorsport.com Switzerland
9 nov 2016, 15:55

Il responsabile del programma sportivo in F.E della Jaguar Racing non nega lo smarrimento per il flop di Hong Kong, né che in vista di Marrakech siano stati presi tutti gli accorgimenti possibili per rifarsi.

Adam Carroll, Jaguar Racing
Adam Carroll, Jaguar Racing
Adam Carroll, Jaguar Racing
Adam Carroll, Jaguar Racing
Mitch Evans, Jaguar Racing
Mitch Evans, Jaguar Racing
Mitch Evans, Jaguar Racing
Adam Carroll, Jaguar Racing
Adam Carroll, Jaguar Racing
Adam Carroll, Jaguar Racing
Mitch Evans, Jaguar Racing
Mitch Evans, Jaguar Racing

L’ePrix di Marrakech dovrà necessariamente rappresentare un salto di qualità per la Jaguar Racing, il cui esordio di Hong Kong ha certamente rappresentato una delusione non soltanto per i tifosi e i piloti, ma anche per i vertici della stessa Casa di Coventry. 

Non contento dell’esito del 9 ottobre scorso, dove i “rookie” Adam Carroll e Mitch Evans non andarono più in là della 12esima posizione e di un mestissimo ritiro, James Barclay non ha problemi a raccontare che cosa è stato necessario fare nel lungo lasso di tempo trascorso fra il primo e il secondo round del Campionato FIA di Formula E edizione 2016-2017... 

"La nostra prima gara ci ha lasciato in eredità un sacco di dati da analizzare e sviscerare, il che è stato incredibilmente utile per gli ingegneri. Avevano richiesto alla squadra ulteriori informazioni per accelerare il processo di apprendimento dei meccanismi della Formula E, com’è normale per ogni nuova squadra”, ha spiegato il responsabile del programma “full electric” del Marchio inglese.

“Maneggiare le auto in condizioni di gara è stato estremamente prezioso da un punto di vista dello sviluppo futuro, non ne vedevamo l’ora, perché tutte le informazioni che possiamo raccogliere si rivelano elementi chiave in questa precisa fase”. 

 

Nel dettaglio: “Adam (Carroll, ndr) è volato al Fuji per una tappa del Campionato del Mondo Endurance, mentre il resto di noi ha affrontato subito il volo di ritorno in Inghilterra. Da quel momento, noi abbiamo intrapreso un enormo lavoro di simulazione in preparazione di Marrakech, ma non soltanto: entrambi i piloti si sono allenati con un programma di fitness specifico per prepararsi al meglio alle condizioni di caldo che ci aspettiamo l’ePrix di Marrakech possa sciorinarci".

Prossimo Articolo
Così il "caso" del regen... incendia il paddock della F.E!

Articolo precedente

Così il "caso" del regen... incendia il paddock della F.E!

Prossimo Articolo

Ora è il team ABT a dominare il FanBoost marocchino!

Ora è il team ABT a dominare il FanBoost marocchino!
Carica commenti